In classe c’è bimbo con l’epilessia: ogni compagno ha un ruolo per le emergenze

1-593x443.jpgUn bambino di 9 anni che soffre di epilessia, ma circondato da compagni di classe pronti a soccorrerlo in caso di bisogno, perché la maestra ha spiegato loro cosa sia questo problema di salute, che conseguenze e che manifestazioni abbia, e come occorra intervenire, con lucidità e rapidità. E’ la descrizione di una classe di Riccione, alle cui pareti è appeso un apposito tabellone che mostra cosa fare in caso di emergenza e chi lo deve fare. Se il ruolo di regista dei soccorsi spetta ovviamente all’insegnante, c’è poi “chi prende il farmaco..chi avverte i bidelli…chi prende dall’armadietto il cuscino“, ed è prevista persino una turnazione degli incarichi, mese per mese, e sostituti, perché non manchi mai sostegno al bambino e tutti i bambini imparino a fare compiti diversi.

Imparare ad aiutare gli altri

In questo modo, spiega la madre, i suoi compagni si preparano “ad essere utili e a reagire in caso di necessità. Io mi sono fortemente commossa”, scrive la madre del bimbo epilettico. “La maestra ha compiuto un gesto di estrema importanza perché li ha resi partecipi e preparati per una cosa importantissima: Aiutare. Questo è un grande insegnamento di solidarietà. Questi bambini un giorno per strada si fermeranno ad aiutare chi ha bisogno e non si volteranno dall’altra parte.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Oltre la medicina e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.