Il miglior metodo per curare la sbornia di capodanno

Dott. Loiacono Emilio Alessio Medico Chirurgo Chirurgia Estetica Roma Cavitazione Pressoterapia  Massaggio Linfodrenante Dietologo Cellulite Calorie Peso Dieta Sessuologia Sex PSA Pene Laser Filler Rughe Seno Botulino METODO CURARE SBORNIA CAPODANNOBuon anno nuovo a tutti! Ma per alcuni lettori che ieri sera hanno esagerato con gli alcolici, l’anno forse non è iniziato nel migliore dei modi. Molti si sono svegliati infatti disidratati, ipersensibili alla luce, irritabili, con vertigine, nausea e mal di testa: insomma con tutti i sintomi della sbornia! A questo punto sorge spontanea una domanda:

Qual è la miglior cura per i postumi di una sbornia? 

Premettendo che la maniera migliore per me rimane sempre quella di bere il meno possibile ed assicurarci sempre una ottima idratazione bevendo tantissima acqua, ebbene sembra che un rimedio incredibile per riprendersi da una sbornia sia… bere una Sprite, almeno secondo un nuovo studio della University of Exeter. Niente tisana né caffè forte, contro i sintomi post-ubriachezza basta una lattina della celebre e frizzante bevanda per accelerare il recupero di forze e risorse psicofisiche. Lo studio ha testato gli effetti anti-sbornia di cinquantasette bevande e la Sprite si è aggiudicata i punteggi più alti nell’alleviare i sintomi legati all’assunzione in eccesso di alcol.

Accellera i processi metabolici

Alcuni sintomi come nausea e mal di testa sono causati dai tentativi del nostro corpo di fronteggiare l’alcol. Il fegato rilascia un enzima chiamato alcol deidrogenasi che scompone l’etanolo nell’alcol in una sostanza chimica chiamata acetaldeide, suddivisa successivamente in acetato da un enzima chiamato aldeide deidrogenasi. La chiave per alleviare gli effetti dannosi dell’alcol sta nel ridurre il tempo di permanenza nel corpo dell’acetaldeide. La Sprite, riporta il Daily Telegraph, sembra riuscire ad accelerare con estrema efficienza questo processo.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in La medicina per tutti e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...