Drogarsi di corsa: “runner’s high” anche detto “sballo del corridore”

MEDICINA ONLINE TOM TOM RUNNER CARDIO CORRERE CORRIDORE CORSA APERTO TAPIS ROULANT MAGNETICO DIFFERENZE DIETA DIMAGRIRE AEROBICA GRASSO BRUCIARE MINUTI CALORIE SALITA BOSCO CITTA SMOG WAIl runner’s high è quella sensazione di euforia che i corridori (e molti altri atleti) provano durante o dopo un vigoroso esercizio fisico. Tuttavia, per molti anni gli esperti non sono riusciti a provare l’esistenza del runner’s high o se non si trattasse semplicemente di una bella sensazione che si prova facendo esercizio.
Il runner’s high è stato definito come un intenso impeto di euforia, spesso paragonato allo “sballo” indotto da alcune droghe. Alcuni hanno provato semplicemente un’intensa felicità oppure sono scoppiati a piangere. Per altri invece il runner’s high è soltanto una leggenda. È vero che la corsa evoca sensazioni di appagamento, ma forse l’unico sentimento intenso che provano si limita al sollievo di aver oltrepassato il traguardo.

Il rilascio di endorfine
Gli esperti lavorano da anni per fare luce su questo fenomeno, nella speranza di trovare una spiegazione biochimica per il fenomeno del runner’s high. Si immaginato che l’esercizio fisico sia in grado di stimolare il rilascio di endorfine (ne abbiamo parlato in questo articolo), cosa che potrebbe spiegare gli sbalzi d’umore descritti dagli atleti.
Tuttavia, i ricercatori si sono imbattuti in un ostacolo relativo alla metodologia. Fino a poco tempo fa, l’unico modo per verificare la presenza di endorfine nel cervello era l’esecuzione di una puntura lombare. Questo metodo rendeva semplicemente impossibile eseguire un test sugli atleti prima e dopo l’esercizio fisico.

Leggi anche:

Il verdetto
Nel 2008 un gruppo di ricercatori tedeschi ha pubblicato un documento sulla rivista Cerebral Cortex, dichiarando di aver trovato un metodo accurato per misurare il livello di endorfine prima e dopo l’attività fisica. Nell’esperimento sono stati esaminati dodici atleti ai quali è stato misurato il livello di endorfine presenti nel cervello. Poi, dopo due ore di corsa, sono stati nuovamente analizzati. I risultati hanno dimostrato che “il livello di endorfine era notevolmente aumentato dopo la corsa”.
Finalmente il dibattito può dirsi concluso: il runner’s high è un fatto provato scientificamente, non fantasia.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Malati di palestra e di fitness, Neurologia, psicopatologia e malattie della mente, Sport, attività fisica e medicina dello sport e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.