Gli italiani nati nel sud sono meno intelligenti dei settentrionali?

Gli italiani nati nel sud sono meno intelligenti dei settentrionaliSolo alcuni giorni fa avevo pubblicato questo articolo: I cervelli delle persone del nord sono più grandi di quelli del sud: i milanesi sono più intelligenti dei palermitani?

L’argomento è decisamente scottante, oltre che interessante, così ho esteso le mie ricerche ed ho trovato uno studio del prof. Richard Lynn che proverebbe una verità scomoda per i meridionali: gli italiani nati nel sud sono meno intelligenti di chi è nato nel nord.

Richard Lynn, docente emerito di psicologia all’università dell’Ulster a Coleraine, in Irlanda del Nord, è famoso per le sue teorie a dir poco provocatorie. Ritiene che esistano differenze nell’intelligenza degli individui in base alla razza e al sesso: ad esempio una sua ricerca vuole dimostrare che la pelle più chiara corrisponde a una maggiore capacità mentale, un’altra sua ricerca dimostrerebbe la minore capacità intellettiva delle donne rispetto agli uomini in base alla misura più piccola del volume cranico delle prime rispetto ai secondi.

I meridionali sono davvero meno intelligenti?

In realtà l’articolo del prof. Lynn è vecchio di due anni (che in campo della ricerca scientifica è una enormità di tempo) tuttavia pare che abbia riscosso un discreto successo tra gli studiosi e nessuno studio successivo sembra smentire le tesi di Lynn. La rivista dove è stato pubblicato l’articolo è Intelligence e lo studio prende il nome di «In Italy, north-south differences in IQ predict differences in income, education, infant mortality, stature and literacy» («Le differenze nel QI tra nord e sud Italia corrispondono a differenze nel reddito, educazione, mortalità infantile, statura e alfabetizzazione»). Ecco la teoria: il sud Italia è meno sviluppato del nord perché i meridionali sono meno intelligenti dei settentrionali. Anzi, mentre nel nord Italia il quoziente intellettivo è pari a quello di altri Paesi dell’Europa centrale e settentrionale, più si va verso sud più il coefficiente si abbassa. La causa, spiega Lynn, è «con ogni probabilità da attribuire alla mescolanza genetica con popolazioni del Medio Oriente e del nord Africa». Osservazioni che non sfigurerebbero in un pamphlet razzista.

I limiti dello studio

Lynn liquida secoli di studi sulla questione meridionale teorizzando che al pari della statura, dell’istruzione e del reddito, da nord a sud l’intelligenza media della popolazione scenda fino a toccare il punto più basso in Sicilia. I più intelligenti d’Italia, secondo Lynn, sono concentrati in Friuli. Roberto Cubelli, presidente dell’Associazione italiana di psicologia, ha criticato lo studio per i «gravi limiti teorici, metodologici e psicometrici (inadeguatezza degli strumenti di misura, arbitrarietà della procedura di analisi, mancata definizione di intelligenza), attualmente in discussione presso la comunità scientifica». Inoltre Cubelli attacca lo studioso irlandese per l’uso di «modelli teorici che si sono già rivelati falsi e ingiustificati e che possono legittimare comportamenti individuali e scelte politiche di impronta razzista e di discriminazione sociale».

Le teorie di Lynn fanno da sempre discutere

Lynn non è nuovo a teorie discutibili: negli anni ’70 sostenne che gli abitanti dell’Estremo Oriente sono più intelligenti dei bianchi e nel 1994 nel libro «La curva a campana» teorizzò che nella popolazione di colore, una pigmentazione più chiara corrisponde a un quoziente intellettivo più alto, derivato proprio dal mix con i geni caucasici. Nello studio pubblicato da Intelligence, afferma che «il grosso della differenza nello sviluppo economico tra nord e sud può essere spiegato con la variabilità del QI» e che, in sintesi, nel sud Italia la qualità del cibo è più scadente, si studia meno, ci si prende meno cura dei figli e che almeno dal 1400 il Meridione non partorisce «figure di spicco» nelle arti e nella politica.

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in La medicina per tutti, Neurologia, psicologia e malattie della mente e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Gli italiani nati nel sud sono meno intelligenti dei settentrionali?

  1. Jacques ha detto:

    In nord è superiore al meridione? Si può rispondere senza razzismo. Vero è che Il nord europa si caratterizza per avere adottato un’ economia ed uno stile di vita superiore al sud europeo. Ciò, però, non significa che il sud sia stupido. L’intelligenza del sud, in particolare in Italia, si manifesta con tutta evidenza nell’impiego pubblico. In Italia gli statali sono prevalentemente meridionali. Burocrati, politici, magistrati, funzionari fino agli uffici consolari esteri: meridionali all’80 %. Vivono d’aria, non producono economia reale.
    Allora viene da chiedersi perché mai il sud non abbia mai sviluppato un’ industria di serie “A” ( come Fiat, Luxottica, Pirelli a titolo esemplificativo) ovvero una multinazionale mondiale. Perchè mai il nord non sia stato in grado di prendere lo Stato.
    La risposta è: la cicala e la formica. Indubbiamente sono specie dissimili, con origini culturali e sanguigne dissimili. Il sud afro-arabo ed il nord franco-germanico e slavo-germanico
    il Sud non paga tasse e non produce un PIL significativo e gestisce il Nord che, invero, paga tasse, lavora, apre la partita iva produce PIL etc etc. A parte i gestori di night club e ricchi pizzaioli meridionali , l’uomo del sud si caratterizza, a livello mondiale, per essere terremotato, cassaintegrato, moralista, gesticolatore, mafioso, burocrate . Si burocrate che gestisce il nord sfruttando amicizie e conoscenze.
    Allora la domanda è questa chi è più intelligente la cicala o la formica?
    E’ molto probabile, sotto questo profilo che la cicala si più furba e la formica abbia un punto debole perchè “umana”. Non già perchè lavora, ma perchè perdona la cicala quando arriva l’inverno. Alla fine la cicala grazie ad amicizie e conoscenze (Chiesa e burocrati vari) gestisce il Nord . Ma altri affermano: sfruttamento di un sistema parassitario furbo. Non già intelligenza.

  2. Anonimo ha detto:

    Secondo me non ha mai conosciuto i contadini della Val Camonica

  3. Che stupido!!!….Come se l’intelligenza è proporzionale alla grandezza dell’Encefalo…. Le persone intelligenti sono da per tutto e sono di qualunque razza, così come i cretini e gli stupidi,…Il prof.Lynn ne è un esempio di ” stupidità… !

  4. dorinkka ha detto:

    Dov’è che ha studiato questo professore? Mah! E davvero gli risulta che al sud la qualità del cibo è più scadente? A me risulta che la dieta mediterranea è stata considerata patrimonio dell’UNESCO – Mi risulta anche che il Sud ha dato i Natali a gente come Verga, Pirandello, Luca Parmitano, Crispi e l’elenco è così lungo che lo spazio non basta …ma lasciamo perdere, mica mi posso mettere dietro a un cretino!

  5. Giulia ha detto:

    Diciamo che lo ” studioso” estende la ricerca ai popoli meridionali, compresa la Grecia, dalla quale discende tutto il pensiero occidentale e che rifletteva sulla politica, la scienza e l’arte quando i popoli del nord raccoglievano bacche.

  6. silverhorse ha detto:

    Ci credo che i meridionali rimasti al sud sono meno intelligenti. Di solito quelli piu’ intelligenti e studiosi emigrano al nord perche’ al sud non c’e’ lavorp ma solo delinquenza. E’ una sorta di selezipne naturale al rovescio.

    • Antonio ha detto:

      Egregio silverhorse mi permetto di smentire la sua teoria affermando che chi, nonostante tutto, è rimasto al Sud creandosi un lavoro da solo o riuscendone a trovarne uno, è da ritenersi più capace di chi non ha trovato altro modo per risolvere i suoi problemi di emigrare verso il popoloso Nord. Secondo lei è meglio vivere in un buco a Milano che ha un numero di abitanti superiore a quello di una regione intera del Sud piuttosto che vivere in una regione dove pur considerando le minori entrate a livello reddituale si può vivere meglio poiché il costo della vita è nettamente inferiore?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...