Differenza tra adenocarcinoma e carcinoma con esempi

medicina-online-dott-emilio-alessio-loiacono-medico-chirurgo-roma-differenza-iperplasia-ipertrofia-esempi-riabilitazione-nutrizionista-infrarossi-accompagno-commissioni-cavitazione-radiofrequenza-ecogCon “carcinoma” in campo medico si intende un tumore maligno che prende origine dalle cellule che compongono il tessuto epiteliale di un organo e che può dare origine a metastasi. Un carcinoma può colpire diversi organi: polmoni, prostata, esofago, utero, ovaie, vescica, intestino e apparato urinario sono tra questi. Esempi tipici di carcinoma sono quindi:

  • carcinoma polmonare;
  • carcinoma della prostata;
  • carcinoma dell’esofago;
  • carcinoma del colon-retto;
  • carcinoma dell’ovaio;
  • carcinoma dell’utero;
  • carcinoma mammario;
  • carcinoma vescicale.

Leggi anche:

A questo punto è importante capire che il tessuto epiteliale, a cui facevamo prima riferimento, può essere di vari tipi:

  • Epitelio di rivestimento. L’epitelio di rivestimento ha la funzione di rivestire la superficie esterna e le cavità interne. Va a formare, insieme ad uno strato di tessuto connettivo definito”derma”,lo strato di protezione esterno chiamato cute, costituisce l’epitelio delle tonache mucose e sierose, localizzate nelle cavità interne del corpo, e ricopre inoltre i vasi sanguigni e i dotti escretori delle ghiandole. In particolare.
  • Epitelio ghiandolare. L’epitelio ghiandolare forma il parenchima delle ghiandole – strutture atte alla produzione e secrezione di sostanze utili all’organismo – esocrine se il secreto fuoriesce sulla superficie esterna del corpo o in una cavità interna collegata con l’esterno attraverso un dotto escretore, endocrine se riversano il loro secreto nel circolo sanguigno.
  • Epitelio sensoriale. L’epitelio sensoriale è costituito da cellule disperse negli epiteli di rivestimento, che hanno la funzione di ricevere e trasmettere determinati stimoli esterni alle cellule del tessuto nervoso (esempi: papille gustative, cellule acustiche dell’orecchio, cellule olfattive della mucosa olfattiva, cellule dei coni e dei bastoncelli della retina).
  • Epitelio particolarmente differenziato. Comprende formazioni di tessuto che hanno subito modificazioni particolari finalizzate a funzioni altamente specifiche, per esempio l’unghia, il pelo, il cristallino, il dente.

L’adenocarcinoma è un tumore maligno (cancro) del tessuto epiteliale ghiandolare. Appare quindi chiara la principale differenza tra carcinoma ed adenocarcinoma:

  • carcinoma: tumore maligno (cancro) che prende origine dalle cellule che compongono il tessuto epiteliale;
  • adenocarcinoma: tumore maligno (cancro) che prende origine dalle cellule che compongono un tipo di tessuto epiteliale specifico, quello ghiandolare; l’adenocarcinoma è quindi un tipo di carcinoma.

Tra gli adenocarcinomi più diffusi, troviamo:

  • adenocarcinoma a cellule aciniformi;
  • adenocarcinoma alveolare;
  • adenocarcinoma broncogeno;
  • adenocarcinoma endometriale;
  • adenocarcinoma del polmone;
  • adenocarcinoma pancreatico;
  • adenocarcinoma del rene;
  • adenocarcinoma della prostata;
  • adenocarcinoma in situ;
  • adenocarcinoma papillare;
  • adenocarcinoma dello stomaco;
  • adenocarcinoma del colon;
  • adenocarcinoma tubulare.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Anatomia, fisiologia e fisiopatologia e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.