Dieta senza glutine: cos’è e quali sono i suoi benefici

MEDICINA ONLINE CIBO DIETA ALIMENTAZIONE PASTA RISO SUGO DIABETE CIBI GLICEMIA CARBOIDRATI PRANZO CUCINA CENA RICETTAIl glutine è una proteina che si trova nel grano e nei cereali come, ad esempio, nell’orzo e nella segale. Il glutine è presente in una grande varietà di prodotti alimentari, inclusa la pasta, presentando un serie di proprietà funzionali. Seguire un regime alimentare “senza glutine” significa, quindi, intraprendere una dieta senza la proteina del glutine, il che vuol dire evitare cibi come pane e pasta. Una dieta senza glutine viene spesso seguita da coloro che presentano disturbi nella digestione di questa proteina, come chi soffre di intolleranze o allergie al grano. Il grano è, però, un ingrediente molto presente nella dieta del mondo occidentale ed è una delle proteine più consumate, così da rendere molto difficile la sua esclusione dalla vostra dieta, sebbene, scegliendo di farne a meno, potrete avere una serie di benefici.

Perché seguire una dieta senza glutine?

Quando si tratta di scegliere o no se intraprendere una dieta senza glutine, dovreste porvi una domanda:

“ho realmente bisogno di questo tipo di regime alimentare?”

Le persone celiache avranno sicuramente benefici da una dieta simile. La celiachia è un disturbo dell’apparato digerente che comporta una reazione negativa del corpo al glutine, con conseguente mal di stomaco, senso di gonfiore e aumento di peso. Si stima che più di 2,5 milioni di persone soffrano di celiachia. Molti individui vengono lasciati senza una diagnosi certa poiché non presentano sintomi per diversi anni, anche in virtù del fatto che molti segnali della malattia possono venir confusi con altri disturbi. Se credete di soffrire di celiachia, sappiate che i sintomi comuni a questa malattia sono: diarrea, costipazione, dolore addominale, senso di gonfiore, anemia e spossatezza. Comunque, anche se pensate di essere soggetti a questo disturbo, è comunque sempre meglio chiedere il parere di un medico prima di rimuovere il glutine dalla vostra dieta.

Leggi anche:

Quali sono i benefici della rimozione del glutine dalla dieta?

Per quanto riguarda i benefici legati alla scelta di una dieta senza glutine, dovete prima assicurarvi che questo genere di regime alimentare sia assolutamente necessario per la vostra salute. Per esempio, i celiaci avranno sicuramente grandi benefici seguendo questa dieta e, se soffrite di intolleranza al glutine, la rimozione di questa proteina dalla vostra alimentazione quotidiana vi recherà sollievo da tutti quei fastidiosi sintomi, fornendovi, inoltre, più energia e riducendo i vostri disturbi gastrointestinali. Per esempio, nel 2002 il Dr.Mustalahti e altri medici hanno svolto un’ importante ricerca, analizzando la qualità di vita di alcuni individui risultati positivi ai test della celiachia. Lo studio prendeva in esame la salute degli individui prima di seguire una dieta senza glutine e un anno dopo aver intrapreso questo particolare regime. I medici si sono soffermati sulla qualità di vita di quei pazienti con sintomi e riscontri positivi per la celiachia, laddove gli individui mostrassero evidenti segnali di un disturbo celiaco e non  avessero buone  condizioni di vita a causa di problemi gastrointestinali. Un anno dopo aver iniziato a seguire una dieta senza glutine, i disturbi gastrointestinali si erano ridotti, giungendo alla conclusione che un regime alimentare senza glutine potesse migliorare la qualità di vita di coloro che presentavano sintomi e test positivo alla celiachia.

Al di là di questo, se non si è intolleranti al glutine, la scelta di un regime alimentare di questo tipo non porterà veri e propri benefici. Per molte persone, infatti, la rimozione del glutine dalla loro dieta comporta un aumento del peso, dato che molte delle alternative alimentari senza glutine presentano un maggior contenuto di grassi, nonché carenze nutrizionali. Alcuni individui segnalano una perdita di peso, ma ciò è probabilmente dovuto al fatto che una dieta senza glutine offre una ridotta scelta di alimenti, con una conseguente riduzione della possibilità di mangiare eccessivamente. Tutti i cereali fanno parte di una dieta sana e equilibrata, e la rimozione del glutine, soprattutto quando non necessaria, porta alla perdita di tutti quei benefici nutrizionali che si possono riscontrare nei cibi che contengono questa proteina.

Come iniziare

Andare a mangiare fuori può essere scoraggiante quando si segue una dieta senza glutine. E’ consigliabile telefonare prima e informarsi se il ristorante dispone di un menù senza glutine o, comunque, alternative in linea con questo regime alimentare.  Inoltre dite sempre a chi vi serve che non volete cibi con il glutine o che avete allergie:  lo terranno a mente e dovrebbero essere felici di servirvi al meglio. Un buon modo per iniziare è concentrarsi sul mangiare tutti i cibi privi di glutine, come frutta, verdura, pollo, pesce, carne magra: questo è un ottimo metodo per mantenere la tua dieta sana e libera dal glutine.

Attenzione al glutine “nascosto”

Mangiare cibi in scatola può essere insidioso laddove il glutine può venir mascherato come altri ingredienti,  sebbene molti negozi abbiano oramai intere sezioni dedicate agli alimenti senza glutine.

Prodotti che contengono glutine:

– Pane

– Pasta

– Farina multiuso

– Farina

– Pane azzimo

– Pan Pita

– Cous Cous

– Dolci

– Muffin

– Biscotti

– Paste e Torte

– Grano

– Orzo

– Crusca

– Semolino

– Avena  (L’avena contiene una proteina che è simile al glutine ma non è la stessa. Comunque, una gran quantità di avena subisce spesso una contaminazione incrociata, quindi se decidete di mangiare avena siate sicuri di scegliere marche che prediligono prodotti privi di glutine)

Cibi senza glutine

Intraprendere un regime alimentare senza glutine vuol dire eliminare dalla vostra dieta molti cibi, ma c’è comunque una grande quantità di prodotti privi di glutine in alternativa a cereali e dolci da forno, così come ci sono una marea di alimenti freschi che possono rimpiazzare quelli pieni di glutine.

Frutti

Mele, Arance, Uva, Banane, Pompelmi, Uva Sultanina, ecc…

Verdura

Patate, Mais, Broccoli, Cavolfiore, Zucchine, Cavolo, Lattuga, ecc…

Salse e Spezie

Ketchup, Maionese, Sale e Pepe – attenzione alla Salsa di Soia e al Condimento per l’insalata: accertatevi che siano etichettati come prodotti senza glutine.

Carne Non Lavorata

Pollo, Manzo, Maiale, Pesce, Uova. Attenzione a salsiccia, hot dog e alle carni lavorate poiché possono contenere tracce di glutine.

Prodotti Quotidiani

Latte, Formaggio, Yogurt, Burro, Fiocchi di Latte. Attenzione al Gorgonzola (contiene delle muffe del pane) e controllate sempre l’etichetta degli yogurt per essere certi che non vi siano fibre aggiunte o prodotti cereali.

Contorni

Riso Bianco scondito, Patate, Fagioli in scatola, Quinoa. Eviatate i purè istantanei.

Frutta Secca e Creme spalmabili

Burro d’arachidi, Nutella, Burro di Mandorle, Pistacchi, Anacardi, Arachidi, Noccioline, Mandorle. Evitate le noccioline speziate.

Le persone con allergie al grano, intolleranze al glutine o disturbi legati alla celiachia, sono tutti individui che troveranno grandi benefici rimuovendo il glutine dalla loro dieta. Comunque sia, se non soffrite di intolleranza al glutine, è importante ricordare che l’eliminazione totale di un nutriente dalla vostra dieta non vi farà perdere peso e non vi permetterà di mettervi in forma più velocemente rispetto a quanto potreste fare con l’esercizio fisico e una dieta sana e equilibrata.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.