LAD (Language Acquisition Device) di Noam Chomsky

MEDICINA ONLINE BAMBINI BIMBI SCUOLA PRIMARIA ELEMENTARE ETA PICCOLI EDUCAZIONE INSEGNANTE DISTURBI SPECIFICI APPRENDIMENTO DSA INTELLIGENZA DISLESSIA DISGRAFIA DISORTOGRAFIA ATTENZIONE DISCALCULIA SCRIVERE NUMERI ERRORICon LAD, acronimo di “Language Acquisition Device” (dispositivo di acquisizione della lingua) si fa riferimento ad un meccanismo del cervello ipotizzato da Noam Chomsky – celebre filosofo e teorico della comunicazione statunitense – per spiegare l’innata capacità dell’essere umano di apprendere le strutture sintattiche del linguaggio. Tale meccanismo fornisce ai bambini la complessa capacità di ricavare la struttura sintattica e le regole della loro lingua nativa, in modo rapido e preciso, nonostante un input limitato fornito dall’ambiente che li circonda.
Il LAD è costituito da un insieme finito di dimensioni lungo le quali variano le lingue, che sono fissati a livelli diversi per le diverse lingue sulla base dell’esposizione di lingua. LAD riflette il presupposto di fondo di Chomsky che molti aspetti del linguaggio sono universali, cioè comuni a tutte le lingue e le culture, e limitata dalla conoscenza di base innata di linguaggio chiamato “Grammatica Universale“.
La considerazione teorica di Chomsky dell’acquisizione della sintassi, è in contrasto con le teoriche del celebre psicologo svizzero Jean Piaget, il quale sottolineano il ruolo di esperienze e di conoscenze generali nell’acquisizione del linguaggio nel bambino.
Considerando il meccanismo del LAD in chiave di psicologia evolutiva, lo psicologo statunitense Jerome Bruner ritiene che esso sia insufficiente a spiegare l’acquisizione se non si considera anche il LASS (Language Acquisition Support System) costituito dall’aiuto che il bambino riceve da parte degli adulti e di altri bambini più grandi. Nell’insegnamento linguistico, il principale ruolo del docente sarebbe quello di gestire il LASS, costituito dalla sua azione didattica e dall’uso che egli fa dei sussidi e dei vari materiali vari.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Pediatria e malattie dell'infanzia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.