Ipodontia, anodontia, oligodontia: cause, sintomi, diagnosi, caratteristiche, cura

MEDICINA ONLINE IPODONTIA ANODONTIA ADONTIA OLIGODENTIA AGENESIA DENTALE  DENTI IN NUMERO DIFETTO TROPPO POCHI DENTI DENTE MANCANTE  BOCCA.jpgCon “ipodontia”, “anodontia” o “oligodontia” o “agenesia dentale” (in inglese “hypodontia”) in medicina ci si riferisce alla mancanza congenita di denti decidui (da latte) e/o permanenti. Con ipodontia (o “anodontia parziale” o “agenesia” seguito dal nome di uno o più denti mancanti) in genere ci si riferisce alla mancanza di uno o più denti, mentre anodontia (o “anodontia completa”) indica la totale mancanza di tutti i denti, condizione rara e facente parte di un più ampio quadro clinico (è estremamente raro che si presenti da sola) associata con il gruppo di malattie della pelle e del sistema nervoso chiamato displasia ectodermica. L’assenza di tutti i denti del giudizio, o dei terzi molari è relativamente comune. L’opposto dell’ipodontia è l’iperdontia, dove c’è un eccesso di denti, una condizione che è più rara rispetto all’ipodontia.

Numero normale di denti

Il numero normale di denti in un adulto è 32 (16 denti superiori e 16 inferiori). Per approfondire: Denti permanenti: quanti sono e quando spuntano

Cause e fattori di rischio

Diverse teorie riguardanti l’eziologia dell’ipodonzia sono state proposte, tuttavia, la causa esatta rimane ancora oggi poco chiara. La portata delle influenze individuali dei fattori genetici e ambientali è ancora ampiamente dibattuta. Attualmente, il ruolo dei fattori poligenici e ambientali sull’ipodonzia è riconosciuto nella maggior parte delle teorie. I fattori ambientali possono essere classificati in due gruppi principali, invasivi e non invasivi. Questi fattori agiscono in modo additivo o indipendente, influenzando in ultima analisi il posizionamento e lo sviluppo fisico del dente. Fattori ambientali invasivi possono influenzare lo sviluppo e il posizionamento dei denti che portano all’ipodontia e all’impatto. Esempi di tali fattori includono fratture della mascella, procedure chirurgiche ed estrazione del precedente dente deciduo. Altri fattori di rischio in generale sono:

  • famigliarità;
  • uso di talidomide (N-ftalilglutamina) in gravidanza;
  • alterazione genetica di MSX1 e PAX9;
  • ipoparatiroidismo idiopatico;
  • pseudoipoparatiroidismo;
  • displasia ectodermica;
  • infezioni come rosolia e candida;
  • necrolisi epidermica tossica;
  • patologie genetiche;
  • fumo di sigaretta in gravidanza (attivo e passivo).

Diagnosi

L’osservazione diretta ed i raggi X dentali (ortopanoramica) sono spesso sufficienti per diagnosticare l’ipodontia o l’anodontia.

Complicanze

L’anodontia di almeno un dente permanente è la più comune anomalia dentale e può contribuire a disfunzione masticatoria, dell’espressione, malocclusione, o problemi estetici. L’assenza degli incisivi laterali rappresenta il difetto più comune.

Terapia

L’ipodontia è una condizione che può presentarsi in vari modi con diverse gravità e ciò si traduce in una vasta gamma di metodi di trattamento disponibili. Il trattamento dell’ipodontia coinvolge specialisti in reparti quali chirurgia orale e maxillo-facciale, odontoiatria operativa, odontoiatria pediatrica, ortodonzia e protesi dentaria. Prima di determinare un piano di trattamento adeguato, è necessario determinare vari parametri, tra cui:

  • numero denti mancanti;
  • dimensione/posizione dei denti rimanenti in entrambe le arcate;
  • malocclusione e difficoltà masticatorie;
  • età;
  • estetica della bocca.

I denti mancanti possono essere applicati dal dentista tramite l’utilizzo di impianti dentali o dentiere. Il trattamento può riuscire a dare ai pazienti un miglior controllo funzionale della loro bocca, cioè permettere una più efficace masticazione, e avere al contempo anche funzione estetica dal momento che l’assenza di uno o più denti, pensiamo ad esempio ai due incisivi superiori, può ovviamente essere un danno estetico importante per l’intero viso. Il trattamento definitivo per l’ipodontia inizia solo dopo l’eruzione di tutti i denti permanenti o dopo il completamento del trattamento ortodontico.

Per approfondire:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Medicina degli organi di senso, otorinolaringoiatria, odontoiatria e chirurgia maxillo-facciale e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.