I cervelli del nord sono più grandi di quelli del sud: milanesi più intelligenti dei palermitani?

MEDICINA ONLINE Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma CERVELLI NORD SUD Intelletto Riabilitazione Nutrizionista Medicina Estetica Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Pulsata  Macchie Capillari Linfodrenaggio Pene Vagina Glutei.jpgDavvero le persone del nord sono più intelligenti delle persone del sud? Ovviamente non necessariamente, per un semplice motivo: le dimensioni del cervello non sono correlate all’intelligenza (altrimenti si potrebbe dire che oggettivamente le donne sono meno intelligenti dei maschi visto che quest’ultimi hanno un cervello più grande!). Tuttavia è vero che più lontana una persona vive dall’equatore, più grande sarà il suo cervello, secondo un nuovo studio effettuato presso l’Università di Oxford. Ripeto che tale affermazione non vuol dire che queste persone siano più intelligenti, ma soltanto che hanno bisogno di aree di visione più grandi nel cervello per far fronte alle condizioni di luce scarsa come capita alle alte latitudini.

Gli scienziati britannici hanno scoperto che le persone che vivono in nazioni con cielo opaco, grigio e nuvoloso, e sono abituate a lunghi inverni, si sono evolute con occhi più grandi in modo da poter visivamente processare meglio ciò che vedono, come riportato sulla rivista Biology Letters.

I ricercatori hanno misurato la cavità oculare e il volume del cervello di 55 teschi, risalenti al 1800, provenienti da collezioni museali. I teschi rappresentavano 12 diverse popolazioni di tutto il mondo. Il volume delle orbite e le cavità del cervello sono state poi confrontate con la latitudine di ogni singolo Paese di origine. I ricercatori hanno così scoperto che la dimensione sia del cervello che degli occhi potrebbe essere direttamente collegata alla latitudine del Paese dal quale l’individuo è venuto.

L’autore principale Eiluned Pearce dell’Istituto di antropologia evolutiva e cognitiva della Scuola di Antropologia, ha spiegato: “Quando ci si allontana dall’equatore, c’è meno luce disponibile, per cui gli esseri umani hanno dovuto evolvere gli occhi in sempre più grandi. Anche il loro cervello deve essere più grande per affrontare il maggior ingresso visivo. Avere più grande il cervello non significa essere più intelligenti alla latitudine maggiore, significa solo aver bisogno di grandi cervelli per essere in grado di vedere bene dove si vive”.

Il co-autore professor Robin Dunbar, direttore dell’Institute of Cognitive and Evolution, ha aggiunto: “Gli esseri umani hanno vissuto alle alte latitudini in Europa e in Asia solo per poche decine di migliaia di anni, eppure sembra che abbiano adattato i loro sistemi visivi in modo sorprendentemente rapido al cielo nuvoloso e ai lunghi inverni che proviamo a queste latitudini”.

Lo studio prende in considerazione una serie di effetti potenzialmente confondenti, tra cui l’effetto della filogenesi (i legami evolutivi tra lignaggi diversi dell’uomo moderno), il fatto che gli esseri umani che vivono alle latitudini più alte sono fisicamente più alte, e la possibilità che il volume della cavità oculare era legato al freddo (e la necessità di avere più grasso intorno al bulbo oculare per l’isolamento).

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo

 

Informazioni su Dott. Emilio Alessio Loiacono

https://medicinaonline.co/about/
Questa voce è stata pubblicata in Neurologia, psicologia e malattie della mente e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...