Pepe Rosa: l’afrodisiaco naturale

Dott. Loiacono Emilio Alessio Medico Chirurgo Dietologo Roma Chirurgia Estetica Cavitazione Pressoterapia  Massaggio Linfodrenante Cellulite Calorie Peso Dieta Sessuologia Pene Laser Filler Rughe Casa Botulino Infezione PEPE ROSA AFRODISIACO NATURALE

Ecco a voi un invitante frullato di fragole e carote al pepe rosa!

Il pepe rosa, chiamato anche Schinus molle o falso pepe o pepe peruviano, è una spezia delicata e pungente al tempo stesso che si ricava da un albero sempre verde di media grandezza, originario dell’America del sud, che produce bacche rosa dal profumo intenso, resinoso e fugace e dal gusto molto particolare: leggermente piccante, ma delicato e dolce. E’ ottimo per arricchire antipasti crudi e insalate perché si sposa benissimo con la frutta, poi se avete voglia di unirlo al dolce allora considerate che si sposa benissimo con il cioccolato fondente. Il nome “falso pepe” deriva dal fatto che il pepe rosa, al contrario di altri tipi di pepe (verde, nero e bianco), non deriva dalla pianta del Piper nigrum, tuttavia somiglia molto nella forma ad una bacca di pepe. Tutte le parti della pianta (foglie, corteccia, frutti, semi, resina) contengono un olio essenziale molto profumato, simile a quello del pepe, ma molto più dolce e delicato, utilizzato in erboristeria, e sono state usate a scopo medicinale dalle antiche popolazioni sudamericane fin dai tempi più remoti. Altre informazioni utili sono che in purezza non contiene glutine e che dal punto di vista calorico è un alimento veramente dietetico! Attenzione: il pepe rosa assunto in quantità eccessive risulta tossico.

Leggi anche: Il peperoncino potenzia davvero l’erezione e combatte l’impotenza?

La storia del pepe rosa

Anticamente utilizzata dai sacerdoti aztechi per cerimonie rituali, il pepe rosa fu introdotto in Europa da Alessandro Magno che lo portò dalle coste d’Asia dove era arrivato probabilmente attraverso il Pacifico e il Mar della Cina, passando prima dal Giappone e dall’Indonesia fino ad arrivare in Cina e India dove Alessandro il Grande lo scoprì e se ne innamorò al punto da riportarlo in patria. Spezia costosissima e preziosa, considerata merce di scambio al pari del cardamomo e della cannella e predominio commerciale dei portoghesi per due secoli, fin quando nel 1660 cedettero il passo agli inglesi che ne aumentarono la produzione, ridussero la qualità e abbassarono il prezzo. Il pepe rosa è stato usato moltissimo nella cucina durante il periodo medioevale, anche perchè già allora erano chiare le sue proprietà antisettiche.

Le proprietà del pepe rosa

I grani di questo falso pepe contengono piperina, oli essenziali, sostanze resinose, tannini e sali minerali (calcio, fosforo e potassio) che lo rendono diuretico, tonico, lassativo, antinfiammatorio e antisettico. Il pepe rosa è famoso per favorire la digestione gastrica e la motilità intestinale, preso con moderazione e buon senso può essere utile anche in caso di bronchite e nelle infezioni delle vie urinarie. Alcuni pazienti riferiscono anche una buona efficacia nel trattamento di disturbi come mal di denti, reumatismi e dolori mestruali. Le gommo-resine contenute nel pepe nero sembrano anche avere un’attività purgativa e antigottosa. Oltre a rientrare nella lista delle spezie più care rientra storicamente anche tra le spezie afrodisiache più potenti assieme a zenzero e peperoncino, ma è sicuramente più spendibile per il suo gusto delicato e meno forte rispetto a quello dello zenzero.

Pepe rosa: uso in cucina

Molto più diffuso nella Nouvelle Cuisine francese rispetto a quella italiana, il pepe rosa è piuttosto delicato e il suo aroma è dolce e speziato con delle note di limone e fragola. Perfetto per insaporire piatti a base di pesce, ma soprattutto carpacci di pesce spada, tonno o salmone. Leggermente pestate le bacche di pepe rosa, macinate grossolanamente oppure lasciate in infusione in poco vino bianco, da unire poi in cottura, sono ideali per insaporire non solo il pesce, ma anche le carni bianche. È un ottimo componente di salse a base di yogurt, burro, mascarpone o frutta. Il suo colore così ricco e brillante rende questo pepe un’ottima spezia che regala eleganza e vivacità a piatti, perfetto per preparare originali risotti o dessert particolari. Il pepe rosa è, assieme al pepe nero, bianco e verde, una delle spezie che compongono la famosa miscela creola. In Ecuador i grani di pepe rosa sono molto diffusi come condimento per le pietanze ma anche per insaporire liquori e aceto, in Cile aromatizzano il vino, mentre in Messico è utilizzato nella preparazione del pulque, una bevanda alcolica molto antica considerata sacra.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente, La medicina per tutti, Sessualità e storie d'amore e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...