Mangiare nocciole, mandorle e pistacchi allunga la tua vita e ti mantiene in salute

Dott. Loiacono Emilio Alessio Medico Chirurgo Roma Medicina Chirurgia Estetica Rughe Cavitazione Dieta Peso Dimagrire Pancia Grasso Dietologo Nutrizionista Cellulite Cibo Senologo Psicologo Pene Studio Cuore Sessuologo Sesso NOCCIOLE MANDORLE LA VITALa notizia arriva da uno studio pubblicato sul prestigioso New England Journal of Medicine e svolto da tre istituti di ricerca americani più che illustri: il Dana-Farber Cancer Institute, il Bringham and Women’s Hospital e la Harvard School of Public Health. Per questo il fatto che sia stato in parte finanziato dall’International Tree Nut Council Nutrition Research & Edication Foundation, organizzazione non profit che rappresenta le industrie che producono frutta secca a guscio, non ci sembra sufficiente a minarne la credibilità. Ecco cosa hanno concluso gli autori della ricerca: chi consuma noci, nocciole, mandorle, anacardi, pinoli ecc. vede in pratica diminuire il proprio rischio di morte.

“Il beneficio più ovvio”, racconta Charles S. Fuchs, direttore del Gastrointestinal Cancer Center del Dana-Farber, “è stata la riduzione del 29% delle morti legate a malattie cardiache, il principale killer degli americani. Ma abbiamo anche visto una significativa riduzione del rischio di mortalità per cancro: -11%”. Per la loro analisi gli autori hanno attinto ai database di due importanti studi osservazionali di lunghissima durata che raccolgono dati sulla dieta e su altri fattori legati allo stile di vita dei partecipanti: il Nurses’ Health study, condotto sulle infermiere dal 1980 al 2010, che ha fornito dati su oltre 76mila donne, e l’Health Professionals’ Follow-up Study, che ha seguito i professionisti sanitari dal 1986 al 2010 e ha fornito dati su più di 42mila uomini.

I partecipanti a entrambi gli studi hanno compilato ogni 2-4 anni dettagliati questionari sulla dieta seguita. Tra le domande ve ne erano anche alcune sulla frutta a guscio che miravano a rilevare la frequenza del consumo. Molti dati interessanti sono emersi dall’analisi. Chi mangiava più frutta a guscio era tendenzialmente più magro, consumava più frutta e verdura, era meno probabile che fumasse e più probabile che facesse esercizio fisico, ma di solito beveva più alcolici. Indipendentemente da tutti questi fattori, comunque, i ricercatori sono riusciti a isolare il ruolo del solo consumo di noci nocciole & co. sulla salute e sul rischio di morte dei partecipanti.

“In tutte le analisi, più frutta a guscio la gente mangiava, meno probabilità aveva di morire nel corso dei 30 anni di follow-up“, spiega Ying Bao, del Brigham and Women’s Hospital. Quelli che mangiavano meno di un’oncia (pari a poco meno di 30 grammi) a settimana avevano una riduzione della mortalità del 7%, che saliva all’11% per chi ne mangiava un’oncia a settimana fino a raggiungere il 20% di riduzione della mortalità per coloro che consumavano più di un’oncia al giorno di noci e nocciole.

Non è stata trovata una significativa differenza nella riduzione della mortalità tra le arachidi e gli altri frutti a guscio, ma si confermano i benefici del consumo di questi prodotti già dimostrati in studi precedenti, che avevano appurato l’esistenza di un legame tra la loro assunzione e una diminuzione del rischio di malattie cardiache, diabete di tipo 2, cancro del colon. Anche se gli autori di questa ricerca fanno notare che i loro risultati non bastano a stabilire un definitivo rapporto di causa-effetto, è evidente il legame tra il consumo di frutta a guscio e la protezione da alcune malattie. Non a caso già dal 2003 la FDA americana sostiene che mangiarne un’oncia e mezzo (circa mezz’etto) al giorno “può ridurre il rischio di malattie cardiache”.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente, La medicina per tutti e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.