Differenza tra terremoto ondulatorio e sussultorio. Quale fa più danni?

MEDICINA ONLINE DIFFERENZA TRA TERREMOTO ONDULATORIO E SUSSULTORIO MOVIMENTO LAMPADARIO SI MUOVE O NO ONDA SISMICA IPOCENTRO EPICENTRO MAGNITUDO SISMA OSCILLAZIONE SCOSSONE DESTRA SINISTRA ALTO BASSO.jpgUna scossa di terremoto può essere avvertita in maniera sussultoria o in maniera ondulatoria. Ma davvero esistono questi due tipi di movimenti? In un certo senso sì, ma solo dal punto di vista dell’avvertibilità di un sisma, infatti non esistono “terremoti ondultatori” e “terremoti sussultori” dal punto di vista sismico: sono tali solo in base al modo in cui sono percepiti dalle persone che lo subiscono.

Terremoto ondulatorio

Un movimento di tipo ondulatorio determina la sensazione di una forte oscillazione dando, a chi avverte il sisma, la sensazione di trovarsi su una nave o su un’altalena visto che il movimento dura a lungo ed è avvertito come “ampio” e sul piano orizzontale (percezione di movimento “destra – sinistra”). Il movimento oscillatorio si avverte quando la persona si trova a grandi distanze dall’epicentro di un terremoto molto forte: in questo caso le onde sismiche giungeranno “orizzontalmente”, in maniera disomogenea e con una velocità minore rispetto ad un punto vicino: conseguentemente, al suolo, si avrà questo effetto legato all’oscillazione, che provoca, ad esempio, importanti movimenti su oggetti in sospeso come i lampadari, ma anche il movimento di letti, mobili e tavoli.

Tanto più l’ipocentro è superficiale e tanto più si è lontani dall’epicentro, tanto più il terremoto verrà avvertito come ondulatorio (con movimenti “orizzontali”).

Terremoto sussultorio

Un movimento di tipo sussultorio è un grande scuotimento che avviene al raggiungimento delle onde sismiche sull’edificio preso in esame: il movimento è breve, “corto” ed avvertito sul piano verticale (percezione di movimento “alto – basso”). Quando un terremoto viene percepito in maniera sussultoria, in genere la persona si trova vicina all’epicentro e le onde sismiche arrivano “dirette” e “verticali”, causando il netto scuotimento la cui intensità varia a seconda della magnitudo con cui viene registrato il sisma. Chi si trova esattamente al di sopra dell’epicentro ha la massima percezione sussultoria. Essendo uno scossone sul piano verticale e non una oscillazione, i lampadari tendono a muoversi meno rispetto al terremoto oscillatorio o a non muoversi affatto.

Tanto più l’ipocentro è profondo e tanto più si è vicini all’epicentro, tanto più il terremoto verrà avvertito come sussultorio (con movimenti “verticali”).

Quale fa più danni?

Non esiste un tipo di terremoto, sussultorio od ondulatorio, che sia necessariamente più dannoso dell’altro, anche perché – da quanto detto –  dovrebbe essere chiaro che lo stesso identico terremoto può essere avvertito come sussultorio, in prossimità dell’epicentro, ed ondulatorio, da chi si trova lontano dall’epicentro. C’è però da fare una valutazione: quando un terremoto molto forte è percepito come sussultorio, i danni a cose e persone possono essere molto gravi o molto lievi; se al contrario un terremoto molto forte è percepito come ondulatorio, in genere i danni a cose e persone in prossimità dell’epicentro tendono più frequentemente ad essere molto gravi. Entrambi i tipi di terremoto possono comunque avere effetti distruttivi molto variabili, che dipendono principalmente dalla magnitudo del sisma stesso, dalla distanza dall’epicentro, dal tipo di sottosuolo e dal tipo di edifici e strutture dell’area colpita.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Oltre la medicina e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.