Perché viene la forfora? Cure mediche, rimedi casalinghi e prevenzione

MEDICINA ONLINE Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma PERCHE VIENE LA FORFORA CURE RIMEDI Riabilitazione Nutrizionista Medicina Estetica Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Pulsata  Macchie Capillari Linfodrenaggio Pene Vagina A.jpgE’ un problema diffusissimo e molto fastidioso, pur non essendo grave è comunque fonte di estremo disagio per chi ne è colpito, sto parlando della forfora. Ma cos’è di preciso la forfora? La forfora, conosciuta anche come Pityriasis capitis (pitiriasi del capoè un disturbo molto comune del cuoio capelluto che consiste nella sua desquamazione frequente e copiosa. Il processo di desquamazione è natuarale per l’epidermide, tuttavia quando si parla di forfora ci si riferisce a una desquamazione eccessiva in cui il cuoio capelluto produce squame grandi e visibili di colore bianco/giallastro (il cosiddetto effetto neve). Oltre a un evidente problema estetico, la forfora provoca sovente anche disagio fisico, in quanto spesso è accompagnata da seborrea (eccessiva secrezione sebacea), prurito, arrossamento e lesioni da grattamento. La forfora è un disturbo che colpisce un’elevata percentuale della popolazione maschile, ma trattandosi di un problema che non ha particolari implicazioni patologiche, non si hanno dati certi sulla sua reale diffusione.

Leggi anche: Il capello: come è fatto, perché sta in testa, quanto velocemente cresce e come vive

Sintomi della forfora
Come appena accennato, i sintomi della forfora sono principalmente cinque:
1) Desquamazione con deposizione delle squame sugli abiti (effetto neve).
2) Prurito intenso e continuo, anche di notte.
3) Seborrea: ipersecrezione sebacea che causa deposizione di sebo in eccesso sul cuoio capelluto e che può generare caduta precoce di capelli
4) Arrossamento del cuoio capelluto.
5) Lesioni sanguinanti e crosticine, determinate dal grattamento cronico causato dal prurito.

Colpisce solo i maschi?
La forfora è un problema che interessa principalmente i maschi; gli uomini, infatti, hanno la tendenza a produrre superiori quantità di sebo, probabilmente perché nell’uomo è più elevata la presenza di ormoni androgeni. Pur colpendo generalmente il sesso maschile, anche le donne possono soffrirne.

Leggi anche: Le regole d’oro per la bellezza di ogni tipo di capello

In che età si può verificare?
La forfora può verificarsi in qualsiasi età a partire dalla pubertà, fino alla vecchiaia, tuttavia il periodo di massima incidenza è quello che va dai 15 ai 40 anni, dopodiché il disturbo tende a regredire; il fenomeno è osservabile anche nei bambini e negli anziani, ma si tratta di evenienze piuttosto rare.

Differenze tra forfora grassa e forfora secca
Una comune distinzione della forfora e quella fra forfora secca e forfora grassa.
La forfora secca è più frequente nei mesi invernali, nel sesso maschile e in genere non è collegata a caduta dei capelli. Sintomo frequente è il prurito (da cui il grattamento).
La forfora grassa è caratterizzata dalla presenza di un’intensa seborrea che tende a trattenere le squame furfuracee, impedendone l’allontanamento dal cuoio capelluto. Spesso la forfora grassa evidenzia una dermatite seborroica ed è frequentemente associata a caduta dei capelli.

Leggi anche: La dieta per prevenire e curare i capelli bianchi

Le cause della forfora
L’eziologia della forfora non è del tutto chiara. Entrambi i tipi di forfora, quella secca e quella grassa, sono caratterizzati dalla presenza di focolai infiammatori, costituiti da gruppi di cellule che, probabilmente richiamate da microrganismi, rilasciano sostanze che contrastano l’infezione. Tali sostanze (mediatori chimici dell’infiammazione) alterano l’ambiente del derma e originano una maggiore desquamazione. Come si intuisce, la causa della forfora è una infiammazione cronica locale del cuoio capelluto, il problema però sta nel capire cosa genera questa infiammazione, cioè la causa a monte.
Per molti ricercatori la causa sarebbe un lievito del genere Pityrosporum, scoperto da Malassez (un istologo francese) più di cento anni fa. Normalmente questo microrganismo costituisce il 45% della flora residente sul cuoio capelluto dei soggetti normali. In caso di forfora la sua presenza sale fino al 75%. Non è chiaro però se l’aumento della percentuale causa l’infiammazione locale o ne è una conseguenza.
Restano pertanto valide le altre ipotesi, dalle disfunzioni delle ghiandole sebacee in fase di secrezione a diversi fattori legati all’alimentazione, da problemi connessi alla digestione e al metabolismo dei grassi sino ai classici disturbi psicologici quali stress o ansia. Per quanto riguarda l’alimentazione, se è vero che è spesso trascurata e non sempre in linea con le necessità dell’organismo, è altresì vero che difficilmente spiegherebbe il motivo di una diffusione così sbilanciata verso il sesso maschile, cosa che invece potrebbe essere spiegata da problemi legati agli ormoni androgeni (ormoni sessuali maschili). Molto interessante è il fatto che soggetti trattati con cortisonici (per altre patologie) hanno avuto periodi di remissione dalla forfora; ciò potrebbe indicare un origine probabilmente autoimmune del problema.
Ricordiamo infine altre possibili cause secondarie legate all’igiene dei capelli, come l’impiego di shampoo non ottimali o l’eccessivo uso che si fa dell’asciugacapelli o di lozioni e gel che possono alterare l’equilibrio fisiologico dello strato cutaneo.

Leggi anche: Perché i capelli diventano bianchi? Sono ancora giovane… Ecco i rimedi

La forfora è una malattia sintomo?
La forfora va considerata non una malattia, bensì un sintomo di altre patologie sottostanti che determina infiammazione locale cronica, come visto nel paragrafo precedente.
La forfora è, come detto, un disturbo non grave in sé, ma estremamente fastidioso; fortunatamente, nella stragrande maggioranza dei casi, può essere controllata con una certa efficacia, sia con prodotti in commercio, sia con rimedi casalinghi e prevenzione, come vedremo nei prossimi paragrafi.

I prodotti antiforfora in commercio
I prodotti studiati per combattere la forfora sono veramente tanti; devono essere valutati con molta attenzione poiché molti di essi sono antiforfora generici e non in grado di soddisfare chi ha specifiche esigenze. Gli shampoo antiforfora presenti sugli scaffali dei negozi di cosmetici e delle farmacie sono di diverso tipo e generalmente vengono distinti in base al principio attivo che contengono; di seguito quelli più comuni:

  • shampoo antiforfora all’acido salicilico
  • shampoo antiforfora al catrame
  • shampoo antiforfora al disolfuro di selenio
  • shampoo antiforfora al ketoconazolo.
  • shampoo antiforfora allo zinco piritione.

1) L’acido salicilico è una sostanza con spiccate proprietà cheratoplastiche e leviganti ed è in grado di causare l’esfoliazione degli strati cutanei superficiali. Viene usato nella formulazione di creme, detergenti, gel e lozioni destinati al trattamento delle pelli impure e con tendenza all’acne; grazie alla sua azione cheratoplastica viene utilizzato anche per l’alleviamento di disturbi cutanei e del cuoio capelluto come la forfora, la psoriasi, le verruche ecc. In alcuni casi, gli shampoo antiforfora all’acido salicilico provocano un’essiccazione eccessiva del cuoio capelluto e ciò potrebbe addirittura accentuare il fenomeno della desquamazione; in genere è opportuno, dopo il lavaggio, utilizzare un ottimo balsamo. Negli shampoo, l’acido salicilico è ammesso a una concentrazione massima del 3%.

2) Il catrame ha anch’esso proprietà cheratoplastiche e, una volta applicato a livello locale, determina una riduzione del numero e della grandezza dei cheratinociti, le cellule dell’epidermide; al catrame inoltre sono riconosciute proprietà anti-irritative e antipruriginose. È per questi motivi che lo si trova come principio attivo negli shampoo usati per trattare la forfora e le manifestazioni di dermatite seborroica e psoriasi del capillizio. Lo shampoo al catrame deve essere applicato sui capelli bagnati, si deve poi farlo schiumare e lasciarlo qualche minuto sul cuoio capelluto prima di procedere con il risciacquo. Non tutti lo tollerano allo stesso modo e se ci si rende conto che la sua azione è di intensità eccessiva lo si può alternare con uno shampoo di più delicato. Si deve considerare che l’utilizzo frequente di shampoo al catrame può scurire leggermente i capelli, in particolar modo quelli bianchi e quelli biondi; alcuni utilizzatori lamentano il fatto che generalmente si tratta di shampoo che non hanno un buon odore e che necessitano di un risciacquo molto accurato perché sono particolarmente appiccicosi.

3) Il disolfuro di selenio è un composto inorganico con proprietà antimicotiche e viene utilizzato come principio attivo negli shampoo per il trattamento di forfora e dermatite seborroica sostenute da funghi del genere Malassezia. Gli shampoo antiforfora al disolfuro di selenio vanno utilizzati con una certa attenzione perché possono causare variazioni nel colore dei capelli o decolorare quelli tinti; vanno pertanto seguite scrupolosamente le istruzioni presenti sulla confezione; è fondamentale un accurato risciacquo dopo il lavaggio.

4) Il ketoconazolo è uno dei principi attivi più utilizzati per combattere la forfora perché, in effetti, si è spesso dimostrato efficace in situazioni nelle quali altri principi attivi non avevano risolto il problema. Di norma si consigliano due applicazioni settimanali per un periodo che può andare dalle due alle quattro settimane; il prodotto deve essere lasciato a contatto con i capelli per circa 10 minuti. In seguito, a livello preventivo, si può effettuare un’applicazione ogni 7-14 giorni circa. In alcuni soggetti, l’utilizzo a lungo termine ha dato luogo a fenomeni di tipo irritativo.

5) Lo zinco piritione è un composto noto da quasi un secolo che viene utilizzato come agente antibatterico e antifungino; oltre a essere utilizzato nel trattamento della forfora e di varie forme di dermatite seborroica, viene spesso suggerito nella terapia di eczema, impetigine, piede d’atleta, psoriasi, tigna ecc. Se la terapia con gli shampoo non sembra sortire gli effetti sperati è consigliabile consultare un medico che potrebbe anche prescrivere un periodo di trattamento con creme a base di corticosteroidi.

Forfora e oli-shampoo
Da qualche anno sono comparsi sul mercato una serie di prodotti che si trovano prevalentemente in farmacia e che vengono definiti oli-shampoo. Il sistema che sta alla base di questi speciali antiforfora è diverso da quello degli shampoo semplici, infatti è fondato sul concetto di detergenza per affinità. La presenza di uno strato lipidico artificiale provoca una sostituzione con quello naturale appartenente all’individuo, eliminando dunque la desquamazione cutanea. Sebbene siano ben tollerati dall’organismo, non sono molto amati dal consumatore per i costi, la minore accessibilità rispetto a uno shampoo classico (che si trova anche al supermercato) e la scarsa schiumosità del prodotto. Esistono inoltre alcuni prodotti che mirano a eliminare direttamente le cellule morte tramite sostanze cheratolitiche, limitando la desquamazione cutanea e quindi la forfora.

Leggi anche: Capelli secchi: da cosa sono causati, cosa fare per evitarli e come si curano

I 10 migliori rimedi casalinghi per la forfora
Per completezza citiamo anche i rimedi casalinghi antiforfora più gettonati ricordando però che, generalmente, si tratta di soluzioni la cui efficacia è spesso sopravvalutata dagli amanti dei cosiddetti “rimedi naturali”.
1) Aceto. Uno di questi rimedi è l’aceto (sia quello di vino bianco sia quello di mele); di norma si suggerisce di diluirne alcune gocce in acqua tiepida e massaggiare con questa miscela il cuoio capelluto prima di procedere con il normale shampoo.
2) Olio di semi di lino. Altro rimedio casalingo per la lotta alla forfora è l’olio di semi di lino. Solitamente si consiglia di utilizzarlo costantemente per un lungo periodo utilizzandone poche gocce da massaggiare sul cuoio capelluto prima dello shampoo.
3) Olio di oliva e succo di limone. Un suggerimento molto gettonato è quello di un impacco preparato utilizzando olio di oliva e succo di limone. L’impacco deve essere applicato sul cuoio capelluto umido prima di procedere con lo shampoo; deve essere fatto agire per circa mezzora. Per prepararlo si devono mescolare due cucchiai da cucina di succo di limone fresco, due cucchiai di acqua e due cucchiai di olio di oliva.
4) Aloe vera. Per contrastare il prurito che essa può talvolta dare, alcuni raccomandano l’utilizzo di piccole quantità di gel d’aloe vera con le quali si procederà con un massaggio del cuoio capelluto prima di procedere con lo shampoo.
5) Olio essenziale di Tea Tree. Un altro rimedio antiforfora che va per la maggiore è l’olio essenziale di Tea Tree, ritenuto utile soprattutto per trattare i casi di forfora secca. Può essere usato diluendone due gocce nella quantità di shampoo che di norma si utilizza per il lavaggio dei capelli.
6) Barbabietola. Una lozione adatta a combattere la forfora può essere preparata a partire dalla barbabietola. La barbabietola è ritenuta un formidabile rimedio naturale contro la forfora. In proposito è possibile portare ad ebollizione fiori e radici di barbabietola in semplice acqua. Il decotto dovrà essere filtrato e lasciato raffreddare prima di essere applicato sul cuoio capelluto, massaggiandolo con delicatezza prima di passare allo shampoo.
7) Henné neutro. Viene comunemente chiamato henné neutro, ma non ha nulla a che vedere dal punto di vista botanico con l’henné vero e proprio (Lawsonia inermis) utilizzato per donare ai capelli dei riflessi ramati. L’henné neutro, ottenuto dalla Cassia italica o dalla Cassia obovata, è una polvere priva di principi coloranti, ma ricca di proprietà benefiche per i capelli. Un impacco preparato con acqua e hennè neutro contribuisce a contrastare la forfora e funziona da ricostituente per i capelli sfibrati. Bisogna procedere mescolando la polvere di henné con acqua calda, fino ad ottenere un composto cremoso, da applicare sui capelli umidi o asciutti, massaggiando il cuoio capelluto, e da lasciare agire per un’ora prima dello shampoo
8) Infusi a base di ortica. Un rimedio naturale per la forfora è rappresentato anche dagli infusi a base di ortica che possono essere usati per preparare una lozione che deve essere frizionata sul cuoio capelluto. Per preparare la lozione si deve mettere in infusione in 250 ml di acqua bollente un cucchiaino colmo di fiori di ortica essiccati per circa un quarto d’ora. Trascorso questo tempo si filtra l’infuso, lo si lascia raffreddare e si applica come una normale lozione per capelli.
9) Impacco con semi di lino. Un impacco adatto a combattere la forfora può essere preparato utilizzando i semi di lino. E’ necessario mettere a bagno 50 grammi di semi di lino in 250 ml d’acqua per tutta la notte. In seguito, con il loro liquido, andranno portati ad ebollizione all’interno di un pentolino fino alla formazione di una sostanza gelatinosa. Il gel di semi di lino andrà filtrato ed utilizzato come impacco antiforfora, massaggiandolo sul cuoio capelluto e lasciandolo agire per almeno 30 minuto prima dello shampoo.
10) Argilla verde ventilata. Acquistabile in erboristeria, può essere utilizzata per effettuare un impacco antiforfora da applicare sui capelli e da lasciare agire per 30 minuti prima di passare allo shampoo. Si tratta di un impacco adatto in particolare a forfora accompagnata da capelli grassi. Chi ha i capelli secchi può pensare di sostituire l’argilla verde ventilata con dell’argilla bianca. E’ consigliabile massaggiare il cuoio capelluto con una parte dell’impacco, prima di completarne l’applicazione. Esso può essere preparato mescolando l’argilla con una pari quantità d’acqua. Ad esempio, a quattro cucchiai d’argilla corrisponderanno quattro cucchiai d’acqua. E’ necessario mescolare i due ingredienti fino ad ottenere un composto cremoso per facilitarne l’applicazione.

Le sette regole per prevenire la forfora
1) Lava regolarmente i capelli. Se mantieni una corretta igiene, previeni lo sviluppo della forfora e mantieni in salute sia i capelli sia il cuoio capelluto. Cerca di lavare i capelli una volta al giorno, soprattutto se il cuoio capelluto è irritato o unto. Contrariamente a quanto moltissimi pensano, i lavaggi frequenti non peggiorano il problema forfora e non contribuiscono nemmeno a favorire la caduta dei capelli; anzi, una corretta pulizia quotidiana dei capelli con prodotti di buona qualità aiuta a rimuovere il sebo in eccesso e previene, perlomeno in parte, la comparsa della forfora.
2) Non usare la lacca o il gel per capelli. I prodotti per le acconciature come la lacca, i gel, le mousse e la cera causano accumuli di sebo sui capelli e sul cuoio capelluto favorendo lo sviluppo della forfora. Rinuncia a queste sostanze, soprattutto se soffri già di cute grassa o mostri i primi segnali di forfora.
3) Passa più tempo all’aperto e al sole. Alcuni studi hanno dimostrato che la luce solare può prevenire questo disturbo. Ricorda però di applicare sempre una protezione solare su tutto il corpo prima di uscire, per evitare danni causati dall’esposizione al sole.
4) Riduci lo stress. La pressione psicologica ed emotiva possono far peggiorare la situazione. Impegnati per ridurre lo stress e l’ansia che devi sopportare a casa, a scuola o al lavoro.
5) Segui una dieta ricca di zinco e vitamine del gruppo B. Se mangi in modo equilibrato e assumi zinco, vitamine B e grassi sani, puoi evitare i miceti che in alcuni casi causano la forfora.
6) Lascia liberi i capelli, evitando l’uso di cappelli o foulard, spazzolarli quando possibile senza eccedere con troppa violenza, cosa che può causare danni al cuoio capelluto aumentando il rischio di infezioni che potrebbero favorire il problema.
7) Riduci l’uso di gel e lacche. Occorre invece una certa parsimonia nell’utilizzo di cosmetici quali gel e lacche che potrebbero, nei soggetti più sensibili, risultare irritanti per il cuoio capelluto e renderlo più untuoso e predisposto alla desquamazione.

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui miei nuovi post, metti like alla mia pagina Facebook o seguimi su Twitter, grazie!

Informazioni su Dott. Emilio Alessio Loiacono

https://medicinaonline.co/about/
Questa voce è stata pubblicata in Bellezza e cura della persona, Cosmetica, Dermatologia e venereologia, Inestetismi della cute e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...