Zampe spezzate e dato alle fiamme: cagnolino torturato e buttato nell’immondizia da due adolescenti

MEDICINA ONLINE Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma ZAMPE SPEZZATE FIAMME CAGNOLINO BOTTE Riabilitazione Nutrizionista Medicina Estetica Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Pulsata  Macchie Capillari Linfodrenaggio Pene Vagina1.jpgCattiveria pura. Non c’è altro modo per definire ciò che due adolescenti, uno di 15 e uno di 16 anni, sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, hanno fatto con questo povero cucciolo indifeso dagli occhi tristi ed impauriti.
Il cagnolino, di nome Chunky, è stato individuato da un istituto di protezione animale locale ed il suo stato era semplicemente sconvolgente e deplorevole.
Si è scoperto che il piccolo animale ha dovuto sopportare ogni tipo di tortura nelle mani degli adolescenti. Chunky è stato preso a calci e pugni, costretto a ingerire droga, il suo musetto era stato bruciato con le fiamme di un accendino in vari punti, infilzato nell’occhio destro, le sue zampe erano rotte ed era stato gettato dentro un cestino della spazzatura per strada. Come giustificare questo? COME?

MEDICINA ONLINE Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma ZAMPE SPEZZATE FIAMME CAGNOLINO BOTTE Riabilitazione Nutrizionista Medicina Estetica Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Pulsata  Macchie Capillari Linfodrenaggio Pene Vagina2.jpg
La cosa davvero sorprendente è che sia rimasto vivo. Dopo alcuni giorni che ha vissuto tra la vita e la morte, il piccolo Chunky è stato ritrovato a vagare da solo, di notte per le strade tra le auto che gli sfrecciavano pericolosamente vicino. Era silenzioso, a testa bassa e riusciva a malapena a reggersi sulle zampe tanto era demoralizzato, dolorante e denutrito.
Una delle dipendenti dell’ente che ha salvato Chunky, Caroline Doc, ha affermato che questo è stato il caso più inquietante che abbia mai visto. “I ragazzi sono stati rintracciati e sono arrivati a confessare tutto quello che hanno fatto. Hanno tentato di giustificarsi sostenendo di aver fatto tutto sotto l’effetto delle droghe e di non essere responsabili delle proprie azioni. Ma non c’è perdono. Anche dopo le cure, il cane ancora soffriva”.

Ora fortunatamente il cagnolino ha iniziato la sua lenta riabilitazione che lo riporterà a camminare meglio ed a curare le ferite del corpo. Ma quelle dell’anima, dopo tutte queste torture, temo non si rimargineranno mai.

Fonte: Pelo fim da Escravidão Animal – STOP Animal Slavery

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Noi che amiamo la natura e gli animali e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.