Differenza tra torrone e mandorlato

MEDICINA ONLINE NATALE DOLCI NATALIZI PANDORO PANETTONE TORRONE NOCCIOLE CIOCCOLATO BIANCO SFOGLIATA LIEVITAZIONE OFFELLA INGREDIENTI ZUCCHERO VENEZIANA A VELO CALORIE RICETTE DIFFERENZE DIETA CIBO DOLCE COLOMBA PASQUA.jpgIl torrone è un dolce natalizio, tipicamente composto da albume d’uovo, miele e zucchero, farcito con mandorle, noci, arachidi o nocciole tostate; spesso ricoperto da due strati d’ostia. Viene prodotto nella variante classica (dura), morbida o al cioccolato; inoltre si può distinguere tra torrone e mandorlato. La differenza tra i due risiede nel metodo di lavorazione oltre che nella zona di produzione.

Differenti regioni di produzione

Il mandorlato si lavora nel paese di Cologna Veneta in provincia di Verona e i produttori per eccellenza sono: Casa del Dolce e Bauce, che vantano una tradizione plurisecolare; mentre le città natali del torrone sono Cremona e Benevento.

Differenza negli ingredienti

Il procedimento di fabbricazione e gli ingredienti sono simili. Per entrambi si utilizzano miele, albume d’uovo e zucchero. Nel torrone sono presenti più tipologie di frutta secca a guscio quali: nocciole, pistacchi, arachidi, mandorle, semi di sesamo o noci; nel mandorlato di Cologna Veneta sono presenti solo le mandorle.

Differenza nella cottura

Il torrone lo troviamo morbido o duro. Questo dipende dagli ingredienti e dalla durata della cottura, che varia da un minimo di 2 ore per quello tenero ad un massimo di 12 ore per quello più solido. Per il mandorlato classico la preparazione prosegue invece per 8 ore.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Cucina e ricette light e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.