Bile: dove si trova, a che serve e da cosa è composta?

medicina-online-dott-emilio-alessio-loiacono-medico-chirurgo-roma-cistifellea-cose-cosa-serve-dove-si-trovariabilitazione-nutrizionista-infrarossi-accompagno-commissioni-cavitazione-radiofrequenza-ecoLa bile è un liquido basico di colore giallo-verde secreto dal fegato ed immagazzinata/concentrata nella cistifellea tra un pasto in attesa di essere immessa – dopo un pasto – nel duodeno dove collabora ai processi della digestione.

Da cosa è composta la bile?
La bile è formata da:

  • acqua;
  • colesterolo;
  • lecitina (un fosfolipide);
  • pigmenti biliari (bilirubina);
  • sali biliari (derivati dagli acidi biliari, come il sodio taurocolico);
  • taurina.

Come viene prodotta la bile?
La bile è prodotta dagli epatociti (cellule del fegato), attraverso i numerosi dotti biliari che penetrano nel fegato. Durante questo processo, le cellule epiteliali aggiungono una soluzione acquosa, ricca in bicarbonati che diluisce e aumenta l’alcalinità del liquido. La bile quindi fluisce nel dotto epatico comune, che unisce il dotto cistico dalla cistifellea a formare il dotto biliare comune. Il dotto biliare comune curvando si unisce con il dotto pancreatico per sfociare alla fine nel duodeno, dove transita il cibo in uscita dallo stomaco.

Leggi anche:

Bile nella cistifellea
Quando lo sfintere di Oddi è chiuso, alla bile è impedito il refluire nell’intestino e fluisce invece nella cistifellea, dove viene immagazzinata e concentrata fino a cinque volte fra i pasti. Tale concentrazione avviene attraverso l’assorbimento di acqua ed elettroliti, conservando però le sostanze originali. Il colesterolo è anche rilasciato con la bile e disciolto negli acidi e i grassi biliari. Quando il cibo è rilasciato dallo stomaco nel duodeno sotto forma di chimo, la colecisti rilascia la bile concentrata per completare la digestione.

A che serve la bile?
La bile ha principalmente quattro funzioni:

  • Digestione. La bile funge per un certo grado da detergente, aiutando a emulsionare i grassi e partecipa così al loro assorbimento nel piccolo intestino; quindi ha parte importante nell’assorbimento delle vitamine D, E, K e A che si trovano nei grassi.
  • Eliminazione bilirubina. La bile serve anche all’eliminazione della bilirubina, prodotta dalla degradazione della emoglobina, che le dà il tipico colore.
  • Acidità. La bile neutralizza l’eccesso di acidità nello stomaco prima di arrivare nell’ileo, la sezione finale del piccolo intestino.
  • Batteri. I sali biliari hanno anche un effetto battericida dei microbi nocivi introdotti con il cibo.

Quanta bile viene prodotta al giorno?
Il fegato umano è in grado di secernere quasi un litro di bile al giorno (anche se tale valore varia molto in base al peso corporeo). Il 95% dei sali secreti nella bile vengono riassorbiti nell’intestino ileo terminale e riutilizzati. Il sangue dall’ileo fluisce direttamente nella vena porta del fegato e li riporta nei dotti biliari per essere riusati, anche due o tre volte per pasto. La bile assume un colore nero durante un abuso di alcool.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.