Rassodare il seno senza chirurgia con la Radiofrequenza Monopolare

Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Studio Roma Ecografia Mammella Tumore Seno Muscoli Spalla Ginocchio Traumatologia Sport Arti Gambe Esperto Referto Articolare Medicina Estetica Cellulite Cavitazione RASSODARE SENO RADIOFREQUENZA CHIRURGIACon l’invecchiamento, i filamenti di collagene – che sostengono la pelle del seno – cedono, causando un rilassamento della pelle. La Radiofrequenza Monopolare, effettuata dal medico e non dall’estetista (dal momento che l’estetista può usare per legge solo apparecchi depotenziati e poco efficaci e non ha le competenze per escludere alcune condizioni mediche che controindicano il trattamento), può tonificare il seno in maniera eccezionale.

Cos’è la Radiofrequenza Monopolare e come agisce?

Di Radiofrequenza Monopolare ho già parlato varie volte soprattutto in questo articolo (clicca sul link), tuttavia ecco per voi un rapido ripasso. La Radiofrequenza Monopolare è un trattamento medico non invasivo e non doloroso, basato sulla emissione di energia (diatermia) in grado di sviluppare calore all’interno dei tessuti cutanei che si fino in profondità. L’effetto biologico di tale calore consiste in una alterazione del collagene con conseguente contrazione e riorganizzazione delle fibre di collagene (questo produce una effetto lifting di stiramento e compattamento della pelle). Si ottiene anche una stimolazione dei fibroblasti (le cellule che producono il collagene) con sintesi di nuovo collagene e aumento della densità del derma. Le onde elettromagnetiche della Radiofrequenza migliorano infatti l’attività della pompa sodio-potassio della membrana fibroblastica stimolando la produzione di nuovo collagene, elastina e acido ialuronico in modo naturale. La Radiofrequenza Monopolare quindi è una procedura di rimodellamento semplice, veloce e molto competitiva nei confronti della chirurgia plastica. La pelle del seno diventa più tonica e compatta già dopo il primo trattamento contrastando il rilassamento dato dal tempo, con un effetto liftante e tonificante visibile in particolare a distanza di alcuni mesi.

Come si svolge una seduta di Radiofrequenza Monopolare al seno?
Alla prima visita procedo con una serie di domande (anamnesi) necessarie per conoscere la storia clinica della paziente, poi passo ad una accurata visita medica generale ed una attenta indagine senologica, necessaria per escludere eventuali controindicazioni. In alcuni casi questa indagine può portarmi anche ad eseguire un controllo ecografico delle mammelle (clicca su questo link per approfondire sull’ecografia del seno). Successivamente la paziente viene fatta stendere sul lettino e viene messa in contatto con una piccola placca metallica. Successivamente sul seno viene steso un apposito gel (alcuni medici usano il normale gel per ultrasuoni, io invece uso uno speciale gel all’acido ialuronico che produco nel mio piccolo laboratorio e che permette di ottenere risultati migliori). A quel punto, grazie all´impiego di un sofisticato macchinario (nel mio studio io uso il potentissimo DermaCode RF monopolare della XPRO engineering), con un manipolo particolare vengono trasmesse onde elettromagnetiche sul tessuto, facendolo scivolare – con movimenti circolari e longilinei particolari – sulla cute resa “scivolosa” dal gel all’acido ialuronico. Alla fine del trattamento si rimuove il gel in eccesso.

Quali effetti determina sul seno?
Effetto lifting: si ottiene grazie alla contrazione del collagene ai diversi livelli di profondità, il riscaldamento va ad agire direttamente sul collagene provocando una denaturalizzazione di quest’ultimo ottenendo come risultato il rimodellamento della zona trattata.
Ossigenazione cellulare: già ad un livello basso di Radiofrequenza, si ha un effetto di ossigenazione causato dall’aumento della vascolarizzazione e del metabolismo cellulare.
Drenaggio: grazie al grande effetto di vascolarizzazione ottenuto a livelli sostenuti di Radiofrequenza, è possibile ottenere degli ottimi risultati sugli accumuli causati dalla ritenzione idrica.
Vasodilatazione e ipertermia: Un aumento dell’apporto di sangue favorisce l’apporto di agenti riparativi, antinfiammatori e di sostanze nutritive (tendiniti, strappi muscolari).

MEDICINA ONLINE Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma PRENOTA UNA VISITA CONTATTI Riabilitazione Nutrizionista Infrarossi Accompagno Commissioni Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Pulsata Macchie Capillari Ano Pene

Il trattamento è doloroso?
Assolutamente no: grazie alla mia tecnica particolare si avverte solo una sensazione di calore sulla cute che, unita al massaggio del manipolo, per alcuni pazienti è addirittura piacevole e rilassante! Finito il trattamento potrete tornare subito alle vostre attività quotidiane. Potete fare un trattamento nella pausa pranzo e tornare in ufficio subito dopo come se nulla fosse ma con una pelle compatta, tonica e vitale.

Quali sono i vantaggi – in sintesi – della radiofrequenza?
1) Effetto lifting naturale e duraturo: il risultato finale é una ridefinizione dei lineamenti e un recupero del tono dei tessuti assolutamente naturale, senza stravolgimenti “artificiali” dei connotati del volto;
2) Trattamento non invasivo: piacevole, con una sensazione di calore simile a tepore;
3) Sicuro: senza reazioni indesiderate di tipo allergologico, senza incompatibilità di tipo farmacologico, senza possibili complicazioni come infezioni, cicatrici, ematomi;
4) Tempi di trattamento assolutamente brevi;
5) Indipendente dal fototipo e applicabile tutto l’arco dell’anno;
6) Non comporta tempi di recupero post trattamento: potete fare il trattamento perfino nella pausa pranzo per poi tornare a lavoro senza alcun problema;
7) Trattamento assolutamente indolore.

Quali sono le controindicazioni della Radiofrequenza?
La Radiofrequenza è fondamentalmente priva di controindicazioni per soggeti sani; va evitata nei seguenti casi:
1) Portatori di pacemaker
2) Aritmie cardiache gravi
3) Gravidanza/allattamento
4) Neoplasie in atto
5) Patologie autoimmuni sistemiche gravi
6) Placca metallica in situ

Il trattamento è sicuro?
Certamente si: negli anni di esperienza ho sviluppato una particolare tecnica di esecuzione che impedisce alle onde elettromagnetiche di danneggiare le delicate strutture presenti nella zona.

Quante sedute sono necessarie?
Dipende molto dalla situazione di partenza del paziente e dal risultato che vuole ottenere, oltre ovviamente alla variabilità individuale. Secondo la mia esperienza posso dire che mediamente solito sono necessarie dalle 6 alle 12 sedute, con cadenza settimanale o bisettimanale.

Quali sono gli effetti collaterali della Radiofrequenza al seno?
Utilizzando correttamente la terapia, gli effetti indesiderati sono pochi e lievi: leggero rossore e sensazione di calore temporanei sono effetti assolutamente normali. In rari casi, possono verificarsi affezioni cutanee o leggeri gonfiori che, manifestandosi con eritema, scompaiono comunque nel giro di 2-3 ore successive la terapia.

Consigli dopo il trattamento di Radiofrequenza al seno?
Suggerisco di non esporsi a fonti solari, artificiali o naturali. È preferibile aspettare qualche giorno.

MEDICINA ONLINE Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma PRENOTA UNA VISITA CONTATTI Riabilitazione Nutrizionista Infrarossi Accompagno Commissioni Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Pulsata Macchie Capillari Ano Pene

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Bellezza e cura della persona, La medicina per tutti, Medicina estetica e rigenerativa, Senologia e prevenzione del tumore alla mammella e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Rassodare il seno senza chirurgia con la Radiofrequenza Monopolare

  1. alessandro ha detto:

    Buonasera dottore volevo sapere una cosa .MIa moglie vorrebbe fare radiofrequenza all’addome ed al seno. Ha subito una quadrantectomia due anni e mezzo fa ed ora é in terapia ormonale. In seguito a carcinoma di tipo g3 linfonodi esenti La può fare o al seno me lo sconsiglia? Grazie per la risposta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...