L’uomo ai tempi di app e social: narcisista, egocentrico ed egoista

MEDICINA ONLINE Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma UOMO SOCIAL NARCISISTA EGOISTA Riabilitazione Nutrizionista Medicina Estetica Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Pulsata  Macchie Capillari Linfodrenaggio Pene Vagina Glutei.jpgL’empatia aiuta a stare bene con gli altri e anche con se stessi, eppure ai tempi dei social media è una qualità sempre più rara: secondo uno studio condotto tempo fa dall’Università del Michigan, gli uomini di oggi sono egoisti, concentrati solo sul proprio benessere, e sono quasi due volte meno empatici rispetto ai loro genitori e ai loro nonni.

La Società dell’egocentrismo

Nicola Strizzolo, docente di sociologia presso l’Università degli Studi di Udine, sostiene che quando si svilupparono le grandi possibilità di navigazione della Rete, ciò che maggiormente aumentò fu la pornografia su scala mondiale. Tinder o social omologhi vengono utilizzati con gli stessi obiettivi o modalità. L’app Tinder è un “facilitatore” di incontri di persone vicine con le quali potrebbero esserci affinità di interessi. All’interno di una perimetro chilometrico scelto vengono ricercati gli utenti disponibili. L’utilizzo dello strumento avviene più intensamente dalle 17 alle 20, con una coda fino alle 22. Si gestiscono gli incontri serali ed eventualmente pomeridiani. Gli uomini sono in maggior numero delle donne e compongono messaggi più lunghi. Vi sono maggiori probabilità che gli uomini lo utilizzino per incontri di una notte sola. Le donne per chattare ed uguali tra i generi per guardare il profilo e conoscere un partner.

Tinder e i social “narcisistici”
Tinder ha assunto maggiore importanza sulla relazione stessa, dell’impegno e del progetto che ne conseguono. Attivare relazioni per il divertimento di farlo senza poi portarle avanti. Paese dei balocchi per narcisisti. Per le donne si tratta ancora di più che per gli uomini, di uno strumento per incoraggiare il corteggiamento. In sostanza il gentil sesso è meno attratto a finire sotto le lenzuola, preferendo comunque relazioni virtuali a quelle reali. La connessione oggi è ovunque. E’ connessione di sensi, di pensieri, di discorsi, di percezione e di indirizzamento nelle azioni concrete nel reale. E’ evidente perciò come social che pongano al centro un ego fortemente narcisista non possa che fondersi pienamente con mondi narcisisti.

Fine delle relazioni stabili?
Già Meyrowitz aveva sostenuto negli anni ‘80 la crisi di relazioni stabili nel tempo. Quando la modernità offriva nuove tecnologie per viaggiare e comunicare, offriva anche frequenti possibilità di incontri con persone che potevano ammaliare di più di quella con cui si stava e si conosceva da tempo. Oggi siamo ben oltre anche la relazione: la nostra rete di contatti è in continua ricostituzione. E la relazione così sparisce del tutto.
Secondo un nuovo studio americano, il 75 per cento di uomini età da 65 a 74 sono sposati, contro il 58 per cento delle donne in quel gruppo di età. E dagli 85 anni, il 60 per cento degli uomini sono sposati, ma solo il 17 per cento delle donne sono ancora mogli. Il narcisismo sembra dunque appartenere maggiormente agli uomini.

Informazioni su Dott. Emilio Alessio Loiacono

https://medicinaonline.co/about/
Questa voce è stata pubblicata in Sessualità e storie d'amore e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...