Differenza tra catetere tunnellizzato e non tunnellizzato

MEDICINA ONLINE CANNULA CATETERE INFERMIERE AGOCANNULA VENOSO CENTRALE NUTRIZIONE ENTERALE PARENTERALE TOTALE PERIFERICA ASSISTITA ARTIFICIALE SANGUE SACCA SONDINO NASO GASTRICO VENA LINEE GUIDA Placement of intravenous

Catetere venoso tunnellizzato

Il catetere venoso centrale (CVC) è un presidio medico che si inserisce in una delle vene centrali (vena succlavia, femorale o giugulare interna) composto da un tubicino lungo e sottile, rigido o flessibile, di vari materiali, lungo circa 20 centimetri e di alcuni millimetri di diametro. E’ molto utile per tutte quelle situazioni in cui si vuole immettere una sostanza all’interno del circolo sanguigno: esempi tipici sono l’infusione di liquidi (soluzione fisiologica, farmaci…) e la nutrizione artificiale parenterale totale, in cui le sostanze nutritive vengono immesse nell’organismo, “scavalcando” l’apparato digerente. Nella parte del catetere esterna alla cute sono predisposte vie di accesso per i diversi tipi di infusione (queste vie hanno generalmente un lume differenziato tra loro e sono indipendenti l’una dall’altra).

Si distinguono due categorie di cateteri venosi centrali: tunnellizzati e non tunnellizzati:

  • catetere venoso centrale tunnellizzato: il catetere viene fatto scorrere sottocute tramite tunnellizzazione, raggiunge il vaso e viene inserito in esso (vedi figura in alto);
  • catetere venoso centrale non tunnellizzato: viene inserito direttamente nel vaso in cui si vuole posizionare il catetere (immagine in basso).

MEDICINA ONLINE CATETERE VENOSO CENTRALE NON TUNNELLIZZATO VENA CATETERE NON TUNNELLED.jpg

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cuore, sangue e circolazione e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.