Schizofrenia: cosa fare in caso di crisi? A chi chiedere aiuto?

MEDICINA ONLINE CERVELLO TELENCEFALO MEMORIA EMOZIONI CARATTERE ORMONI EPILESSIA STRESS RABBIA IRA PAURA FOBIA SONNAMBULO ATTACCHI PANICO ANSIA VERTIGINE LIPOTIMIA IPOCONDRIA PSICOLOGIA PSICOSOMATICA PSICHIATRIA OSSESSIVOLa schizofrenia è una psicosi cronica caratterizzata dalla persistenza di sintomi di alterazione del pensiero, del comportamento e dell’affettività, da un decorso superiore ai sei mesi, con forte disadattamento della persona ovvero una gravità tale da limitare le normali attività di vita della persona.

Che fare in caso di crisi?

Durante un episodio acuto, lo schizofrenico è spesso agitato, angosciato, in preda ad allucinazioni o a idee deliranti. Bisogna fare di tutto per evitare di agitarlo ulteriormente. Quindi è preferibile essere soli con lui, anche se ci sono persone in una stanza vicina, e provare a rassicurarlo parlandogli dolcemente nel modo più normale possibile. Meglio non toccarlo, fissarlo negli occhi o stargli troppo vicino, né bloccare le uscite, per evitare che si senta minacciato e per proteggere voi stessi. Occorre dimostrargli empatia, chiedendogli cosa c’è che non va o commentando ciò che sente (“Hai paura?”), senza moltiplicare le domande o fargli un discorso. Con formule più semplici, ripetute in modo identico, si rischia meno di destabilizzarlo. Occorre tentare poi di convincerlo ad andare all’ospedale o in un centro di accoglienza e di crisi (aperto 24 ore su 24), cosa che non è sempre facile. Tutto sarà più semplice se vi informerete prima presso i medici sul comportamento da adottare e le strutture di accoglienza vicine a voi.

Leggi anche: Amare uno schizofrenico: come comportarsi con uno schizofrenico?

A chi chiedere aiuto in caso di crisi?

Al momento, non esiste una ricetta miracolosa per affrontare queste crisi, che fanno molta impressione sulla cerchia di familiari e amici, che spesso si trova particolarmente sola in questi momenti. Ottenere la visita di uno psichiatra a domicilio è, di regola, impossibile. I pompieri, cioè il SAMU, raramente accetteranno di spostarsi per queste persone agitate. Il medico curante o un’altra persona con cui il malato ha un rapporto di fiducia potranno essere un aiuto prezioso. Ma la polizia a volte è l’unica risorsa quando non è possibile alcuna comunicazione e la persona è violenta. È una soluzione traumatizzante, da non utilizzare se non in casi estremi. Eventualmente occorrerà ricorrere ad un ricovero o alla richiesta di un terzo (se il malato ha bisogno di cure e non è in stato di dare il suo consenso) o un ricovero d’ufficio (in caso di pericolo per l’ordine pubblico o per le persone). I servizi detti “del settore psichiatrico”, ovvero di accoglienza principalmente di pazienti che abitano in un determinato settore geografico sono suscettibili di ricevere in qualsiasi momento questi pazienti in crisi.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Neurologia, psicologia e malattie della mente e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.