Benefici e controindicazioni della lecitina di soia nella dieta

Dott. Loiacono Emilio Alessio Medico Chirurgo Medicina Chirurgia Estetica Plastica Cavitazione Benessere Dietologo Nutrizionista Roma Cellulite Sessuologia Ecografie DermatologiaSmettere fumare Dimagrire lecitina soiaLa lecitina di soia è una complessa miscela di fosfolipidi che deriva dalla lavorazione dei fagioli di soia. E’ un additivo molto usato nell’industria dell’alimentazione per “legare insieme” alcuni ingredienti contenuti in moltissimi cibi come la margarina, il burro d’arachidi e il gelato. La lecitina di soia ha effetti benefici, ma anche effetti collaterali. Non è un nutriente essenziale, ma può apportare benefici come complemento di un programma alimentare.  Per assicurarsi i benefici però è opportuno scegliere l’opportuna fonte di lecitina di soia, evitandola se si hanno allergie alla soia, tenendo presente che spesso sono utilizzati pesticidi nella sua coltivazione.

Lati positivi sul sistema nervoso

L’utilizzo di lecitina è consigliato in caso di affaticamento mentale, poiché, essendo essa donatrice di colina (una sostanza essenziale per la funzionalità nervosa) migliora l’efficienza intellettuale e le capacità mnemoniche. Migliora le funzioni cerebrali grazie alla fosfatidilcolina che contiene. La lecitina di soia previene l’insorgenza di alcune malattiecome l’Alzheimer, la demenza senile e le forme di amnesia.

Su il metabolismo, giu il colesterolo

La lecitina di soia può apporta enormi benefici perchè il suo consumo aiuta a elevare il metabolismo. Ma non solo! Grazie alle sue particolarità biochimiche, la lecitina è un ottimo regolatore del colesterolo sanguigno. Per questo motivo è tra i complementi alimentari che più comunemente prescrivo quando non sono sufficienti le misure dietetiche, comportamentali (stile di vita, aumento dell’attività fisica) e strumentali (cavitazione, lipodissolve, eccetera).
La sua efficacia ipocolesterolemizzante sembra essere addirittura superiore ai supplementi a base di acido linoleico (omega 6), a differenza dei quali abbassa il colesterolo totale mantenendo pressoché inalterati i livelli di quello buono.
La lecitina viene ricavata soprattutto dalle leguminose, come la soia, o dal tuorlo d’uovo.
La lecitina di soia è inoltre ricca di tocoferolo (vit. E) ed è pertanto dotata di proprietà antiossidanti, particolarmente utili in campo salutistico (antinvecchiamento e antitumorale) e industriale (aumenta la conservazione dei prodotti ricchi di lipidi).
Spesso la lecitina viene associata a vitamine (E, B6) e minerali (selenio) per aumentarne le proprietà terapeutiche e ricostituenti. Per le dosi di assunzione, essendoci una certa variabilità tra i vari prodotti, è bene fare affidamento ai consigli riportati in etichetta. In genere viene consigliato di assumere due o tre cucchiaini (10 grammi) di lecitina al giorno, in forma pura o aggiunta ai vari alimenti (yogurt, latte e minestre a cottura ultimata).

Cibi che contengono molta lecitina di soia

Soia 1500 mg/100g

Cereali integrali 600-800 mg/100g

Carne 500-800 mg/100g

Uova 350 mg/100g

L’assunzione di lecitina con la dieta si è purtroppo notevolmente ridotta negli ultimi anni, a fronte di un’alimentazione sempre più povera di vegetali e alimenti integrali. Per questo e per molti altri buoni motivi ai miei pazienti io consiglio sempre un elevato apporto di cibi integrali con la dieta.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Gli effetti negativi sono dovuti al fatto che quantitativi molto elevati di soia potrebbero – nel lungo termine – aumentare il rischio di alcuni tipi di cancro. Assumere moltissima soia può aumentare il rischio di sviluppare allergie, anche gravi, che si possono manifestare con edema facciale, crampi, vomito. Gli isoflavoni contenuti nella soia possono interferire con la sintesi dell’ormone tiroideo per cui chi ha alterazioni tiroidee si consulti col proprio medico prima di “lanciarsi” nel consumo di soia e derivati come la lecitina. Inoltre consumando soia e derivati in eccesso si accumulano purine che possono portare all’insorgenza della gotta, una forte infiammazione delle articolazioni. Quindi soia e derivati sono ottimi, io li consiglio ad alcune categorie di miei pazienti, ma vanno assunti con misura e buon senso: cose che non devono mai mancare quando inseriamo qualcosa nel nostro stomaco!

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Informazioni su Dott. Emilio Alessio Loiacono

https://medicinaonline.co/about/
Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Benefici e controindicazioni della lecitina di soia nella dieta

  1. Rita pelle ha detto:

    Leggendo i lati negativi deduco che sia meglio per me se smetto di consumare la lecitina di soia per un valore di colesterolo pari a 213. Ho 62 anni, sono affetta da tiroidite autoimmune. Oltre alla LECINOVA consumo ISOFLAVONI DI SOIA per la menopausa della EQUILIBRA. Mi conviene quindi eliminarli dalla mia alimentazione !!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...