Formula 1: quali sono le nuove regole per le qualifiche?

MEDICINA ONLINE F1 FORMULA 1 GRAN PRIX PREMIO CIRCUITO TIME FAST SPEED FERRARI MERCEDES RED BULL VETTEL HAMILTON KIMI RICCIARDO WALLPAPER PICS PHOTO PICTURE HI RESOLUTION.jpgLe qualifiche durano un’ora e sono divise in tre parti: Q1, Q2 e Q3:

Q1

Nella prima fase delle qualifiche – il Q1 – tutti i piloti hanno 18 minuti per uscire in pista e segnare il loro miglior tempo. Alla fine della sessione le 6 monoposto più lente sono eliminate e le rimanenti passano alla fase successiva.

Q2

Il Q2 dura 15 minuti e i piloti devono scendere nuovamente in pista per un nuovo giro veloce. Questa parte di qualifica è molto interessante poiché le monoposto che vi partecipano partiranno in gara con gli stessi pneumatici con cui hanno fatto il loro miglior tempo proprio in questa sessione. Alla fine del Q2 altre 6 macchine sono eliminate mentre le più veloci vanno alla fase finale.

Q3

Nel Q3 i piloti si affrontano in una sessione di 12 minuti in cui solitamente ogni pilota tenta due giri veloci. La macchina più veloce si aggiudica la pole position, la prima posizione della griglia di partenza. Le monoposto si allineano sulla griglia di partenza con i lori tempi di qualifica, dal più veloce al più lenti.

Qual è l’importanza di un buon tempo di qualifica?

Migliore è il tempo di qualifica, migliore è la posizione in griglia. Talvolta può essere fondamentale, in particolare per circuiti come Monaco o Albert Park in Australia dove superare non è scontato. Le qualifiche sono importanti anche se si ha la macchina più veloce. Avrete visto spesso negli ultimi 3 anni i due rivali Mercedes Lewis Hamilton e Nico Rosberg contendersi la pole position – entrambi con l’intenzione di cominciare la gara in prima posizione, fare il ritmo e poter guidare con il campo libero.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sport, attività fisica e medicina dello sport e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.