Permesso l’ingresso degli animali negli ospedali: aiutano i pazienti a superare lo stress

MEDICINA ONLINE PET THERAPY CUCCIOLO CANE CANI ANIMALI NATURA AMORE OSPEDALE CURE CURA COMPAGNIA DOMESTICO CAGNOLINO BAMBINO BIMBO STRESS ANIMALI AMMESSI IN CLINICA REPARTO LETTO MALATO MALATTIA.jpgIn Umbria sarà permesso l’ingresso negli ospedali degli animali d’affezione, ovviamente nel rispetto delle regole delle strutture: tutto ciò per “umanizzare” il percorso terapeutico e, in alcuni casi, renderlo addirittura più rapido ed efficace. Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Salute, Luca Barberini:

“Stiamo lavorando ad un progetto innovativo per aumentare la capacità della sanità umbra di rispondere ai bisogni dei cittadini e al tempo stesso per promuovere e valorizzare il ruolo sociale degli animali di affezione nella vita quotidiana della comunità e delle singole persone, consentendo il loro ingresso negli ospedali per contribuire a supportare il percorso di cura e di guarigione dei padroni ricoverati. Gli animali di affezione possono aiutare i pazienti a superare lo stress da ricovero e l’ansia causata dalla malattia. L’affetto, la vicinanza e il calore che trasmettono possono contribuire a rassicurare chi si trova in un momento di fragilità, in particolare ciò vale per gli anziani e i bambini. Siamo convinti che, accanto a cure e prestazioni sanitarie di qualità, sia possibile realizzare nei nostri ospedali momenti di simpatia, di benessere e di armonia a favore dei pazienti, con il coinvolgimento degli animali da compagnia. Una nuova opportunità di pet therapy, che vogliamo introdurre per realizzare, anche in questo modo, una sanità sempre più vicina ai cittadini”.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Noi che amiamo la natura e gli animali e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.