Feedback positivo ed omeostasi: spiegazione ed esempi

MEDICINA ONLINE OMEOSTASI MECCANISMI FEEDBACK POSITIVO NEGATIVO UTERO PARTO PH RESPIRAZIONE BICARBONATO SANGUE GLICEMIA DIABETE PRESSIONE ARTERIOSA FREQUENZA CARDIACA CIRCOLO VIZIOSO FISIOLOGIA BIOLOGIA PSICOLOGIA IN MEDIO.jpgL’omeostasi è la tendenza naturale al mantenimento di un relativo stato di equilibrio interno delle proprietà chimico-fisiche di un qualsiasi organismo vivente. I meccanismi omeostatici nella fisiologia umana sono necessari per il mantenimento della vita perché permettono di mantenere alcuni parametri dell’organismo entro limiti accettabili anche al variare delle condizioni esterne, attraverso precisi meccanismi autoregolatori. Per permettere il mantenimento di tali parametri nei limiti di sopravvivenza, il corpo usa due sistemi:

  • feedback negativo;
  • feedback positivo.

Mentre il feedback negativo consente di produrre un cambiamento opposto allo stimolo iniziale (all’aumentare dello stimolo iniziale, il prodotto finale tende a diminuire) invece il feedback positivo consente di accelerare o intensificare un processo in seguito agli stimoli ricevuti: ciò significa che all’aumentare dello stimolo iniziale, il prodotto finale tende ad aumentare (come in un “circolo vizioso”). E’ meno diffuso del feedback negativo.

Leggi anche:

Esempio di feedback positivo

Un esempio tipico di circuito a feedback positivo del nostro organismo riguarda il controllo ormonale delle contrazioni uterine durante il parto (vedi immagine in alto):

  1. il feto è pronto per essere partorito e si dispone in basso nell’utero;
  2. il feto esercita pressione sulla cervice per l’apertura dell’utero;
  3. ciò provoca il rilascio dell’ormone ossitocina che fa contrarre l’utero;
  4. ciò spinge la testa del feto ancora più forte contro la cervice, stirandola;
  5. più la cervice viene stirata, più l’ossitocina viene rilasciata.

Quest’ultimo passaggio è il feedback positivo perché alla’aumentare della distensione della cervice, aumenta il rilascio di ossitocina che a sua volta distende ancor di più la cervice.
Il ciclo continua finché avviene il parto (fattore esterno): solo così lo stiramento della cervice viene meno e termina il circuito a retroazione positiva. Come intuibile, qualsiasi circuito a feedback positivo è potenzialmente mortale se non interrotto da un qualche segnale, dal momento che è un circolo vizioso che porta virtualmente qualsiasi situazione fisiologica a livelli estremi e patologici. Fortunatamente i feedback dell’organismo hanno la capacità di autoregolarsi: ad esempio quando il corpo si surriscalda, tipicamente durante l’attività fisica intensa, inizia la sudorazione. Più aumenta la temperatura corporea e più aumenta la sudorazione; al contempo più aumenta la sudorazione e maggiormente la temperatura corporea si abbassa. Quando la temperatura del corpo torna a livelli normali, la sudorazione cessa: se ciò non avvenisse, il corpo rischierebbe la disidratazione.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Anatomia, fisiologia e fisiopatologia, Medicina di laboratorio, chimica, fisica e biologia e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.