Differenza tra lobectomia, pneumonectomia, segmentectomia e resezione atipica

MEDICINA ONLINE POLMONI VIE AREE LOBI SEGMENTI CHIRURGIA LOBECTOMIA TUMORE CANCRO ASPORTAZIONE POLMONE LUNG CONSEGUENZE COMPLICANZE

MEDICINA ONLINE POLMONI VIE AREE LOBI SEGMENTI CHIRURGIA LOBECTOMIA TUMORE CANCRO ASPORTAZIONE POLMONE LUNG CONSEGUENZE COMPLICANZE.jpgI tumori maligni polmonari sono la prima causa di morte per cancro in Italia e nel mondo: si calcola che in Italia ben 4 persone ogni ora scoprono di essere affetti da questa patologia estremamente pericolosa. Le possibilità di guarigione sono comunque presenti, ma dipendono – come per la maggioranza dei tumori – dallo stadio della malattia al momento della diagnosi: più precocemente il cancro viene diagnosticato e migliore è la prognosi per il paziente. La chirurgia toracica ha ovviamente un ruolo cardine nel’iter terapeutico del tumore polmonare: tramite l’intervento chirurgico la neoplasia può essere radicalmente asportata.

I diversi tipi di intervento chirurgico

Gli interventi chirurgici in caso di tumore maligno sono vari ed hanno diversa invasività: la possibilità di essere sottoposti ad uno specifico tipo di intervento piuttosto che un altro, viene valutata dai medici in base alla stadiazione della malattia, al tipo istologico ed alle condizioni generali del paziente con particolare riguardo alla riserva respiratoria ed alla funzionalità cardiaca. In base a tali fattori, il chirurgo sceglie una lobectomia, una pneumonectomia, una segmentectomia o una resezione atipica polmonare. Per comprendere le differenze, serve ricordare che i polmoni sono divisi in lobi: tre a destra e due a sinistra ed a loro volta i lobi sono divisi in vari segmenti (vedi foto in alto). L’intervento chirurgico di scelta per l’asportazione di un tumore polmonare circoscritto ad un lobo è la lobectomia (asportazione di uno di questi cinque lobi) alla quale deve sempre essere associata l’asportazione dei linfonodi mediastinici omolaterali.

Leggi anche:

Pneumonectomia

La pneumonectomia è la resezione (asportazione) di un intero polmone, eseguita per via toracotomica. Ha un impatto funzionale notevole sul paziente e per questo è stata sostituita, laddove possibile, dalla lobectomia e dalla sleeve resection. Proprio per tale invasività e per le conseguenze negative sulla qualità della vita del paziente, viene impiegata solo quando la posizione o l’estensione della massa tumorale e dei linfonodi coinvolti non consente di effettuare una lobectomia o un altro tipo di intervento meno invasivo.

Lobectomia

La lobectomia è l’intervento di resezione polmonare più frequente in chirurgia toracica ed è quello preferito perché meno invasivo e con meno conseguenze negative sulla vita del paziente. Una lobectomia si può eseguire con tecnica VATS (Video Assisted Thoracoscopic Surgery, la meno invasiva) attraverso tre o quattro piccole incisioni cutanee, o per via toracotomica, la più invasiva. Con una lobectomia si rimuove un intero lobo polmonare e si associa sempre l’asportazione dei linfonodi mediastinici. Lo spazio residuo viene rapidamente occupato dalla riespansione del restante parenchima polmonare.

Segmentectomia

La segmentectomia è la resezione di un segmento polmonare, unità anatomo-chirurgica ventilata da un bronco segmentario e vascolarizzata da un ramo dell’arteria polmonare. Può essere eseguita sia in VATS che attraverso una toracotomia.

Resezione atipica

La resezione atipica è una resezione chirurgica del parenchima polmonare che non segue i piani anatomici di suddivisione lobare o segmentaria dei  bronchi o dei vasi polmonari. Si effettua generalmente per via toracoscopica.

Sleeve lobectomy o resezione a manicotto

La Sleeve lobectomy è la resezione di un manicotto bronchiale, con il suo lobo coinvolto e reimpianto del bronco a valle sul bronco principale. Se anche l’arteria polmonare è coinvolta, è possibile eseguire la stessa procedura a carico del vaso. E’ un intervento complesso che permette di evitare la pneumonectomia, restituendo al paziente una buona qualità di vita dal punto di vista funzionale. E’ gravato da un tasso di complicanze più alto rispetto agli altri interventi.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Anatomia, fisiologia e fisiopatologia, Polmoni ed apparato respiratorio e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.