Capelli cresciuti in laboratorio grazie alle cellule staminali: diremo addio a calvizie e alopecia?

MEDICINA ONLINE VOLTO DONNA CAPELLI SGUARDO RAGAZZA BIONDA OCCHI OCCHIAIE TERAPIA TRATTAMENTO EYES TRUCOS DE BELLEZZA VISO DONNA RIMEDI SEXY SEX CHIRURGIA MEDICINA ESTETICA PELLE SCURA PANDA OCCHIO NERO ORIENTALE YOUNG GIRLCapelli cresciuti in laboratorio grazie alle cellule staminali: è questa la nuova scommessa per combattere calvizie e alopecia di un team di ricercatori inglesi e americani. Gli studiosi hanno iniziato a ricreare l’intera struttura che permette ai capelli di nascere e svilupparsi e sperano, dopo i tentativi sugli animali, di poter presto applicare la loro tecnica anche all’uomo, risolvendo uno dei problemi più sofferti soprattutto dall’universo maschile. A oggi i tentativi di far nascere nuovi capelli in laboratorio non avevano mai avuto frutti positivi e duraturi, e per combattere l’alopecia si passava dai trapianti, ai riporti, alla tecnica del plasma ricco di piastrine, a prodotti cosmetici e medicinali con possibilità di riuscita non sempre elevata.

UNA SCOMMESSA IN LABORATORIO

Questa volta l’idea di partenza dei ricercatori dell’università della Columbia, Stati Uniti, e dell’università di Durham, Gran Bretagna, presentata nell’ultima edizione dei Proceedings of the National Academy of Science (Pnas) è quella di ricreare in laboratorio l’intera papilla dermica, da dove il capello prende vita. Studiare dunque una struttura del tutto simile a quella originale del derma umano, che possa far ricrescere i capelli facendoli rinascere autonomamente. Il suggerimento è arrivato osservando la rapida rigenerazione dei peli nei topi, e da lì è partito il primo esperimento: prendere campioni di tessuto umano e provare in laboratorio a far crescere nuovi capelli. L’ambiente ricreato grazie alle cellule staminali è proprio quello della papilla dermica, ovvero la struttura di tessuto connettivo contenuta all’interno del bulbo pilifero, responsabile nel regolare il ciclo di crescita del capello e il suo nutrimento.

NUOVI BULBI

Dopo aver ricreato la base feconda da cui far nascere nuovi capelli attraverso un prelievo dalla pelle di sette volontari, ecco il passaggio successivo in laboratorio: il nuovo futuro bulbo pilifero è stato “coltivato” all’interno di un ambiente che ne incentivasse la crescita e poi reinserito nel derma prelevato. Infine, il tessuto fecondato è stato trapiantato sul dorso di sette topi. Dopo cinque settimane di attesa in cinque casi su sette questa operazione si è conclusa positivamente e ha dato origine a veri capelli. Pur essendo ancora lontana la certezza di poter usare questo metodo direttamente sulla cute umana – vi è ancora da verificare, per esempio, che queste cellule non si trasformino in cancerogene e se davvero i nuovi capelli sono simili a quelli già presenti sulla testa del soggetto – secondo i ricercatori si tratta di un passaggio importante verso la sconfitta della calvizie.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Bellezza e cura della persona e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...