Quale caffè contiene più caffeina?

MEDICINA ONLINE CUCINA RICETTA GELATO AL CAFFE FATTO IN CASA CUCINARE DOLCE FACILE VELOCEIl caffè, si sa, è una delle bevande più amate, soprattutto in Italia, in particolar modo al Sud. Ci sono diversi tipi di caffè. Non tutti hanno lo stesso contenuto di caffeina. Secondo molti, il caffè americano ha più caffeina mentre, secondo altri, è il caffè lungo ad avere il primato. Ma andiamo a capire bene quali sono le differenze e quale tipo di caffè contiene più caffeina.

Il valore della caffeina dipende anche dalla preparazione

Anche il tipo di preparazione influenza il valore di caffeina presente nel caffè. Una macinatura più fine infatti fa salire il livello di caffeina perché l’estrazione è molto più completa. Nello specifico l’acqua fa difficoltà a passare attraverso il caffè che è molto fine, dandogli il tempo di estrarre più sostanze. L’espresso, al contrario, viene estratto con tanta pressione e diventa più corposa del caffè americano.

Il caffè con più caffeina

Uno studio americano ha cercato di far luce su quale sia il tipo di caffè che contiene più caffeina. Tra il caffè americano e l’espresso, si è registrata la concentrazione di caffeina per oncia, ovvero il classico espresso di 30 ml. Il caffè americano contiene dagli 8 ai 15 mg per oncia mentre l’espresso ha dai 30 ai 50 mg per oncia. Di conseguenza l’espresso ha più caffeina rispetto al caffè americano. Il caffè che contiene più caffeina è il caffè “lungo”.

La migliore selezione di tè, tisane e caffè

Qui di seguito trovate una lista con la migliore selezione di tè, infusi e caffè provenienti da tutto il mondo, di altissima qualità e scelti dal nostro Staff di esperti ed appassionati. Noi NON sponsorizziamo né siamo legati ad alcuna azienda produttrice: per ogni tipologia di prodotto, il nostro Staff seleziona solo il prodotto migliore, a prescindere dalla marca.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.