Esercizi di Kegel: allena il muscolo pubococcigeo per aumentare potenza sessuale ed eiaculazione

Sono definiti esercizi di Kegel, dal nome del dr. Arnold Kegel, che li ha ideati, delle semplici contrazioni volontarie attuate per esercitare i muscoli del pavimento pelvico. Questi esercizi vengono utilmente prescritti da noi medici in caso di incontinenza urinaria, ma sono ottimi per contrastare l’impotenza e l’eiaculazione precoce ed aumentare il piacere nel rapporto regalando addirittura una eiaculazione più potente.

Se ti interessa come aumentare il volume dello sperma e modificarne sapore, odore, colore e consistenza, clicca su questo link

COME ALLENARE IL TUO MUSCOLO PUBOCOCCIGEO

1) Trova il tuo muscolo pubococcigeo

Il muscolo pubococcigeo forma il pavimento della cavità pelvica e si estende, formando una specie di un’amaca, dall’osso pubico all’osso sacro (vedi immagine).

Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma MUSCOLO PUBO COCCIGEO KEGEL  Medicina Estetica Riabilitazione Nutrizionista Dieta Grasso Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Seno Luce Pulsata  Macchie Cutanee Pene Capillari Pressoterapia.jpg

Gli uomini possono individuare il muscolo pubococcigeo mettendo due dita subito dietro ai testicoli (in pratica tra lo scroto e l’ano). Per individuarlo prova questo semplice esercizio che puoi effettuare anche subito, anche se sei a lavoro (nessuno se ne accorgerà!): prova a fare finta di urinare, poi cerca di fermare improvvisamente il flusso con una veloce contrazione muscolare. Quel muscolo che hai appena usato per bloccare il flusso virtuale dalla vescica è il tuo muscolo pubococcigeo. Se non riesci ad individuarlo subito, non preoccuparti: la prossima volta che andrai in bagno ad urinare prova ad interrompere il flusso di urina, poi ricomincia a urinare per poi riprovare a bloccare il flusso. Con questo sistema sono sicuro che riuscirai a localizzare il “misterioso” muscolo!

Leggi anche:

2) Tendi il muscolo pubococcigeo venti volte

Una volta che hai capito come contrarre volontariamente il muscolo in questione, procediamo con l’allenamento, che puoi praticare ovunque, anche quando sei seduto alla scrivania del tuo ufficio. Per prima cosa cerca di tenere i muscoli delle cosce e dello stomaco rilassati e concentrati solo sul muscolo pubococcigeo, cercando di visualizzare mentalmente la sua posizione all’interno del tuo corpo.  Inizia a contrarlo e cerca di mantenere tale contrazione per uno o due secondi, poi rilassalo. Procedi per dieci volte l’esercizio di contrazione/rilassamento. Ripeti l’intera sequenza tre volte al giorno. Respira normalmente mentre esegui questo esercizio e cerca di evitare di trattenere il respiro.

3) Aggiungi dieci contrazioni molto lente

Appena sarete diventati pratici con l’esercizio precedente – basato sul controllo e sulla reattività del muscolo – potete aggiungere anche questo secondo esercizio, basato sulla resistenza. Esegui delle contrazioni molto lente di cinque secondi e  in maniera graduale fino ad arrivare a contrarre il muscolo pubococcigeo il più possibile. Usa i successivi cinque secondi per rilassare gradualmente il muscolo tornando nella posizione di partenza.

CONSIGLI E AVVERTENZE

1) Poiché gli esercizi del muscolo pubococcigeo coinvolgono movimenti solo interni e le contrazioni sono virtualmente invisibili alle persone intorno a te, puoi eseguirli praticamente ovunque: ad esempio, mentre sei seduto in macchina, in ufficio, all’università o mentre sei a letto.
2) Gli esercizi possono risultare un po’ difficili all’inizio. Sii perseverante e cerca infine di raggiungere, passo per passo, il numero massimo di ripetizioni. Potrebbero volerci alcuni giorni, o anche alcune settimane, per riuscirci.
3) Come ogni altro muscolo, il pubococcigeo può strapparsi o affaticarsi. Se senti dolore o avverti un crampo mentre esegui gli esercizi, fermati immediatamente.
4) L’esercizio del muscolo pubococcigeo è come l’esercizio di qualsiasi altro muscolo. Più ti eserciti e più veloci e di effetto saranno i risultati, ma il concetto più importante è la costanza.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Andrologia, Sessualità e storie d'amore e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Esercizi di Kegel: allena il muscolo pubococcigeo per aumentare potenza sessuale ed eiaculazione

  1. papiss ha detto:


    https://polldaddy.com/js/rating/rating.jsCiao….. mi puoi fare un disegno ……… Io non ho ancora capito dov’è….. grazie

  2. comix98 ha detto:

    Buongiorno, ma con contrarre lei intende spingere come a defecare o a orinare, o trattenere come quando non vogliamo andare in bagno e ce la teniamo?

  3. Pasquale Pingerna ha detto:

    Ciao sono Pasquale rispondo alla tua lettera del 18/12 14 .Sarei grato se mi manderesti
    un disegno,come massagiare questo muscolo puboccoccigeo .Sempre in private.grazie per il tuo aiuto

    • Manlio ha detto:

      Massaggiare? Devi solo farlo funzionare…!!! 🙂 mentre fai la pipi trattienila e poi rilasciala, e poi trattienila ancora… come fai a trattenerla? Grazie proprio a quel muscolo 😉 Ciao

  4. Pasquale Pingerna ha detto:

    Per favour mandami una foto dove si trova questo muscolo pubococcigeo non riesco ad indivituarlo

    • Manlio ha detto:

      Pasquale,1) siediti sul divano con la panza bella rilassata e le gambe aperte. Hai presente dove è lo scroto? ( cioè le tue bellissime “palle”) ecco, se alzi il “sacchetto dei gioielli” noterai, scendendo verso l’ano, che c’è una specie di sporgenza, o comunque una parte un pò più tosta. Ecco, quello è il muscolo “pubosailcazzo”. 2) Ti è mai capitato di giocare con il tuo gingillo quando è barzotto o in erezione, provando a muoverlo senza mani e senza muovere il corpo? ecco, facci caso, quando lo porti alla massima erezione, non senti che si stimola anche un muscolo dalle parti del tuo bel ano? se hai bisogno scrivimi in privato che ti faccio un disegnino 😛

  5. ottimi gli esercizi di kegel (meglio se all’interno di un percoso terapeutico, guidato) anche per superare egregiamente il vaginismo in un programma non farmacologico di sessuologia comportamentale mansionale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...