Metereopatia: perché quando cambia il tempo hai dolori a collo e schiena

MEDICINA ONLINE RAIN TORNADO COLD WATER OMBRELLO TEMPO AUTUNNO INVERNO CLIMA METEO METEREOPATIA WINTER AUTUMN WALLPAPER Alone-sad-girl-lonely-walk-with-umbrella-miss-you-imagesUna delle frasi che più ricorre negli studi di fisioterapia come il mio è: “oggi ho particolarmente dolore, sicuramente è colpa del tempo!”. Ma davvero il clima ha questo effetto così forte sulla nostra schiena, sul nostro collo e sulle nostre articolazioni? A sentir parlare i pazienti, sembrerebbe proprio di si. In effetti, se tutti ne parlano, un motivo ci sarà: la metereopatia, cioè la comparsa di sintomi in concomitanza con le variazioni del clima, è un problema comune e molto diffuso.

In termini pratici, “metereopatia” significa avvertire disturbi in concomitanza con i cambiamenti del clima. Qualcuno soffre quando da clima secco si passa a clima umido (frequente), qualcun’altro ha una specie di “barometro interno” per quando sta per arrivare la pioggia. Ad alcuni, eventi atmosferici come il vento o la neve provocano disturbi molto forti.

Una cosa importante, sulla quale forse non hai riflettuto: perchè quando cambia il meteo ti fa male solo in una determinata zona? In fondo, il meteo cambia per tutto il corpo!

Nella maggior parte dei casi, chi ha disturbi con il cambiamento del tempo, li ha in zone già “deboli”: l’arto fratturato tempo prima, la zona di un vecchio intervento chirurgico, oppure il tratto cervicale o la bassa schiena, statisticamente problematici un po’ per tutti.

Una possibile spiegazione per questo fenomeno è la seguente: la pressione atmosferica ed altri eventi legati al clima influenzano notevolmente gli equilibri dei nostri liquidi corporei, sopratutto dell’acqua.

Nelle zone dove non c’è nessun problema, la variazione di pressione atmosferica non provoca cambiamenti o disturbi: i tessuti sani sono caratterizzati da un buon equilibrio tra liquidi intra e liquidi extra cellulari, e non soffrono per piccole variazioni.

Le zone già colpite da qualche evento avverso sono invece caratterizzate da un aumento dei liquidi extracellulari: ecco che qui le variazioni di pressione sono poco tollerate, e di conseguenza si genera uno stato infiammatorio quando cambia il clima.

Chi ha dolori diffusi quando cambia il tempo ha probabilmente una situazione di abbondanti liquidi extracellulari in tutto il corpo: questa situazione indica uno stress metabolico generalizzato, ed è rilevabile con grande precisione da un esame tissutale come la bioimpedenziometria.

Leggi anche:

#1 ESERCIZI SPECIFICI PER LA ZONA PIÙ INTERESSATA

Fare esercizio, sia di mobilità (stretching) che di rinforzo, riduce i liquidi extracellulari.

Di conseguenza, fare esercizi di rinforzo e stretching dell’area più sensibile alle variazioni meteo può rivelarsi un’ottima idea.

# 2 ESERCIZI POSTURALI GENERALI

Sopratutto se rientri in quella categoria di persone che con il cambiamento del tempo “hanno male dappertutto”, trarrai molto beneficio dal lavorare sui muscoli posturali in toto.

Muscoli posturali più distesi si tradurranno in maggiore flessibilità ma sopratutto in minore “problematicità” della tua massa muscolare, che sarà meno in balia delle variazioni meteo.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in La medicina per tutti. Contrassegna il permalink.