Sigarette, alcol e droga: gli italiani sono tra i più “sballati” d’Europa

Dott. Loiacono Emilio Alessio Medico Chirurgo Medicina Chirurgia Estetica Benessere Dietologo Nutrizionista Roma Cellulite Sessuologia Ecografie Tabagismo Smettere di fumare Dimagrire Italiani i più sballati d'EuropaSecondo vari studi dell’Espad (European School Project on Alcohol and Other Drugs) risulta che che gli adolescenti italiani siano tra i più “sballati” d’Europa, quelli a cui piace di più divertirsi alimentando le serate passate tra discoteche e amici con l’assunzione di qualsiasi tipo di droga, o di alcol. E anche per quanto riguarda le sigarette, pare che i nostri giovani connazionali non riescano a farne proprio a meno, così come è altissimo l’uso della cannabis.

Ma non finisce qui: oltre alle sostanze sopra elencate, possiamo anche aggiungere i tranquillanti e i sedativi. Il nostro Paese, dopo i dati raccolti, si è andato dunque a piazzare tra i primi posti in Europa per quanto riguarda il consumo di queste sostanze illegali. Gli studi sono stati condotti dalla Espad, in ricerche che lo scorso anno hanno coinvolto ben 36 Paesi europei.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Neurologia, psicopatologia e malattie della mente e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.