Tumore maligno della tiroide: carcinomi differenziati ed indifferenziati

MEDICINA ONLINE CHIRURGO CHIRURGIA OPERAZIONE CHIRURGICA TERAPIA ASPORTAZIONE BISTURI SALA OPERATORIA TUMORE CANCRO SUTURA MASSA TUMORALE STADIAZIONE MAMMELLA POLMONI TECNICA GENERALE PANCREAS ANESTESIAIl carcinoma della tiroide è un tumore maligno (cancro) che interessa la tiroide e viene considerata una neoplasia rara in quanto costituisce il 2% di tutti i tumori. Si può manifestare a tutte le età, con massima incidenza tra i 25 e i 60 anni e con una maggiore prevalenza nel sesso femminile. Tali neoplasie sono invece molto rare nei bambini. La sopravvivenza è molto elevata, superando il 90% a 5 anni nelle forme differenziate. Il carcinoma tiroideo può essere di vari tipi: papillare (più diffuso, circa 3 carcinomi tiroidei su 4 sono di questo tipo), follicolare, midollare, anaplastico. Una importante distinzione istologica è tra i carcinomi differenziati e tra quelli indifferenziati:

Carcinomi differenziati (90% del totale):

  • carcinoma papillifero della tiroide (75% del totale);
  • carcinoma follicolare della tiroide (15%);

Carcinomi indifferenziati (10% del totale):

  • carcinoma midollare della tiroide (5%);
  • carcinoma anaplastico della tiroide (circa 2%; causa oltre il 40% di tutti i decessi conseguenti a tumori tiroidei);
  • linfoma maligno tiroideo (circa 4%);
  • carcinoma metastatico della tiroide (circa 2%).

Esistono infine una serie di patologie in cui coesistono vari tipi di tumori, le “neoplasie endocrine multiple” (MEN).

Per approfondire le varie patologie, leggi:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ormoni ed endocrinologia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.