Nuova Sars: il virus è mortale nel 56% dei casi

MEDICINA ONLINE PRELIEVO VALORI ANEMIA DONAZIONE SANGUE ANALISI BLOOD LABORATORI VES FORMULA LEUCOCITARIA PLASMA FERESI SIERO FIBRINA FIBRINOGENO COAGULAZIONE GLOBULI ROSSI BIANCHI PIASTRINE WALLPAPER HI RES PIC PICTURE PHOUn nuovo misterioso coronavirus si sta rapidamente diffondendosi, e sembra essere piu’ pericoloso della Sars. Questo nuovo virus sarebbe capace di infettare diverse specie, dagli animali all’uomo. E si teme che possa subire delle mutazioni, aumentando la possibilita’ di una nuova epidemia su larga scala.

Se la mortalita’ in caso di Sars si aggirava attorno all’11%, la nuova infezione potrebbe causare, nel 56% dei casi, il decesso. E’ l’allarme lanciato a Milano dagli specialisti della Simit, la Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, a congresso fino a domani. Sono passati dieci anni da quando, a seguito della prima allerta globale lanciata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nei primi mesi del 2003, la stessa Oms defini’ la “sindrome respiratoria acuta grave” (la cosiddetta Sars, causata da un nuovo coronavirus) una minaccia per la salute globale.

Il focolaio iniziale di polmonite atipica si concentro’ nella provincia della Cina meridionale del Guangdong. Attraverso gli spostamenti aerei l’epidemia si e’ in seguito diffusa in tutto il mondo. L’impegno di Carlo Urbani, morto il 29 marzo di quell’anno, e della comunità scientifica internazionale nel coordinare i propri sforzi, consentirono la veloce identificazione dell’agente causale, la messa a punto di test diagnostici, e la rapida interruzione di tutte le catene di trasmissione. In particolare, l’isolamento precoce dei malati e la quarantena dei contatti, applicata talvolta su ampia scala, si dimostro’ particolarmente efficiente permettendo il contenimento dei casi. I casi cumulativi segnalati all’OMS (dati alla fine del 2003) furono 8096 con una mortalità inferiore al 10%. Come gli altri coronavirus, la “nuova Sars” si diffonde attraverso i fluidi corporei, come in casi di starnuti e tosse. Potenzialmente potrebbe essere la fonte di una vera e propria pandemia perche’ il virus killer puo’ distruggere diversi organi e uccidere rapidamente le cellule.

“Dieci anni dopo – spiega Adriano Lazzarin, Direttore del dipartimento di malattie infettive dell’Irccs Ospedale San Raffaele di Milano – l’attualita’ ci mette di fronte ad una nuova possibile minaccia, anche se per ora di portata molto limitata, costituita dall’emergenza di un nuovo coronavirus diverso da quello della Sars in alcuni paesi del Medio Oriente. I casi per ora sono pochi: sino ad oggi si contano 139 casi di MERS-CoV, con 60 morti, sono stati confermati in laboratorio”.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in La medicina per tutti. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.