Le regole per proteggere la nostra salute dagli sbalzi di temperatura

A cute young boy staring outsideFuori la temperatura precipita e fa freddo, in casa i termosifoni sono al massimo e fa caldo: tra questi due estremi c’è il nostro corpo che può apparire un po’ “disorientato” ed esposto maggiormente alle malattie. Ed allora che fare?

Microclima

Il segreto per superare l’inverno senza problemi di salute è il microclima. La temperatura all’interno della casa deve essere uniforme in tutte le stanze per evitare sbalzi caldo-freddo dannosi per tutti: bambini e anziani in particolare. Quindi, regola il termostato casalingo tra i 19 e i 22 gradi e tieni sotto controllo, attraverso i piccoli contenitori d’acqua posti sul radiatore, anche l’umidità relativa, che non deve superare o scendere troppo sotto il 40-50%. Ma vediamo i singoli consigli per sopravvivere agli sbalzi di temperatura.

1. La temperatura casalinga deve essere di 19-22 gradi.

2. Area i locali facendo in modo che la temperatura all’interno della stanza non scenda troppo creando uno sbalzo rispetto al resto della casa. Bastano pochi minuti a finestra accostata.

3. Negli appartamenti a riscaldamento certralizzato, è bene far installare sui radiatori termovalvole con cui regolare la temperatura. Tieni costantemente sotto controllo l’umidità, magari con degli umidificatori.

4. È consigliato alimentarsi con liquidi, caldi, e mangiare molta frutta e verdura che contengono vitamina C e betacarotene (arance, carote, mandarini). Aiutano il corpo a resistere all’inverno.

5. Negli spostamenti tra casa e la vettura cerca di vestirti a strati, la classica cipolla. Usa guanti, cappello e sciarpa.

6. In auto fai salire la temperatura in maniera graduale: punta le bocchette dell’aria verso i vetri, non direttamente contro la persona.

7. In vettura è bene togliere i vestiti mano a mano ci si acclimata… Nulla di peggio che sudare e poi uscire al freddo.

8. Fai controllare i filtri dei condizionatori in auto e delle pompe di calore in casa. Durante il periodo in cui non si usano si possono annidare batteri che al primo uso si disperdono nell’abitacolo e nell’ambiente.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Bellezza e cura della persona, La medicina per tutti e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.