Differenza tra parenti di primo, secondo, terzo e quarto grado

MEDICINA ONLINE FAMIGLIA CUCINI SUOCERI DIFFERENZA NUORA GENERO FIGLIO GENITORI LEGAMI PARENTI PARENTELA PRIMO SECONDO TERZO GRADO CUGINO.jpgLa parentela è il rapporto giuridico che intercorre fra persone che discendono da uno stesso stipite e quindi legate da un vincolo di consanguineità. Conoscere l’esatto grado di parentela tra due persone ha importantissimi risvolti sia in diritto civile (ad esempio in tema di successioni) sia in diritto tributario.

Generalmente la legge attribuisce rilevanza fino al 6° grado di parentela.

Definizioni:

Sono parenti in linea retta le persone che discendono l’una dall’altra (es: genitore-figlio).

Sono parenti in linea collaterale coloro che, pur avendo uno stipite comune, non discendono l’una dall’altra (es: fratelli o cugini).

La affinità è invece il vincolo fra un coniuge ed i parenti dell’altro coniuge (mentre gli affini di ciascun coniuge non hanno tra loro alcun rapporto giuridicamente rilevante);

Il grado di affinità è lo stesso del grado di parentela che lega il soggetto (parente di uno dei coniugi)  al coniuge stesso.

Il rapporto di coniugio è uno status a sestante, non rientrando di per se né tra la parentela né tra l’affinità.

Come si calcolano i gradi di parentela:

Nella linea retta il grado di parentela si calcola contando le persone sino allo stipite comune, senza calcolare il capostipite.

Nella linea collaterale i gradi si computano dalle generazioni, salendo da uno dei parenti sino allo stipite comune (da escludere) e da questo discendendo all’altro parente.

Per gli affini, si seguono gli stessi criteri dettati per la parentela.

Alcuni esempi:

Parenti di primo grado
– Figli e genitori (linea retta)

Parenti di secondo grado
– Fratelli e sorelle; linea collaterale: sorella, padre (che non si conta), sorella.
– Nipoti e nonni; linea retta:  nipote, padre, nonno (che non si conta).

Parenti di terzo grado:
– Nipote e zio; linea collaterale: nipote, padre, nonno (che non si conta – zio).
– Bisnipote e bisnonno; linea retta: bisnipote,  padre, nonno, bisnonno (che non si conta).

Parenti di quarto grado: 
– Cugini;  linea collaterale: cugino, zio, nonno (che non si conta), zio, cugino. 

Affini di primo grado
– Suocero e genero (in quanto la moglie è parente di primo grado con il proprio padre), suocero e  nuora

Affini di secondo grado
– marito e fratello della moglie (in quanto la moglie è parente di secondo grado con il proprio fratello), etc.

Affini di terzo grado
– zio del marito rispetto alla moglie (lo zio è parente di terzo grado rispetto al marito-nipote), zia della moglie rispetto al marito ecc..

Affini di quarto grado
– cugino del marito rispetto alla moglie (i cugini sono, fra di loro, parenti di quarto grado).

Soggetto Grado di parentela
genitori parenti in linea retta ascendente di 1° grado
nonni parenti in linea retta ascendente di 2° grado
bisnonni parenti in linea retta ascendente di 3° grado
figli parenti in linea retta discendente di 1° grado
nipoti parenti in linea retta discendente di 2° grado
bisnipoti parenti in linea retta discendente di 3° grado
fratelli e sorelle parenti in linea collaterale di 2° grado
nipoti (figli di fratelli) parenti in linea collaterale di 3° grado
pronipoti (figli di figli di fratelli) parenti in linea collaterale di 4° grado
figli di pronipoti parenti in linea collaterale di 5° grado
zii paterni e materni parenti in linea collaterale di 3° grado
cugini parenti in linea collaterale di 4° grado
figli di cugini parenti in linea collaterale di 5° grado
figli di figli di cugini parenti in linea collaterale di 6° grado
prozii (fratelli dei nonni) parenti in linea collaterale di 4° grado
cugini dei genitori parenti in linea collaterale di 5° grado
figli dei cugini dei genitori parenti in linea collaterale di 6° grado

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in La medicina per tutti. Contrassegna il permalink.