Sesso e AIDS: l’HIV si trasmette anche tramite il rapporto orale

Dott. Loiacono Emilio Alessio Medico Chirurgo Medicina Chirurgia Estetica Plastica Dietologo Nutrizionista Roma Cellulite Sessuologia Ecografie DermatologiaSmettere di fumare Dimagrire HIV AIDS si trasmette sesso orale

L’AIDS è una malattia ancora molto diffusa che colpisce più di 30 milioni di persone nel mondo (due terzi dei quali solo nel continente africano) e, nonostante i progressi fatti nel suo trattamento, rimane una patologia insidiosa e molto temibile. Il contagio da virus dell’AIDS (HIV) avviene oggi prevalentemente (ma non esclusivamente) per via sessuale, a causa di rapporti non protetti: l’HIV si trasmette attraverso il sangue, lo sperma e i fluidi vaginali. L’occasione di scrivere questo articolo me l’ha fornita la lettura di un numero della rivista scientifica “Journal of Virology” dove si parla proprio di HIV associato al sesso orale. Ecco una panoramica sui rapporti a rischio e sulle pratiche sicure.

Leggi anche: In un rapporto orale dove va a finire e cosa accade allo sperma ingoiato? Può dare problemi alla salute?

Penetrazione vaginale

Il rapporto sessuale con penetrazione vaginale è a rischio per entrambi i partner: l’HIV è presente sia nello sperma maschile che nei fluidi vaginali; tuttavia, il rischio di contagio è maggiore per le donne che fanno sesso con uomini sieropositivi. Il preservativo protegge se utilizzato correttamente dall’inizio del rapporto.

Leggi anche:

Penetrazione anale

Il rapporto con penetrazione anale è quello più rischioso: la mucosa anale è delicata e – data la la minore lubrificazione – più soggetta a lesioni e microtraumi; inoltre è più facile che lo sperma contenente virus entri nella circolazione sanguigna. Il rischio è minore – anche se comunque presente – per chi penetra: il virus può infatti passare dall’ano attraverso l’uretra. Anche in questo caso il preservativo, usato correttamente dall’inizio del rapporto con un lubrificante adatto, protegge. Il fisting, cioè la penetrazione anale col pugno, è considerata a rischio perché il virus potrebbe trasmettersi attraverso lesioni cutanee.

Leggi anche: La Sindrome da spogliatoio o Dismorfofobia peniena: quando il pene sembra deforme o più piccolo o più grande di quanto realmente sia. Diagnosi e cure

Sesso orale

Veniamo ora al principale tema di questo articolo. Molti giovani mi chiedono speranzosi se un rapporto sessuale orale li tiene al sicuro da un eventuale contagio. Mi dispiace deludervi ma purtroppo non è così. Ovviamente il rischio di contrarre l’HIV tramite un rapporto orale è statisticamente più basso rispetto ad un rapporto vaginale ed estremamente più basso rispetto ad un rapporto anale, tuttavia questo rischio è comunque presente.

La fellatio (stimolazione orale del pene) è a rischio per chi la pratica: l’HIV presente nello sperma potrebbe trasmettersi attraverso la mucosa orale, soprattutto in presenza di microtraumi. Se il vostro è un partner occasionale è consigliabile praticare la fellatio con il preservativo o, per abbassare il rischio, evitare almeno di accogliere il suo sperma nella vostra bocca. So che con questo consiglio potrei rovinare il week end a tanti maschietti ma… non si scherza con una patologia come questa! Anche senza il contatto diretto tra sperma e mucosa orale, questo tipo di rapporto è comunque a rischio quando sia sul pene che sulla mucosa siano contemporaneamente presenti delle ferite, specialmente se ancora in fase di sanguinamento.

Leggi anche: L’uomo con il pene più grande del mondo:”Faccio sesso orale da solo e da morto donerò il mio pene a…”

Il cunnilingus (stimolazione orale dell’organo genitale femminile) è a rischio: le secrezioni vaginali possono contenere il virus HIV, che può essere trasmesso – come per la fellatio – tramite la mucosa orale. Il cunnilingus è da evitare durante le mestruazioni. L’utilizzo di una ‘diga’ (una striscia in lattice che si può ottenere da un preservativo) come barriera limita il rischio.

L’anilingus (stimolazione orale dell’ano, chiamata anche ‘rimming’) è una pratica considerata a rischio non solo riguardo l’HIV, ma anche per altri tipi di infezione. Ricordatevi infatti che tramite questo e tutti gli altri tipi di rapporto sessuale fin qui elencati, c’è la possibilità di contrarre una grandissima quantità di patogeni e molte tipologie di malattia sessuale. L’anilingus può rappresentare un mezzo di contagio e può essere ancora più pericoloso se effettuato dopo un rapporto anale, proprio perchè durante la penetrazione l’ano può lacerarsi e sanguinare e ciò è ovviamente rischioso.

Leggi anche: Come aumentare le dimensioni del pene riducendo il grasso sul pube senza chirurgia

Altre brutte notizie…

Per alcuni scienziati il rischio nella fellatio si estenderebbe addirittura oltre la trasmissione in presenza di microtraumi al pene e alla mucosa orale.  Il Dr. Xuan Liu dell’Università di Los Angeles ha infatti realizzato uno studio che tenderebbe a dimostrare la base scientifica di alcuni contagi definiti “probabili da fellatio”, anche se il medico sostiene che si tratta della via di contagio meno rischiosa. Tutti conosciamo bene il rischio nel caso in cui la bocca o il glande e le mucose presentino delle micro lesioni impossibili da vedere ad occhio nudo, come ad esempio in caso di gengiviti. Tuttavia, anche senza tagli né irritazioni nella bocca, il virus dell’HIV, secondo lo studio realizzato per la prima volta dai ricercatori americani, può infettare i tessuti. Lo studio ha riguardato una cinquantina di reperti di tessuti orali provenienti da una cinquantina di pazienti sieronegativi. Tutti questi tessuti sono stati esposti a diversi tipi di virus HIV che sono riusciti ad infettarli attraverso cellule chiamate cheratinociti e che sono presenti sulla superficie dei tessuti della bocca. Da questi tessuti l’infezione passa poi nel sangue. Insomma, nonostante si sia sempre detto che la via orale, senza eiaculazione, risulti essere la meno pericolosa per il contagio da HIV, resta il fatto che un rischio concreto ora è stato dimostrato scientificamente. L’uso del preservativo nel rapporto orale diventa così più che consigliato e non dimentichiamo inoltre che il rapporto orale è comunque rischioso per altri tipi di malattie a trasmissione sessuale.

Sulla possibilità di trasmissione dell’HIV attraverso la fellatio vi è comunque un dibattito tra chi considera questa pratica a rischio di trasmissione dell’HIV e chi sostiene che la possibilità sia solo teorica (plausibilità biologica).

Leggi anche: L’uomo nato con due peni [FOTO]

Il virus HIV non si trasmette:

1) abbracciandosi (fermo restando che il contatto tra due ferite sanguinanti può tecnicamente essere fonte di contagio);
2) accarezzandosi;
3) baciandosi;
4) masturbando il partner, a condizione che lo sperma o le secrezioni vaginali non vengano a contatto con ferite aperte;
5) scambiandosi vibratori o altri ‘sex toys’, a condizione che si rispettino elementari norme igieniche, come lavarli con un disinfettante prima e dopo l’uso; l’ideale sarebbe mettere un preservativo sull’oggetto e sostituirlo ad ogni nuova penetrazione.

Leggi anche: Quanto deve durare un rapporto sessuale prima che si parli di eiaculazione precoce?

IMPORTANTISSIMO: Capisco che molte persone capitino su questa pagina perché hanno paura di essere rimaste incinte o perché hanno paura del virus HIV, però vi prego: non mi chiamate al cellulare né mandatemi messaggi dove mi chiedete se siete rimaste incinte o se siete stati infettati. Ve lo dico per almeno due motivi: il primo è che io lavoro quasi tutta la giornata ed essendo il blog letto da diecimila persone al giorno, i messaggi/telefonate che ricevo sono CENTINAIA ogni giorno quindi inevitabilmente capiterà che o vi risponderò in ritardo di mesi (ed invece i vostri sono quesiti “urgenti”, che avrebbero bisogno di risposte immediate) oppure non vi potrò rispondere perché perderò il vostro messaggio in mezzo a tutti gli altri. Il secondo motivo è che nella maggior parte dei casi, al vostro quesito è impossibile rispondere, per due cause: la prima causa è che il medico deve visitare DAL VIVO il paziente, dare risposte a distanza può addirittura determinare un grande danno al paziente stesso. La seconda causa è che ad alcune domande che mi fate è letteralmente IMPOSSIBILE dare una risposta, da parte mia e da parte di qualsiasi medico sulla faccia della terra. Mi capita spessissimo di ricevere telefonate sul tipo: “Salve dottore ho 14 anni e ieri sera ho avuto un rapporto col mio ragazzo senza preservativo, sono incinta? Non è che mi sono presa l’AIDS? Se lo scopre mio padre mi riempie di botte”. Secondo voi cosa dovrei rispondere? In questi casi, credetemi, la cosa migliore che possiate fare non è certo andare su GOOGLE a cercare risposte a livello oracolo dal “medico dai tre nomi” (che sarei io), invece l’unica cosa sensata che possiate fare è andare SUBITO dal vostro MEDICO DI FAMIGLIA (o al pronto soccorso!), esporgli con chiarezza il problema ed eventualmente farsi visitare. Grazie a tutti per la comprensione.

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Advertisements

Informazioni su Dott. Emilio Alessio Loiacono

https://medicinaonline.co/about/
Questa voce è stata pubblicata in La medicina per tutti, Sessualità e storie d'amore e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

59 risposte a Sesso e AIDS: l’HIV si trasmette anche tramite il rapporto orale

  1. Tene Marco ha detto:

    Salve dottore la ringrazio anticipatamente per questo spazio che ci dedica.
    Le volevo porre il mio dubbio; ho fatto fatto sesso con una donna in particolare L ho baciata e leccato la vagina e lei mi ha fatto orale senza protezione alcuni giorni dopo noto che ho male di gola e febbre a 37.5 sono solo questo i sintomi che ho avvertito. Mi chiedo se si tratta di una coincidenza (influenzale del periodo) oppure un contagio del virus HIV? Quali altri sintomi dovrei notare ? Lei cosa consiglia? Se vorrei togliermi il dubbio i test fai da te che vendono in farmacia come sono?
    Grazie

  2. Salvatore ha detto:

    Buongiorno, io vorrei solo sapere un informazione
    Qualche sera fa in compagnia di mio cugino siamo andati
    Da una prostituta , abbiamo ricevuto del sesso orale protetto con il preservativo.
    Nient’altro in più.
    Possiamo avere delle preoccupazioni di aver qualcosa. ??

  3. Franco ha detto:

    Salve. Dottore ho avuto un rapporto protetto con preservativo. Con una prostituta ma si è rotto il preservativo … dopo qlke minuto mi sono accorto e L ho tolto subito non quindi nn ho completato nulla. Quanda possibilità ho di aver preso. HIV ?

  4. Fabio Ambrosiono ha detto:

    Buonasera dottore ho ricevuto un body massaggio la ragazza rimasta in perizoma io nuto nel massaggiare la massaggiatrice ha strusciato sul mio pene in erezione quindi il glande e venuto in contatto col il perizoma sr erano sporche di secrezione vagginali o rischiato p contatto indiretto quindi senza rischio??vi ringrazio in anticipo

  5. Anonimo ha detto:

    Salve dottore, volevo farle un domanda. Domenica sera ho ricevuto un fellazio da una ragazza che ha incominciato leccandomi la parte del filetto e poi mi ha messo su il profilattico.. Volevo capire se c’è una possibilità di contrarre l’HIV? Consiglia di fare un test? Se si fra quanto tempo? Le chiedo gentilmente se mi può rispondere per via mail

  6. Picle ha detto:

    Buingiorno. Ieri sera ho conoscouto un ragazzo in un bar, ci siamo piaciuti abbiamo chiacchierato a lungo e, dopo una birra di troppo, siamo finti a casa mia. Abbiamo fatto del sesso orale reciproco (ma senza la perdita di alcun liquido seminale), rimming reciproco e successivamente del sesso anale (naturalmente protetto), lui ha penetrato me. Una volta finito mi ha confessato di essere sieropositivo ma di avere una bassissima carica virale. Questa cosa, ovviamente, mi ha sconvolto parecchio; sono sempre molto attento, in generale, quando faccio sesso però la cosa mi ha un po’ impaurito e credo che il momento di “massimo” rischio per me sia stato quando gli ho praticato del sesso orale. Lei cosa ne pensa? Naturalmente io non ho (che io sappia s’intende) alcuna ferita aperta e/o sanguinolenta in bocca.

  7. federico ha detto:

    Salve, dottore facendo sesso vaginale con una di colore con il profilattico, durante il rapporto ci siamo accorti che si era rotto e lo abbiamo subito cambiato. C è il rischio di aver preso la malattia?

  8. luca90 ha detto:

    Gentile dottore,

    qualche giorno fa ho avuto un rapporto passivo orale con una ragazza ( forse una prostituta non sono sicuro)cioè volgarmente mi ha succhiato il pene.
    L’intenzione era di fermarsi alla masturbazione ma è successo anche questo rapporto orale passivo senza profilattico. Non c’è stata eiaculazione dentro la bocca della donna. Non mi sono spinto oltre, non fatto altro .Lei mi ha succhiato il pene per qualche minuto e un po’ di masturbazione.
    sono a rischio HIV?
    ho letto in alcuni post che anche il rapporto orale passivo può essere soggetto HIV.
    c’ è anche una minima possibilità di averla contratta HIV? le informazioni sull’argomento sono molteplici e discordanti e non sono sicuro di ciò che ho letto
    se c’è una minima possibilità devo fare qualche test per hiv? non presento alcun disturbo quindi non penso neanche di aver preso altre malattie sessualmente trasmissibili
    Vi ringrazio ancora della disponibilità e pazienza.

  9. gigi ha detto:

    salve dottore ho ricevuto un fellatio da una donna che ha fatto fallati con più uomini senza preservativo.non non gli sono venuto in bocca pero altre persone si.io posso essere a rischio.grazie

  10. Marco Lillo ha detto:

    Salve dottore, volevo togliermi un dubbio; ho pratico sesso con una donna e nel rapporto ho leccato la vagina, premesso che lei non aveva lacerazioni o almeno non ne ho viste cmq il giorno dopo mi accorgo di avere una patina bianca sulla lingua che il passare dei giorni sta diminuendo ( non so sia una concidenza o è provocato da altre cause) ma mi chiedevo se uno dei sintomi di essere contagiati potrebbe riguardare il mio caso
    La ringrazio in attesa di una sua risposta

  11. Gino ha detto:

    Salve dottore, ho praticato sesso orale a un trans che mi è venuto in bocca. in preda la panico ho fatto il test di 4 generazione a 30 giorni con risultato sieronegativo. Mi consiglia di rifarlo a 3 mesi? se si, anche a 6 mesi? grazie e mi scusi sono depresso

  12. Gianni ha detto:

    Salve, ho ricevuto un fellatio da una prostituta senza protezione; io sono circonciso. E’ possibile sia rimasto effetto da hiv? Grazie

  13. lorenzo ha detto:

    Buongiorno, forse h sbagliato a postare il tred, avrei bisogno di saperese i virus sono trasmettibili se lo sperma o i muchi vaginali vengono semplicemente a contatto con la pelle, chiedo scusa per l errore e vi ringrazio della risposta.

  14. carlo ha detto:

    salve dottore, ho avuto rapporto ricettico/passivo con un trans protetto con profilattico(tornando a casa ho perso sangue nel defecare), ma prima,sempre con lo stesso, ho praticato fellatio sul partner, e ho paura di aver creato una micro lesione con dente. Rischio il contagio, sempre nel caso di sieropositività del partner e che il condom sia davverro microlesionato? la ringrazio anticipatamente, se le è possibile mandarmi una risposta in privato!! La ringrazio

  15. giulio ha detto:

    Buonasera, se mi puo rispondere con una e mail sarebbe perfetto… nel mese di marzo ho fatto del sesso orale a una prostituta di colore… non ho avuto nulla , ma in questo periodo sono piu stanco del normale, la nausea mattutina… sono sposato, spero di non aver fatto casini con mia moglie… secondo lei le possibilita ci sono? E se si sono alte?

  16. Senza sapere altro sul caso posso rispondere nella stessa maniera con cui ho risposto agli altri lettori: il rischio è estremamente basso ma non nullo, specie se la sua ferita era aperta e sanguinante. Mi raccomando: la prossima volta usi il preservativo!

  17. mario ha detto:

    Salve dott.loiacono pochi gioni fa o avuto un rapporto orale occasionale con un ragazzo che dice di essere un militare e che fa delle analisi ma io o una piccola lesione in bocca e volevo sapere se il rischio e tanto

    La ringrazio in anticipo

  18. pierfrancesco ha detto:

    Ho letto tutto è tutto chiaro ma io uso sempre il profilatico mi sento piu’ sicuro e ringrazio a tutti

  19. sandro ha detto:

    salve dottore , propio 4 giorni fà sn stato ad una cena ed io è un paio di amici dopo mangiato siamo andati a prostitute, ho solamente fatto sesso orale ma il preservativo si è rotto all’ istante e nn me ne sono accorto ed ho avuto la iaculazione in bocca di lei quanti rischi corro?

  20. salvatore ha detto:

    Buona sera. Oggi ho ricevuto una fellatio…. Purtroppo con i denti mi ha graffiato il glande che ha sanguinato un poco…….Con la sua saliva ha smesso di sanguinare…Io mi sono incazzato……Ho paura…..Posso essere stato contagiato?….Lei dice che è sana e di non avere paura….. Grazie per la risposta

  21. mattia ha detto:

    salve, ho avuto un rapporto orale occasionale (l’altra persona ha praticato sesso orale a me) . dopo 15 giorni dal fatto mi è salita la febbre e gonfiati i linfonodi. mi sono recato dal dottore , fatto il test hiv e risultato positivo con una carica virale molto alta. è possibile che sia stato contagiato in quel rapporto occasionale? sono già sotto cura , voglio solo capire … la ringrazio anticipatamente della risposta

    • Buongiorno, da come lei mi ha descritto la situazione – ma senza avere la possibilità di visitarla e consultare le sue analisi – posso comunque supporre che probabilmente il contagio è avvenuto in una occasione PRECEDENTE rispetto all’evento che mi ha descritto, occasione che a mio avviso può essersi verificata anche diverse settimane prima del comparire del gonfiore linfonodale persistente. Se ha altri dubbi non esiti a chiedere, ma il mio consiglio è ovviamente quello di parlare con il suo medico di fiducia. Un abbraccio.

    • giacomo ha detto:

      Secondo me anzichè un rapporto orale passivo, sei sicuro di non aver fatto altro?

  22. Moon ha detto:

    Buonasera, 3 giorni fa ho avuto un rapporto a rischio con un ragazzo sieropositivo…peccato averlo scoperto 2 giorni dopo…
    Non abbiamo praticato sesso completo, ci siamo “limitati” al sesso orale. Lui non ha avuto neppure l’erezione e, se pur preso dal momento, non ha avuto perdite di liquido pre-spermatico e/o sperma. Io ho ricevuto il sesso orale, ma ho eiaculato fuori dalla bocca. La sua bocca e la mia non presentavano lesioni nè minime nè evidenti. Ho effettuato la stimolazione orale anale, e la parete anale era molto secca. Purtroppo Grazie all’immaturità della persona sieropositiva che non mi aveva detto nulla prima del rapporto, ora sto vivendo giornate di vero e proprio panico…poichè so esattamente che i test dovrò effettuarli tra 3 mesi, e l’attesa mi demolisce. So che la domanda potrebbe risultare al quanto stupida…ma il rischio di contagio è alto? Grazie

    • Buongiorno, da come mi ha descritto gli eventi mi sento di dirle che il rischio di contagio è davvero estremamente basso, anche se ovviamente solo le analisi ci daranno conferma. Vedrà che andrà tutto bene e la paura che stà provando oggi le servirà un domani per avere rapporti solo con persone che conosce bene e di cui si fida veramente.

  23. Anonimo ha detto:

    bellissimi consigli dott. Loiacono,ho letto che lo studio è in ristrutturazione,appena sarà pronto ci lascia il nuovo indirizzo e telefono così mi prenoto per la dieta e il massaggio linfdrenante? Grazie buona serata!
    Anna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...