Pavimento pelvico: come cambia durante la menopausa?

MEDICINA ONLINE VAGINA VULVA APPARATO GENITALE FEMMINILE SCHEMA ANATOMIA UTERO TUBE FALLOPPIO OVAIOL’arrivo della menopausa è un avvenimento nella vita della donna che produce importanti cambiamenti ormonali che si riflettono in molti aspetti della salute. Con la scomparsa definitiva delle mestruazioni ha inizio una tappa delicata della propria esistenza che, grazie all’aumentata aspettativa di longevità, assicurata dallo sviluppo e dal progresso della medicina nei Paesi occidentali, equivale a circa un terzo della vita di una donna, la quale si troverà a vivere in uno stato di deficit ormonale. Conoscere i cambiamenti che avvengono nel proprio corpo e comprenderli è fondamentale per raggiungere il massimo benessere possibile in questa fase.

Cosa succede al pavimento pelvico della donna?

  • L’invecchiamento progressivo combinato con la fine della produzione di estrogeni da parte delle ovaie (il principale ormone femminile che regola la funzionalità di molti organi) favorisce la comparsa di alterazioni a livello del pavimento pelvico, come l’incontinenza urinaria e fecale, il prolasso genitale e anomalie nella sessualità, i cui sintomi incidono seriamente sulla qualità della vita di una donna.
  • Anche l’atrofia muscolare, tipica di questa fase, colpisce la muscolatura pelvica e ne provoca l’indebolimento. Alcuni studi hanno constatato che lo spessore del muscolo che chiude l’uretra si riduce del 3% ogni anno nelle donne adulte.
  • Inoltre, in menopausa si produce anche un’alterazione del collagene del tessuto di sostegno. È stato provato, durante le biopsie realizzate su alcune pazienti in post-menopausa operate per cistocele (collasso della vescica attraverso la vagina), che nel corpo femminile si verifica una diminuzione della quantità di collagene di tipo 1, che è quello che apporta la corretta tensione per il sostegno degli organi.
  • Allo stesso modo, l’elasticità dei legamenti che sostengono gli organi pelvici come l’utero diminuisce. La capacità di allungarsi e accorciarsi per tornare nella posizione originaria dopo uno sforzo, si affievolisce, sino a sparire, provocando la “caduta” degli organi e quindi il prolasso.
  • Un’altra alterazione chiaramente relazionata con la menopausa è il danneggiamento sofferto dall’uretra che è molto sensibile al deficit ormonale; essa si atrofizza e riduce l’afflusso sanguigno, favorendo la comparsa di fastidi urinari.
  • Se a questo peggioramento naturale dei tessuti muscolari e di sostegno aggiungiamo il fatto che quasi tutte le donne sono passate per una o più gravidanze e parti, che già di per sé danneggiano il pavimento pelvico, possiamo capire perché, attorno ai 50 anni, la donna deve porre particolare attenzione alla cura e alla prevenzione delle alterazioni del suo pavimento pelvico.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ginecologia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.