Spray urticante al peperoncino: cos’è, di cosa è fatto, rischi, cosa fare?

MEDICINA ONLINE PEPE DI CAYENNA PEPERONCINO PAPRIKA PAPRICA NERO VERDE GRIGIO ROSA BIANCO SAPORE PICCANTE DIFFERENZA CALORIE RICETTA CUCINA USO CUCINARE SALSA PASTA CARNE PESCE IRRITA GASTRITE FA MALE CONTROINDICAZIONILo spray al peperoncino urticante è un agente lacrimogeno capace di irritare gli occhi causando forte lacrimazione, dolore intenso e temporanea cecità parziale o totale, oltre potenzialmente ad irritare labbra, naso e cute del viso. Sebbene sia considerato un agente non letale, in rari casi si è dimostrato mortale (ad esempio in caso di allergie al principio attivo), inoltre il suo uso in ambienti chiusi ed in presenza di molta gente ravvicinata, è capace di scatenare vere e proprie reazioni di fuga di massa a loro volta capaci di determinare danni a cose e a persone, in alcuni casi anche la morte, come molti casi recenti di cronaca dimostrano.

IMPORTANTE: Se tu o un tuo conoscente siete stati colpiti in viso da questo tipo di spray e se i sintomi sono particolarmente gravi o durano da molto tempo, non perdere tempo nella lettura di questo articolo e recati o fatti portare all’ospedale immediatamente o al pronto soccorso. Attenzione: non guidare se non ci vedi bene a causa dello spray.

Uso antisommossa

Questo spray viene utilizzato nelle operazioni di polizia, controllo antisommossa ed autodifesa, poiché i suoi effetti infiammatori permettono la chiusura degli occhi e cecità temporanea che permette agli ufficiali di bloccare più facilmente i soggetti e consente alle persone in pericolo di difendersi e scappare.

Detenzione in Italia

Per legge in Italia qualsiasi cittadino di età superiore a 16 anni senza precedenti penali può possedere, trasportare e acquistare qualsiasi composto a base di capsaicina oleoresina e dispositivi di difesa personale che rispondano ai seguenti criteri:

  • devono contenere un carico utile non superiore a 20 ml., con una percentuale di oleoresina di capsico non superiore al 10% e una concentrazione massima di capsaicina e di sostanze capsaicinoidi non superiore al 2,5%;
  • non devono contenere sostanze infiammabili, corrosive, tossiche o cancerogene e nessun altro composto chimico aggressivo della stessa oleoresina;
  • devono essere venduti sigillati e dotati di un dispositivo di sicurezza contro le perdite accidentali;
  • non devono avere una portata superiore a 3 metri.

Composizione

Il principio attivo dello spray al peperoncino è la capsaicina, una sostanza chimica derivata dal frutto delle piante del genere Capsicum, tra cui appunto peperoncino. L’estrazione dell’oleoresina di capsico (OC) dai peperoncini richiede che il capsico sia finemente macinato, da cui la capsaicina viene quindi estratta utilizzando un solvente organico come l’etanolo. Il solvente viene poi fatto evaporare e la resina residua simile alla cera è la capsaicina oleoresina. Per essere utilizzabile come spray al peperoncino, la resina viene sospesa in acqua con glicole propilenico (un emulsionante) e poi pressurizzata. Esistono vari tipi di capsaicinoidi che causano diversi livelli di irritazione, tuttavia i produttori non sono tenuti ad indicare il particolare tipo di capsaicinoidi utilizzati. La sigla “CRC” sui vari prodotti, non misura la quantità di OC contenuto all’interno dello spray, ma è una sorta di valutazione del dolore dovuto al bruciore causato dall’OC. Gli spray urticanti personali possono variare da un minimo dello 0,18% ad un massimo del 3%. Quelli per le forze dell’ordine invece sono compresi tra l’1,3% e il 2%

Effetti dello spray e rischi

Lo spray al peperoncino è un agente infiammatorio: agisce infiammando le mucose degli occhi, del naso, della gola e dei polmoni. Causa:

  • chiusura immediata degli occhi con difficoltà a riaprirli;
  • dispnea (difficoltà nella respirazione);
  • rinorrea (naso che cola);
  • tosse;
  • cecità temporanea;
  • bruciore, rossore, gonfiore, calore e dolore nelle zone interessate.

La sensazione di bruciore si estende alla pelle e porta a spasmi della parte superiore del corpo che costringono una persona a piegarsi in avanti e tossire rendendo difficile la respirazione per 15 minuti. Per quelli con asma, che assumono altri farmaci, o soggetti a cui sono stati sottoposti interventi che riducono la respirazione, c’è il rischio di morte.
L’esposizione singola dell’occhio allo spray irritante è innocua, ma l’esposizione ripetuta può portare a danni oculari anche gravi, specie alla cornea, in alcuni casi correlati a cecità parziale o totale anche permanente.

Durata degli effetti

La durata degli effetti di uno spray urticante dipendono da molti fattori, come forza dello spray, tipo di spray, distanza dall’occhio, tuttavia l’effetto medio dura 15 minuti (nei casi più lievi) a circa un’ora e mezza o oltre (nei casi più gravi).

Trattamento

La capsaicina non è solubile in acqua, e anche grandi volumi d’acqua non lo lavano via. In generale, le vittime sono incoraggiate a battere le palpebre energicamente in modo da favorire la lacrimazione, che aiuta a togliere la componente irritante dagli occhi. Inoltre le vittime dovrebbero cercare di evitare di toccare le zone colpite e di spargere lo spray sulla pelle in modo da impedire la diffusione del composto ed un prolungamento della sensazione di dolore in altre parti del corpo. In commercio sono disponibili anche alcune salviettine che hanno il compito di rimuovere le componenti irritanti dalle superfici delle persone colpite con spray urticante.

Cosa fare?

Se siete stati spruzzati con questo tipo di spray, segui le seguenti istruzioni:

1 Impara cosa aspettarti

Devi per prima cosa sapere che, anche se riesci a risciacquare gli occhi ed espellere gli elementi irritanti, il disagio può persistere per mezz’ora fino anche a oltre 2 ore; inoltre, l’edema delle mucose della gola può rendere difficile la respirazione per un periodo che arriva anche a un’ora. Se i sintomi sono particolarmente gravi o durano oltre questo lasso di tempo, dovresti andare all’ospedale immediatamente o al pronto soccorso. Se soffri d’asma, lo spray al peperoncino può provocare grosse difficoltà di respirazione e dovresti cercare immediate cure mediche.

2 Non toccarti gli occhi

Lo spray al peperoncino è una sostanza a base d’olio che provoca una grave irritazione agli occhi e alla pelle. Se è entrata negli occhi, devi resistere alla tentazione di strofinarli o di toccare il viso, altrimenti non fai altro che diffonderla ancora di più e allargare l’area colpita. Non toccare il viso, ma cerca di far lacrimare gli occhi ammiccando molto. Il movimento delle palpebre innesca la produzione del liquido lacrimale, il quale aiuta a espellere i residui del prodotto.

3 Togli eventuali lenti a contatto

Se le indossi mentre la sostanza urticante entra negli occhi, devi toglierle immediatamente, altrimenti i residui dello spray si fissano su di esse e gli occhi continuano a irritarsi; la pulizia delle lenti non è sufficiente per eliminare lo spray.
Una volta rimosse le lenti, immergi il viso in acqua fresca e pulita.
Continua ad aprire e chiudere gli occhi sott’acqua diverse volte.

4 Usa l’acqua

Risciacqua gli occhi con acqua. Lo spray al peperoncino lascia un residuo oleoso sulla pelle e negli occhi che devi eliminare il più rapidamente possibile. La maniera più semplice di procedere consiste sostanzialmente nel risciacquare il viso e gli occhi con acqua fresca; continua in questo modo per almeno 15 minuti.
In seguito esponi la pelle colpita dal prodotto urticante all’aria aperta, in modo che gli irritanti possano evaporare dopo aver abbondantemente lavato gli occhi.
Se hai la possibilità di raggiungere un lavandino o una fontanella d’acqua potabile, usali; in alternativa, prendi qualsiasi acqua pulita che hai a disposizione. Puoi anche metterti sotto l’acqua fredda della doccia per risciacquare gli occhi.

5 Valuta di aggiungere del sapone neutro

Risciacquare il viso e gli occhi con l’acqua aiuta a lavare via i residui oleosi del peperoncino; se vuoi eliminarli dalla pelle, però, dovresti usare un sapone neutro, non a base di olio, oppure un detersivo per i piatti. Prepara una soluzione con 1 parte di detergente neutro e 3 parti di acqua fresca.
Tieni gli occhi ben chiusi e immergi il viso nella soluzione saponata per 20 secondi.
Risciacqua poi la pelle e ripeti 10 volte.
Cambia la miscela d’acqua e sapone a ogni risciacquo, per evitare di rimettere la faccia nell’acqua contaminata con la sostanza pungente.
Fai attenzione che il sapone non entri negli occhi, altrimenti si irritano ancora di più.

6 Usa una soluzione salina

Anche quando la sensazione di bruciore agli occhi inizia a diminuire, alcuni residui potrebbero essere ancora presenti. Per risolvere tale problema puoi usare un collirio salino per sbarazzarti delle ultime tracce di sostanza al peperoncino; è sufficiente instillare direttamente alcune gocce e ammiccare ripetutamente.
Puoi acquistare questo tipo di collirio nelle farmacie, nei supermercati e nelle parafarmacie. Ricorda che non devi strofinare gli occhi neppure dopo aver messo le gocce oculari.

7 Usa il latte

Bagna il viso con il latte. Le persone vittime dello spray al peperoncino lo usano spesso, perché può alleviare la sensazione di bruciore, sebbene non ne elimini la sostanza oleosa e i residui. Puoi usare il latte per lenire il dolore irritante sulla pelle e migliorare l’efficacia del risciacquo degli occhi; spruzza un po’ di quello intero sulla faccia, tenendo gli occhi chiusi.
Il latte offre un risciacquo meno efficace dell’acqua o della soluzione salina per eliminare le tracce rimaste dello spray urticante; gli esperti raccomandano anche particolare prudenza, dato che non è un prodotto sterile.
Un altro modo di utilizzarlo consiste nel versarlo in una bottiglietta spray pulita e, tenendo gli occhi chiusi, spruzzarlo su tutto il viso. Questo rimedio riduce l’irritazione cutanea e semplifica le procedure di risciacquo degli occhi con l’acqua. Tuttavia tieni presente che il dolore che deriva dallo spray al peperoncino è immediato, intenso e potresti non avere il tempo di mettere in pratica questo rimedio.
La ricerca ha riscontrato che non esiste una grande differenza tra l’utilizzo del latte e dell’acqua contro il dolore.

8 Usa un asciugamano imbevuto di latte

Bagna un asciugamano pulito con un po’ di latte ed appoggialo sulla pelle per ridurre la sensazione di bruciore. Immergilo nel latte intero, siediti, chiudi gli occhi e appoggialo sul viso; questo metodo non rimuove gli ingredienti dello spray, ma allevia la sofferenza e l’irritazione sulle palpebre e sulla pelle circostante. Puoi anche immergere la faccia nel latte per ottenere un effetto simile. Al termine del trattamento è importante risciacquare accuratamente la pelle, dato che il latte non sostituisce l’acqua nell’espellere i residui fastidiosi dagli occhi, ma permette di lenire altri sintomi dolorosi che aggravano il disagio. Dopo il risciacquo, ricorda di non coprire viso e occhi con alcuna fasciatura o panno, ma lasciali esposti all’aria.

Consigli utili

  • Se hai inalato il prodotto urticante, prova a succhiare mezzo limone per alleviare il bruciore.
  • Non usare mai prodotti oleosi o lozioni che potrebbero intrappolare i residui del prodotto irritante sulla pelle e che potrebbero anche causare delle vesciche.
  • Non usare il detersivo per i piatti per lavare direttamente gli occhi, perché causa una sensazione pungente intensa oltre a quella che già provi per lo spray al peperoncino.
  • Se i rimedi descritti in questo articolo non sono efficaci, chiedi maggiori dettagli al tuo medico o rivolgiti al pronto soccorso.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in La medicina per tutti, Medicina degli organi di senso, otorinolaringoiatria, odontoiatria e chirurgia maxillo-facciale, Medicina legale, criminologia, danni medici e medicina del lavoro e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.