Differenza tra meteo, meteorologia, clima, climatologia e tempo atmosferico

MEDICINA ONLINE COPERTINA GIORNALE LIBERO QUOTIDIANO 6 MAGGIO 2019 CLIMA METEO FREDDO CALDO GRETA.jpg

Il giornalista forse non conosce la differenza tra meteo e clima

Tempo atmosferico

Con “tempo atmosferico” si definisce il complesso delle condizioni e dei fenomeni come umidità, pressione atmosferica, precipitazioni, temperatura, nuvolosità, visibilità e vento, presenti in un dato periodo ed in un dato territorio. Semplificando, quando chiediamo ad esempio “Che tempo fa oggi a Roma?” e qualcuno risponde “Ora a Roma piove“, in pratica otteniamo la descrizione dell’attuale tempo atmosferico presente in un dato periodo (oggi) ed in un dato luogo (Roma). Ciò che caratterizza il tempo atmosferico è la “variabilità meteorologica” che va a sovrapporsi ai trend di natura climatica sul medio-lungo periodo. Semplificando: in un trend climatico di aumento della temperatura rilevato ad esempio negli ultimi 50 anni, la variabilità meteorologica  può indicare al contrario un attuale abbassamento della temperatura locale. La scienza che si occupa di studiare il tempo atmosferico è la meteorologia, che – tramite complessi studi –  si occupa anche di prevedere le variazioni atmosferiche.

Leggi anche: Temperatura percepita: cos’è e come si calcola

Meteo e meteorologia

Il termine “meteo” è una abbreviazione con cui si indica il termine “meteorologia”; quest’ultima è una parte delle scienze dell’atmosfera che studia i fenomeni fisici che avvengono nella troposfera (atmosfera terrestre) e responsabili del tempo atmosferico. Lo studio dell’atmosfera prende in considerazione vari parametri fondamentali tra cui temperatura dell’aria, umidità atmosferica, pressione atmosferica, radiazione solare e vento. La complessa analisi di tutti questi dati permettono di ottenere una previsione a breve scadenza di vari fenomeni atmosferici come perturbazioni, forza del vento, pioggia o neve in un dato periodo ed in un dato territorio, cioè quello che comunemente chiamiamo “previsioni del tempo” o appunto “meteo”. Semplificando i concetti: il tempo atmosferico dice ad esempio che in questo momento a Roma sta piovendo e c’è un vento forte, mentre il meteo di ieri si era occupato di prevedere il fatto che a Roma sta piovendo e c’è un vento forte e si occupa oggi di prevedere se questa pioggia e questo vento continueranno o no domani.

Leggi anche: Perché quando piove le ferite fanno male?

Clima e climatologia

Con “clima” si indica lo stato medio del tempo atmosferico locale, regionale, nazionale, continentale, emisferico o globale, rilevato in archi temporali molto lunghi (nell’arco di almeno 30 anni, secondo l’Organizzazione Meteorologica Mondiale) ed in massima parte determinato dall’inclinazione dei raggi solari sulla superficie della Terra al variare della latitudine, ma anche da altri fattori (ad esempio l’inquinamento ed i suoi effetti a lungo termine). A ciascuna fascia climatica-latitudinale della Terra corrispondono caratteristiche diverse in termini di flora e fauna, portando ad esempio all’esistenza di foreste pluviali, deserti, foreste temperate, taiga e tundra, influenzando fortemente le attività economiche e le abitudini delle popolazioni locali. La disciplina scientifica che studia il clima e le sue variazioni è chiamata “climatologia“.

Leggi anche: Da cosa sono formate le nuvole e come si creano? Perché piove? Cos’è la grandine e come si forma?

Clima o tempo meteorologico?

Cercando di semplificare, potremmo dire che mentre la climatologia ed il clima sono correlate ad un intervallo temporale di studio molto lungo (in genere anni o decenni), invece la meteorologia studia periodi molto brevi (in genere ore o giorni); inoltre mentre il clima tende ad avere un andamento che tende a mantenersi stabile nel corso degli anni (pur con una variabilità climatica interannuale dovuta alle stagioni e di medio-lungo periodo che vi si sovrappone), al contrario il tempo meteorologico tende ad avere una variabilità molto più elevata in un tempo brevissimo. In conclusione, pur analizzando fattori simili (temperatura del luogo, la latitudine, la morfologia del territorio, la lontananza dal mare…), la climatologia ed il climatologo lavora su periodi di tempo molto più lunghi della meteorologia e del meteorologo. I mass media fanno spesso confusione tra clima e meteo, basti vedere i titoli di giornali in questo periodo, dove ci si chiede “Com’è possibile che, nonostante il riscaldamento globale, a maggio faccia così freddo?”. Domanda che presuppone una forte ignoranza dell’argomento, visto che il meteo può essere “freddo” ed al contempo il clima può essere “caldo”, senza alcuna contraddizione.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Oltre la medicina e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.