Coliche nei neonati: i migliori rimedi naturali

MEDICINA ONLINE Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma COLICHE NEONATI RIMEDI Riabilitazione Nutrizionista Medicina Estetica Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Pulsata  Macchie Capillari Linfodrenaggio Pene Vagina Glutei.jpgUn neonato con le coliche rappresenta un banco di prova impegnativo per la pazienza e l’entusiasmo di mamma e papà. Assistere impotenti, per ore, al pianto disperato e inconsolabile del proprio bambino non è un’esperienza facile, soprattutto perché questo disturbo – che potrebbe essere legato all’immaturità intestinale dei neonati ma le cui cause in realtà non sono ancora ben conosciute – si risolve del tutto solo col passare del tempo, di solito dopo il compimento del terzo mese.

Ma come riconoscere le cosiddette coliche gassose neonatali? Di solito il problema di manifesta a qualche settimana dalla nascita, spesso entro il primo mese di vita del bambino. Il campanello d’allarme è dato dalla presenza di crisi improvvise di pianto, forte e prolungato, che possono durare anche diverse ore.

Oltre a urlare a più non posso, in genere il malcapitato bambino stringe i pugni,porta le gambe al petto, tiene gli occhi chiusi e la punta della lingua verso l’alto, un tipico segnale del dolore. Spesso il pianto è così intenso che si accompagna a sudore freddo, congestione e arrossamento del viso, raucedine e vere e proprie crisi di apnea. Di solito le coliche sono più frequenti nelle ore serali, ma – esperienza personale – possono presentarsi in qualunque momento della giornata, senza una “regola” precisa.

La buona notizia è che nella stragrande maggioranza dei casi questo problema si risolve da solo nel giro di pochi mesi, senza conseguenze permanenti per il bambino. Quella cattiva è che in realtà una cura vera e propria per le coliche dei neonati non esiste. Oltre ad armarsi di santa pazienza, però, è possibile seguire una serie di accorgimenti e ricorrere a qualche rimedio naturale per alleviare il dolore, anche quando i farmaci prescritti dal pediatra non sortiscono alcun effetto.

Per prima cosa, si può tentare di intervenire sull’alimentazione del bambino. Quelli allattati al seno dovrebbero, intanto, continuare a poppare, dal momento che il latte materno non è di norma la causa delle coliche. La mamma che allatta, però, può eliminare dalla propria dieta alcuni alimenti come latticini, legumi e verdure a foglia larga. Per i bambini nutriti col biberon, è possibile scegliere tra diversi tipi di latte formulato appositamente per ridurre la formazione di gas intestinali.

Un altro accorgimento è rappresentato dal cercare di correggere il modo in cui il neonato si alimenta. Se il piccolo è particolarmente “avido” durante la poppata, infatti, è più facile che ingerisca molta aria. In questi casi, allora, si può tentare di metterlo al seno prima che sia troppo affamato, oppure interrompere ogni tanto la poppata per fargli fare il ruttino. Se si usa il biberon, invece, è opportuno correggere la posizione del bimbo e l’inclinazione della bottiglia, sempre per scongiurare l’ingestione di fastidiose bolle d’aria e il conseguente mal di pancia.

Per quanto riguarda i veri e propri rimedi naturali, si può somministrare al bambino qualche tisana a base di finocchio, anice o camomilla, facendo però in modo che il liquido non venga assunto dal neonato in quantità tali da interferire con l’allattamento. È preferibile, inoltre, che le tisane non contengano zucchero e, se il piccolo è allattato al seno, anche la madre può assumere un infuso di finocchio tra una poppata e l’altra. Integratori fitoterapici (anche melissa, tiglio, zenzero) possono essere somministrati anche per mezzo di gocce, ma in ogni caso, è bene chiedere sempre consiglio al pediatra prima di prendere qualunque iniziativa.

Un altro sistema per alleviare i fastidi delle coliche è rappresentato dai massaggi, da effettuare in senso circolare sul pancino del bebè, tracciando una specie di C intorno all’ombelico e cercando si seguire il profilo del colon. Per aumentare l’efficacia del massaggio si possono usare specifici oli a base di maggiorana, camomilla e altre erbe officinali, ma anche in questo caso è sempre meglio chiedere prima al proprio medico di riferimento.

Un’altra tecnica per favorire l’espulsione dei gas intestinali consiste nello sdraiare il bambino sulla schiena e nel portargli delicatamente le ginocchia al petto, oppure muovergli le gambe in modo da simulare una “pedalata”. Anche tenere il piccolo a pancia in giù, magari sul petto della madre o del padre, può aiutare a calmare i dolori causati dalle coliche.

Lunghe passeggiate, nel passeggino o meglio ancora nel marsupio o in fascia, sono di solito un sistema efficace per favorire l’espulsione dell’aria e per distrarre il bambino. Anche in piscina, infine, è possibile, con l’aiuto di un istruttore competente, far eseguire al neonato degli esercizi specifici per alleviare il disturbo. In ogni caso, è sempre utile, durante una crisi, abbracciare il bimbo, consolarlo, parlargli all’orecchio con tono rassicurante. E, soprattutto, ricordare a voi stessi che prima o poi passerà.

Informazioni su Dott. Emilio Alessio Loiacono

https://medicinaonline.co/about/
Questa voce è stata pubblicata in La medicina per tutti, Persone straordinarie e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...