Il paracetamolo (Tachipirina) è un antinfiammatorio non steroideo (FANS)?

MEDICINA ONLINE FARMACO FARMACI EFFETTI COLLATERALI INDICAZIONI CONTROINDICAZIONI EFFETTO DOSE DOSAGGIO PILLOLE CREMA PASTIGLIE SUPPOSTE SIRINGA INIEZIONE EMIVITA FARMACOCINETICAFANS

Con “farmaci antinfiammatori non steroidei” (il cui acronimo è “FANS“) si indica una classe di farmaci dal triplice effetto:

  • antinfiammatorio: combattono l’infiammazione;
  • analgesico: diminuiscono il dolore;
  • antipiretico: diminuiscono la febbre.

Esempi tipici di FANS sono (presenti sia principio attivo che nomi commerciali): l’Aspirina, il Vivin, il diclofenac, il Voltaren, il Toradol, l’ibuprofene, il Moment, il Momentact, il Buscofen, il Brufen, il ketoprofene, l’Oki, il Momendol, il Froben, il Tantum Verde, il nimesulide, l’Aulin. Gli effetti collaterali dei FANS sono molti:

  • danno alla mucosa gastrica;
  • lesioni ulceroidi delle mucose;
  • complicanze renali;
  • impedimento dell’aggregazione piastrinica;
  • effetto epatotossico.

Paracetamolo

Il paracetamolo (principio attivo contenuto nei famosi Tachipirina ed Efferlagan) è un FANS? No, il paracetamolo NON è un antinfiammatorio non steroideo, anche se condivide coi FANS alcune attività ed indicazioni. Il paracetamolo è un farmaco ad azione analgesica e antipiretica (quindi NON ha la potente azione antinfiammatoria tipica dei FANS) tuttavia è largamente utilizzato nei comuni preparati da banco per le forme virali da raffreddamento, o nei farmaci destinati al trattamento del dolore acuto e cronico, anche qualora fosse determinato da infiammazione. Il paracetamolo è usato sia da solo, sia in associazione ad altre sostanze, ad esempio la codeina per un maggior effetto. Ecco un esempio di famosi farmaci contenenti paracetamolo:

  • Efferalgan (solo paracetamolo);
  • Co-efferalgan (paracetamolo con codeina);
  • Tachipirina (solo paracetamolo);
  • Tachidol (paracetamolo con codeina);
  • Acetamol (solo paracetamolo).

Il paracetamolo, rispetto ai FANS, è considerato un farmaco a minore “potenza” antidolorifica, tuttavia presenta vantaggi molto importanti:

  • non è tossico (ad esempio non presenta gastrolesività e nefrotossicità);
  • è più facile da sintetizzare;
  • è più economico;
  • ha decisamente meno effetti collaterali, interazioni e controindicazioni;
  • non interferisce con la coagulazione (non ha attività antiaggregante);
  • può essere usato su bambini e donne incinte con meno pericoli.

Il paracetamolo è un farmaco estremamente sicuro, tuttavia in caso di abuso può verificarsi un avvelenamento da paracetamolo, caratterizzato da danni renali ed epatici.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Farmaci, terapie e sostanze d'abuso e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.