Il sale iodato è importante per prevenire le malattie della tiroide: in quali alimenti trovarlo?

Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Specialista in Medicina Estetica Roma SALE IODATO MALATTIE TIROIDE ALIMENTI Cibo Radiofrequenza Rughe Cavitazione Grasso Pressoterapia Linfodrenante Dietologo Cellulite Pancia Sessuologia Filler BotulinoLo iodio fa bene, non solo in caso di malattie tiroidee o per combattere l’esposizione alle radiazioni nucleari. Lo iodio fa bene a tutti e per questo motivo l’Organizzazione Mondiale della Sanità auspica che il consumo di sale arricchito con questo minerale aumenti fino a raggiungere il 95%. Ma le proprietà dello iodio e il relativo consumo sono ancora molto lontane da questo obiettivo.

Perché lo iodio fa bene?

Il sale iodato è il sale marino a cui viene aggiunto artificialmente dello iodio. Lo iodio è importante per salute delle persone e lo si rileva in modo ancora più evidente sulle persone che vivono in luoghi lontani dal mare: la carenza di iodio può causare dei problemi alla tiroide, fino all’ingrossamento della ghiandola e al formarsi del gozzo. In particolare nei bambini una mancanza di iodio può essere la causa di problemi nello sviluppo e di difficoltà nell’apprendimento. E´ fondamentale per il metabolismo di tutti gli animali e la stessa tiroide produce ormoni che contengono iodio. Per questo motivo si è pensato di aggiungere iodio al sale: perché è il modo più semplice ed economico per diffondere il prezioso minerale nella dieta di tutti.
A conferma di quanto lo iodio sia importante, una ricerca delle università inglesi di Surrey e di Bristol, pubblicata sulla rivista The Lancet, è giunta alla conclusione che lo iodio è direttamente connesso allo sviluppo intellettivo. Lo studio è stato condotto su un campione di mille donne in gravidanza: quelle che avevano una dieta ricca di iodio hanno avuto bambini con un QI superiore di tre punti rispetto ai bambini nati dalle donne che avevano una dieta carente di questo minerale.

In quali alimenti si può trovare lo iodio?

Innanzi tutto in pesci e crostacei, ma ne contengono una buona quantità anche il latte, la carne e le uova. Per quanto riguarda i cibi arricchiti artificialmente, oltre al sale iodato, si possono trovare in commercio anche le patate iodate e presto arriveranno altri tipi di verdura con aggiunta di iodio come pomodori, carote e insalata che si ottengono aggiungendo iodio al terreno: l’esperimento è stato condotto con successo presso l’università di Pisa. Saranno presto nei negozi anche latte e formaggi ulteriormente arricchiti, cosa che si ottiene aggiungendo iodio ai mangimi degli animali.

I dati ufficiali

Nonostante le ottime proprietà dello iodio, secondo l’Associazione Italiana Tiroide (l’Ait) e l’Oms se ne fa ancora poco uso: nel mondo soffrono per la carenza di iodio due miliardi di persone, delle quali il 40% ha gravi problemi alla tiroide che sono sfociati nel gozzo. Secondo l’Ait la percentuale di consumo di sale iodato in Italia si ferma al 54%, con 5 milioni di persone malate di gozzo, mentre l’Oms auspica un consumo del 95%, percentuale che è stata raggiunta in Svizzera e Austria.
In Italia esiste anche una legge, la numero 55 del 21/03/2005, che obbliga mense e negozi ad offrire accanto al sale marino comune anche quello iodato, ma nei ristoranti questo non avviene nel 23% dei casi. Per quanto riguarda gli esercizi commerciali, non rispettano la legge il 10% di essi. E’ previsto perciò il varo di una nuova legge con sanzioni fino a 6000 euro per i trasgressori.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente, Ormoni ed endocrinologia e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...