La grave allergia alle arachidi di Oli Weatherall: perfino un bacio può ucciderlo

MEDICINA ONLINE NOCI ARACHIDI DIFFERENZE CIBO DIETA CALORIE DIMAGRIRE INGRASSARE GUSCIO PROPRIETAL’allergia alle arachidi, così come a tanti altri allergeni, potrebbe essere fatale per certe categorie di persone altamente allergiche ad esse ed è per questo che gli allergici devono stare attenti a cosa mangiano. E’ necessario, però, che il soggetto affetto da allergie gravi stia attento non solo ai cibi, ma anche ai baci. E’ il caso di Oli Weatherall, un ragazzo di appena ventidue anni che ha una allergia alle arachidi così grave da poterlo portare al decesso anche solo a causa di un bacio, come riportato dalla rete televisiva britannica BBC. Questo perché la persona potrebbe aver mangiato un arachide o il burro di arachidi, potenzialmente nocivo per Oli.

Bacio killer

Oli Weatherall è altamente allergico alle arachidi, al punto da dover evitare non solo di mangiarle, ma anche dei semplici baci potrebbero risultargli letali: se una persona dovesse mangiare un arachide (o alcuni alimenti in cui gli arachidi sono presenti in qualità di alimenti) e baciarlo, Oli potrebbe morire. Ma non solo, anche un qualsiasi oggetto “contaminato” dall’allergene da cui dovrebbe stare lontano potrebbe causargli una reazione allergica che potrebbe portarlo alla morte. La vita di Oli è stata segnata da un ricovero in ospedale a causa del burro di arachidi: in quell’occasione stava per perdere la vita dopo averlo mangiato per sbaglio: “Avevo la sensazione di morire per una crisi respiratoria” racconta il giovane. Ad Oli risulta anche difficile viaggiare, proprio perché potrebbe imbattersi in luoghi, persone o cibi per lui contaminanti, ed avere una reazione allergica anche letale.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sistema immunitario e sue patologie e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.