Differenza tra atomi e ioni e regola dell’ottetto

MEDICINA ONLINE CHIMICA ATOMO NUCLEO FISSIONE REAZIONE NUCLEARE BOMBA ATOMICA PROTONE NEUTRONE ORBITALE ENERGIA ELETTRONE IONE POSITIVO NEGATIVO COMPOSTO ELEMENTO H20 HO2.jpgSecondo la teoria particellare della materia, l’atomo è la parte più piccola e indivisibile della materia. Tutti gli atomi presentano un numero atomico che corrisponde alla loro posizione nella tavola periodica. Il numero atomico esprime il numero di protoni presenti nel nucleo, ovvero il numero di particelle elementari che hanno carica elettrica positiva. In un atomo vi sono altrettanti elettroni con carica negativa. Pertanto gli atomi sono particelle elettricamente neutre, poiché lo stesso numero di cariche positive e negative si neutralizza a vicenda. Tuttavia se l’atomo cede o acquista elettroni dall’esterno perde la sua neutralità elettrica. Si ottiene uno ione positivo da un atomo che cede elettroni negativi. Se l’atomo acquista elettroni diventa uno ione con carica elettrica negativa.

La regola dell’ottetto

Nella formazione di un legame chimico fra due elementi vengono coinvolti gli elettroni dell’ultimo livello energetico. Entrambi gli elementi devono raggiungere la stabilità, ovvero devono raggiungere l’ottetto, situazione rappresentata dalla presenza di otto elettroni nel’ultimo livello energetico e tipica dei gas nobili.

Esempio: NaCl
Il sodio ha un unico elettrone esterno, mentre il cloro ha già sette elettroni periferici. Perciò il sodio cede l’unico elettrone esterno restando con il precedente livello saturo (colmo di elettroni), mentre il cloro, acquistando un elettrone dal sodio, ha raggiunto l’ottetto.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Medicina di laboratorio, chimica, fisica e biologia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.