Medico della fertilità usava il suo sperma al posto di quello dei donatori: ora ha 49 figli

MEDICINA ONLINE LABORATORIO MICROSCOPIO VIRUS BATTERIO FUNGO INFEZIONE ANALISI SANGUE VALORI REFERTO BIOPSIA PATOLOGO LINFONODO SENTINELLA CHIMICA BIOLOGIA MEDICI FARMACI COLESTEROLO ANTIBIOTICI RICERCA SCIENZA SPERMA DNA.jpgScandalo in Olanda: l’ex direttore della banca del seme di Nimega (situata nella provincia della Gheldria, a pochi chilometri dalla Germania) sarebbe il padre biologico di ben 49 bambini nati con l’inseminazione artificiale. Lo ha reso noto – al termine di svariati esami del DNA – Defence for Children, un’organizzazione che rappresenta madri e figli coinvolti in questa assurda vicenda. L’ex direttore, il medico Jan Karbaat (ne frattempo morto a 89 anni, nel 2017) ha incredibilmente utilizzato il suo sperma per fecondare le donne, invece che quello dei donatori scelti dalle famiglie, senza che nessuno ne fosse informato.

Leggi anche: Ed Houben, il donatore di sperma più prolifico del mondo: ha 99 figli e preferisce il sesso vero

MEDICINA ONLINE Jan Karbaat Medico della fertilità usava il suo sperma al posto di quello dei donatori ora ha 49 figli.jpg

Il medico ed alcuni suoi “figli”

L’aspetto dei bambini

Il caso è esploso quando un tribunale ha disposto che i prelievi di DNA eseguiti su alcuni effetti personali del medico dovessero essere messi a disposizione dei clienti della clinica per effettuare le appropriate comparazioni in laboratorio. Tutto è iniziato tempo fa, quando le famiglie avevano intentato una causa legale dopo aver denunciato delle incongruenze nelle somiglianze tra alcuni dei bambini e i supposti donatori. I risultati delle analisi di laboratorio hanno confermato che 49 bambini sono discendenti diretti di Karbaat e non degli individui scelti dalle famiglie per la fecondazione. La banca del seme in questione ha chiuso nel 2009, dopo che le autorità avevano scoperto diverse irregolarità nell’attività della clinica. Il medico, essendo deceduto, non potrà mai più spiegare i motivi di questo suo gesto, né pagare per il suo reato.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Storia e curiosità di medicina, scienza e tecnologia e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.