Kundalini: il massaggio tantra dei genitali

MEDICINA ONLINE TANTRA TANTRIC MASSAGE MASSAGGIO TANTRICO YONI KUNDALINI LINGAM CHEATING AUMENTARE  SPERMA EIACULAZIONE FORZA PENE EREZIONE IMPOTENZA DISFUNZIONE ERETTILE VAGINA SESSULITA SESSO COPPIA AMORE  PAURA FOB.jpgQuesta è probabilmente una delle forme più curiose, affascinanti e sensuali del massaggio tantra: stiamo parlando della tecnica Kundalini, che idealmente rappresenta un serpente, il quale a sua volta simboleggia le energie primordiali che risiedono in ciascuno di noi, per la precisione al primo chakra. Il serpente è la metafora della trasformazione, in riferimento alla sua peculiarità di perdere e ricostruire la pelle con regolarità, e la trasformazione è associata a benessere inteso in termini fisici e spirituali come pure all’illuminazione (ricordiamo che la filosofia tantra punta all’elevazione dell’individuo).

Il massaggio tantrico Kundalini, in particolare, risveglia l’energia primordiale del primo chakra – collocato nella zona perineale – punto di partenza per un massaggio tantra che coinvolge anche le zone genitali, senza tuttavia escludere alcuna parte del corpo, sino a raggiungere il settimo chakra, ossia la sommità della nuca.

Durante il massaggio tantra Kundalini i chakra dovrebbero essere progressivamente purificati, così che la Kundalini – ossia l’energia primordiale – possa avere il sopravvento abbattendo ostacoli quali l’attaccamento al piacere fisico e materiale (questo si lega al rapporto sessuale visto come atto di donazione non forzatamente finalizzato all’orgasmo), nonché al nostro ego. Al momento del risveglio del Kundalini, nel ricevente di questo specifico massaggio tantra, grazie ai movimenti armoniosi e avvolgenti con cui viene massaggiato, l’intero corpo esperirà una sensazione di completo benessere e piacere totale.

L’efficacia del massaggio può essere raggiunta grazie a manipolazioni molto prolungate (anche due ore) effettuate da un operatore esperto: non cimentatevi quindi con questo massaggio senza padroneggiarne perfettamente la tecnica. Scopo del massaggio è quello di favorire il rilassamento dei muscoli adiacenti alla colonna vertebrale, per preparare il canale centrale (sushumua) ad accogliere il flusso verso l’alto dell’energia kundalini. Una volta che schiena, spalle e collo sono aperti, bisogna massaggiare vigorosamente la parte inferiore della schiena, comprese gambe, piedi e natiche, per allentare la tensione nelle estremità inferiori per agevolare la risalita di kundalini verso l’alto.

Con la parte posteriore del corpo rilassata, l’area pelvica inferiore è preparata per essere rilassata e aperta attraverso un massaggio circolare e profondo nell’area sacrale e pelvica. In questo modo si purifica la natii principale o canale astrale così che le correnti kundalini possano fluire e unirsi al Vishnu. La direzione è sempre dal basso verso l’alto. Per questo motivo, il lavoro sul corpo comincia nella parte inferiore. I centri chakra vanno aperti e bilanciari in ordine, dal basso, quindi dal muladhara chakra, verso l’altro, attraverso gli altri centri chakra fino al sahasrara. Questa apertura serve a preparare il corpo a ulteriori rilasci e movimenti di energia kundalini.

Quando la cavità pelvica inferiore inizia ad aprirsi grazie al massaggio profondo, bisogna preparare i siri dei chakra superiori con tocchi gentili lungo la spina in direzione del collo. Il chakra più alto, ajna, e l’area sahasrara che si trova sulla sommità del capo, si preparano all’apertura attraverso un bilanciamento energetico ottenuto senza il contatto con il corpo. L’apertura dei chakra successivi creerà un passaggio che permetterà alla kundalini di irradiarsi verso l’alto. Questa prima parte del massaggio, in cui il ricevente sta sdraiato col viso rivolto verso il basso, è preparatoria alla seconda, ovvero quella in cui starà sdraiato sulla schiena.

Leggi anche:

Una volta che i centri chakra sono attivati, l’energia kundalini contenuta nel chakra muldhara, posto alla base della colonna, viene delicatamente rilasciata. L’energia kundalini viene spesso chiamata “energia del serpente” perché giace inerte, arrotolata alla base dell’asse vertebrale; è statica e sigillata alla radice della colonna, appena oltre la punta dell’osso sacro. Rilasciando questa energia, si creano due forze, una centripeta (Shakti) e l’altra centrifuga (Shiva). Shakti viene indirizzata all’insù verso i chakra più alti, per completare un’unione con Shiva. la cui sorgente originaria, secondo il Tantra, è il sole. È grazie all’unione di queste due forze che si ottengono armonia e bilanciamento, secondo le antiche credenze tantriche.

Spesso la prima esperienza di rilascio di energia kundalini è deludente: difficilmente l’energia s’innalza al di sopra del primo o secondo chakra. Comunque, dopo un numero di sessioni che varia da soggetto a soggetto, avviene il rilascio dell’energia hondalini “risvegliata’: chi l’ha sperimentata la descrive come un’esperienza indimenticabile, nella quale si percepisce una sorta di fuoco liquido che scorre su lungo la sushumna, attraverso la testa e la sommità del corpo.

Quale olio usare per i massaggi?
Per tutti i tipi di massaggi sensuali, l’uso di un olio specifico può migliorare decisamente l’esperienza di entrambi i partner, rendendo più semplice l’esecuzione da parte di chi lo effettua e creando un’atmosfera più stimolante grazie alla fragranza che sprigiona nell’ambiente. A tale scopo l’olio per massaggi assolutamente consigliato ed usato dal nostro Staff è questo: http://amzn.to/2yeMNIE, ottimo grazie alla miscela di olio essenziale di rosmarino, limone, ginepro e bergamotto su base di semi d’uva. Provatelo per una esperienza di massaggio sensuale, coinvolgente ed appagante.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Bellezza e cura della persona, Sessualità e storie d'amore e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.