Torsione del testicolo: sintomi, cure, conseguenze, neonati. E’ doloroso?

MEDICINA ONLINE Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma TORSIONE TESTICOLO FUNICOLO SINTOMI CURE Riabilitazione Nutrizionista Medicina Estetica Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Pulsata  Macchie Capillari Linfodrenaggio Pene Vagi.jpgLa torsione testicolare, o più correttamente la torsione del funicolo spermatico, indica una rotazione del testicolo attorno al proprio asse. Sebbene l’appellativo “torsione testicolare” dia un’idea immediata del disturbo in esame, come già detto è più corretto parlare di torsione del funicolo spermatico: è proprio la torsione di questo cordone – responsabile del collegamento tra testicolo ed inguine – che origina la cosiddetta torsione testicolare.

Che cos’è la torsione testicolare?
La torsione testicolare designa un quadro clinico allarmante e pericoloso: si tratta di un’urgenza di competenza chirurgica a tutti gli effetti. Quando il disturbo viene trascurato, non curato o sottovalutato, le conseguenze possono essere irreversibili, sino a degenerare in atrofia del testicolo.
Abbiamo visto che la causa principale della torsione del didimo è la rotazione del funicolo spermatico: quest’ultimo raggruppa un insieme di terminazioni nervose e di vasi sanguigni, la cui funzione è irrorare il testicolo.

Leggi anche:

Le probabilità di una torsione aumentano enormemente quando:
1) Il cordone è anatomicamente troppo lungo
2) Il didimo non è ben ancorato alla parte terminale della borsa scrotale
A tal proposito, più che parlare di malattia vera è propria, sarebbe più corretto intendere la torsione testicolare come un’anomalia anatomica; tant’è che non esiste alcun fattore di rischio direttamente correlato alla rotazione del didimo.

Quali sono i soggetti a rischio di torsione funicolare?
Nella maggior parte dei casi, la torsione del testicolo è un’anomalia che colpisce i neonati, gli infanti e gli adolescenti; solo di rado si manifesta nell’uomo adulto. Le statistiche hanno osservato che all’incirca il 66% dei pazienti che lamenta questo disturbo ha un’età compresa tra i 12 ed i 18 anni. Ad ogni modo, la torsione testicolare può insorgere improvvisamente a qualunque età.
Si stima che la torsione del testicolo si manifesti in un maschio ogni 14.000 di età inferiore ai 25 anni.

Cause e fattori di rischio
Le cause che stanno alla base della torsione del testicolo presentano per lo più origine genetica. Alcuni pazienti affetti sono predisposti al problema; sembra che la causa risieda in un’anomalia anatomica riguardante l’innesto della tonica vaginale sul cordone spermatico (si parla di torsione intravaginale del testicolo, responsabile del 90% dei casi di torsione del didimo), oppure l’incremento del volume testicolare (tipico dell’età puberale).
In caso di rotazione testicolare nell’età pre/neonatale, le cause risiedono nell’eccessiva mobilità del testicolo all’interno della sacca scrotale, dunque nell’immaturità dei sistemi di ancoraggio testicolare: in simili frangenti si presenta, generalmente, la mancanza di strutture anatomiche specifiche di sostegno (torsione extravaginale).
Le cause extra genetiche non sono attualmente individuabili con certezza: ad ogni modo, sono stati ipotizzati alcuni possibili fattori di rischio, tra cui traumatismi ripetuti, attività sessuale, criptorchidismo, testicolo posto orizzontalmente, incremento volumetrico testicolare e neoplasie a carico del didimo. Infine la disuria (difficoltà nell’emettere urina), accompagnata da infezioni, aumenta la probabilità di torsione testicolare.

Come avviene la torsione del didimo?
Come abbiamo visto, la torsione testicolare consiste nella rotazione del funicolo spermatico lungo il proprio asse: in simili frangenti, si scatena una serie di eventi drammatici e dolorosi che iniziano con un blocco venoso (responsabile dell’ischemia parenchimale), proseguono con la formazione di un edema evidente e terminano con la perdita del flusso arterioso.

Leggi anche:

Quali sono i sintomi di torsione funicolare?
La prima cosa da dire è che risulta pressoché impossibile non rendersi conto della torsione testicolare: la sintomatologia è decisamente molto dolorosa, acuta, brutale ed improvvisa, indipendentemente dalla copresenza di ulteriori patologie cliniche. Il più delle volte, il dolore esordisce durante la notte a livello del testicolo, per poi diffondersi anche nelle aree limitrofe – canale ed anello inguinale.
Successivamente, la ghiandola testicolare tende ad aumentare progressivamente di volume e a gonfiarsi; talvolta, l’infiammazione è accompagnata da alterazioni cutanee a carico dello scroto.
Non è raro, inoltre, che i pazienti affetti da torsione testicolare lamentino malessere generalizzato e nausea; tuttavia, è improbabile la concomitante comparsa di febbre e dolore durante la minzione.
È doveroso puntualizzare che la torsione testicolare coinvolge, il più delle volte, solamente una sacca testicolare: di conseguenza, l’altra borsa scrotale – illesa – non presenta alcun segno patologico od anomalo.

Quando andare al pronto soccorso?
Andate immediatamente al pronto soccorso se il testicolo inizia a fare male, o molto male, anche improvvisamente. Se un medico vi vede immediatamente può prevenire le lesioni gravi o la perdita del testicolo. Dovete andare immediatamente al pronto soccorso anche se un testicolo comincia a far male improvvisamente e il dolore poi scompare senza alcuna terapia. In questo caso ci può essere una torsione intermittente, cioè il testicolo prima si torce e poi torna alla normalità per conto suo. In molti casi è necessario l’intervento chirurgico per far sì che questo problema non si ripresenti.

Altri segni caratteristici della torsione testicolare
1) Marcato gonfiore testicolare
2) Posizionamento anomalo del testicolo torto nello scroto (il didimo si localizza più in alto)
3) Presenza di un nodulo solido al polo superiore del testicolo, evidente anche alla palpazione

Quali sono le conseguenze peggiori della torsione testicolare?
1) Lesioni o morte del testicolo. Se non viene curata nel giro di poche ore, l’ostruzione della circolazione diretta al testicolo può causare danni permanenti al testicolo. Se il testicolo ha delle lesioni gravi, deve essere asportato chirurgicamente.
2) Sterilità. In alcuni casi, le lesioni o la perdita di un testicolo, possono causare la sterilità.

Diagnosi della torsione testicolare
La torsione testicolare viene diagnosticata dal medico mediante una normale visita. Possono anche essere usate le radiografie. L’ecografia e altre tecniche servono per controllare il flusso di sangue diretto ai testicoli.Se l’esame delle urine diagnostica un’infezione delle vie urinarie, il medico prescriverà ulteriori accertamenti. Il medico, inoltre, diagnostica se il dolore è provocato da un’infiammazione del testicolo o dell’epididimo (l’epididimo è il dotto a spirale che si trova nel retro dei testicoli).

Terapia della torsione testicolare

La torsione testicolare deve essere curata immediatamente, attraverso un intervento chirurgico. Il funicolo spermatico deve essere riportato alla posizione normale (detorsione) per ripristinare il normale flusso di sangue che raggiunge il testicolo. Le lesioni permanenti iniziano a verificarsi a partire da sei ore dopo l’inizio della torsione. Una ricerca ha scoperto che in circa 3 pazienti su 4 il testicolo deve essere rimosso chirurgicamente (orchiectomia) se l’intervento chirurgico viene ritardato oltre le 12 ore. Idealmente la terapia spetta all’urologo ed in ogni caso è sempre necessario l’intervento chirurgico. È possibile riportare il funicolo spermatico alla normalità già in pronto soccorso, ma è comunque necessario l’intervento chirurgico. L’urologo corregge la torsione e applica dei punti per prevenire le ricadute. Nella maggior parte dei casi l’intervento è eseguito passando dallo scroto, ma a volte può essere effettuato attraverso l’inguine. Se il testicolo non può essere salvato, l’urologo lo rimuove e applica dei punti attorno all’altro per prevenirne la torsione. La decisione può essere presa solo al momento dell’intervento.

Torsione testicolari nei neonati
Se la torsione si verifica nei neonati, raramente i testicoli possono essere salvati, perché sono quasi sempre infartuati (morti). L’intervento chirurgico di emergenza avviene in modalità diverse nei neonati. Nei neonati si sono verificati casi di torsione bilaterale subito dopo la nascita, e quindi c’è il rischio che il bambino rimanga senza testicoli. Invece, con un’anestesia e cure postoperatorie migliorate, molti urologi pediatri riescono a intervenire entro le prime ore o i primi giorni di vita. Il testicolo infartuato viene asportato, e sono applicati i punti per prevenire la torsione dell’altro testicolo.

Come comportarsi dopo l’intervento?
Sia che il testicolo sia rimosso, sia che venga lasciato in sede, gli interventi chirurgici a carico dello scroto impiegano sempre un po’ di tempo per guarire. Può essere necessario assumere degli antidolorifici per qualche giorno. Nel giro di qualche giorno, una settimana, si è in grado di ritornare al lavoro o a scuola. È opportuno evitare gli sforzi intensi o l’esercizio fisico (compresi i rapporti sessuali) per qualche settimana. I punti intorno al testicolo non sono visibili e non dovrebbero dare fastidio. Vengono applicati per evitare che la torsione colpisca l’altro testicolo. Non si può prevenire la torsione dell’altro testicolo facendo più o meno attività oppure prendendo delle medicine, ma solo con i punti. Se i punti fanno male o l’altro testicolo inizia a gonfiare, andate immediatamente al pronto soccorso. Se il testicolo che dà problemi è lasciato al suo posto, può rimpicciolirsi un po’, perché la torsione può provocare lesioni irreversibili. A volte, se un testicolo viene rimosso, l’altro può diventare più grande del normale, fenomeno noto come ipertrofia compensatoria.

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Andrologia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...