Cosa sono le metastasi? Tutti i tumori danno metastasi?

MEDICINA ONLINE COSA SONO METASTASI CANCRO TUMORE MALIGNO BENIGNO CIRCOLAZIONE LINFONODO SENTINELLA BIOPSIA PATOLOGO STADIAZIONE GRADAZIONE GRAVITA TERMINALE FEGATO BOLMONI CERVELLO CELLULA CANCEROSA.jpgLe metastasi sono cellule maligne che si staccano dal tumore originario (chiamato “tumore primario“) e si diffondono in altri organi dove possono riprodursi e generare nuovi tumori. Rispetto alle cellule normali, quelle tumorali che poi danno origine a metastasi non sono attaccate le une alle altre e sono anche in grado dare origine a sostanze e a cambiamenti nella propria struttura che le rendono più adatte al movimento. Le metastasi, nella maggior parte dei casi, sono tipiche delle fasi più avanzate della progressione del tumore che inizialmente è localizzato, cioè limitato all’organo dove si è formato, e solo in seguito cresce e colonizza altri distretti dell’organismo. Alla stadiazione TNM, la presenza di metastasi è indicata dalla sigla M1.

Tutti i tumori danno metastasi?

No, solo i tumori maligni (cioè il cancro) possono dare metastasi. I tumori benigni (quindi NON il cancro) NON possono dare metastasi per definizione.

MEDICINA ONLINE TUMORE POLMONE STADIAZIONE CLASSIFICAZIONE TNM CANCRO LINFONODI ASSENZA PRESENZA METASTASI SIGNIFICATO SIGLE ACRONIMO PROGNOSI DIAGNOSI SCHEMA TABELLA

Stadiazione TNM per i tumori polmonari

Metastasi e gravità di un tumore

La presenza di metastasi a distanza e generalmente un elemento prognostico decisamente negativo: in parole semplici, se il tumore ha metastizzato è di solito considerato molto grave e le aspettative di vita del paziente sono molto ridotte, come anche le possibilità di cura. Ad esempio, se osserviamo lo schema in alto – che mostra la stadiazione TNM per i tumori polmonari – notiamo come basti la presenza di metastasi (a prescindere dall’estensione del tumore primario e dell’interessamento linfonodale) per porre il paziente con cancro del polmone nel quarto stadio di gravità, cioè il peggiore, quello caratterizzato dall’impossibilità di resecare il tumore, con una possibilità di sopravvivenza a 5 anni di circa 1%, cioè generalmente solo un paziente in stadio IV è ancora vivo a 5 anni di distanza dalla diagnosi. L’aspettativa di vita in questi pazienti è di circa otto mesi se sottoposti a chemioterapia e di circa 2 anni in caso di trattamento immunoterapico. L’assenza di metastasi (M0) è al contrario un elemento prognostico decisamente positivo e nella maggioranza dei casi denota la possibilità di resecabilità del tumore, oltre ad una aspettativa di vita maggiore rispetto ai pazienti con metastasi. In alcuni casi, in presenza di tumore con metastasi (quindi non resecabile) ed in caso di inoperabilità (ad esempio paziente molto anziano e debilitato, che difficilmente riuscirebbe a sopportare interventi chirurgici invasivi ed anestesia generale), si potrebbe decidere di NON intervenire se non con cure palliative, capaci di fornire la maggior qualità della vita possibile al paziente terminale.

Tutti i tumori maligni danno metastasi?

La medicina ancora sta indagando sul funzionamento della metastasi. Ad esempio alcuni tumori della pelle, melanoma escluso, pur essendo maligni è più raro che diano vita a un processo di metastatizzazione. Questo dipende dal fatto che se è facile per una cellula tumorale raggiungere altri organi tramite il flusso sanguigno o linfatico, è difficile riuscire ad attecchire. Secondo recenti studi dell’Istituto per la ricerca e la cura del cancro di Candiolo, a consentire che ciò avvenga sarebbe un gene, chiamato MET, che svolgerebbe un ruolo importante nella formazione del tumore e delle metastasi. Bisogna dire che oggi si interviene con sempre maggiore successo anche in caso di tumori maligni con metastasi, nonostante quest’ultima resti una delle maggiori cause di mortalità in questa patologia.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in La medicina per tutti e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.