Il cartellino per far sapere ai clienti che le commesse hanno le mestruazioni

MEDICINA ONLINE Il cartellino badge per far sapere ai clienti che le commesse hanno le mestruazioni ciclo mestruale Takahiro Imazu Michi Kake Seiri-Chan.jpgParlare di ciclo mestruale in Giappone è, ancor oggi, un vero tabù: per contrastare questa tendenza Takahiro Imazu, il titolare di Michi Kake (un negozio specializzato nella vendita di prodotti per il benessere delle donne), ha deciso di lanciare questa idea così bizzarra.

Le commesse potranno segnalare alle clienti di avere le mestruazioni, grazie ad uno speciale badge che presenta l’immagine di Seiri-Chan, creatura antropomorfa con la forma di un cuore rosa e un cerotto sul naso, che rappresenta il ciclo mestruale ed è protagonista di un manga (un fumetto giapponese).

MEDICINA ONLINE Il cartellino badge per far sapere ai clienti che le commesse hanno le mestruazioni ciclo mestruale Takahiro Imazu Michi Kake Seiri-Chan 2.jpg

Seiri-Chan

Il cartellino è ovviamente facoltativo: le commesse potranno decidere autonomamente se indossarlo o meno, anche se pare che già molte di loro si siano dimostrate disponibili ad indossare il badge quando sono in servizio.

La curiosa iniziativa si è diffusa velocemente sui social di tutto il mondo e sembra sessista ad alcuni, ma in realtà – come spiegato dal titolare del negozio – ha il nobile l’obiettivo di incoraggiare le donne a parlare più liberamente di mestruazioni, rompendo il tabù su questo argomento.

Takahiro Imazu ha affermato: In Giappone, c’è la tendenza a non parlare dei periodi mestruali delle donne. Non tutti i clienti reagiranno positivamente, ma il boom del fem tech sta crescendo e i valori dei giovani stanno cambiando di conseguenza”.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Ginecologia, Oltre la medicina e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.