Muco con sangue (emoftoe): cause, mattutino, fumo, senza tosse

MEDICINA ONLINE MUCO ESPETTORATO CATARRO SANGUE EMOFTOE CHE COSA FARE CHIAMARE MEDICO ADULTI BAMBINI SANGUE VIVO SPUTO SALIVA TOSSE TUMORE POLMONI GOLA MALE MATTUTINO FUMO SIGARETTA SENZA.jpgCon emoftoe (in inglese “haemoptysis”) in medicina ci si riferisce all’espulsione di espettorato con tracce di sangue, di colore rosso chiaro, schiumoso e frammisto a catarro o escreato, in seguito ad un colpo di tosse. Si tratta di perdite di sangue che quindi presumibilmente provengono da golapolmone o da un qualsiasi altro tratto dell’apparato respiratorio, specie la parte più alta. Il colore dell’espettorato va dal rosso chiaro al rosso intenso e vivo. La gravità del sintomo dipende da moltissimi fattori come la quantità di sangue presente nel muco espettorato, dalla durata della manifestazione e – soprattutto – dalla causa a monte che ha determinato l’emoftoe che può essere lieve (ad esempio una semplice laringite) o grave (tumori dell’apparato respiratorio). In ogni caso, si tratta di un segno che non deve essere mai sottovalutato, specie se si presenta in forma cronica e NON isolata. L’emoftoe può essere:

  • acuta e transitoria o cronica;
  • diffusa in tutta la giornata o solo mattutina.

L’emoftoè è differente dall’emottisi: quest’ultima è invece una emissione di cospicue quantità di sangue dalle vie aeree senza però la presenza di muco. Emottisi ed emoftoe possono essere contemporaneamente presenti.

Etimologia

La parola emoftoe deriva dal greco αἷμα, àima, “sangue” e ϕϑόη, fthòē, “consunzione”.

Cause

L’emoftoe, come l’emottisi, può essere secondaria a varie cause o condizioni, alcune di lieve entità mentre altre più gravi, come carcinoma polmonare, bronchite cronica, tubercolosi, stenosi mitralica, bronchiectasie, infarto polmonare, Sindrome di Goodpasture ed aspergillosi bronchiale. Fattori di rischio sono il fumo di sigaretta, l’immunodeficienza e l’età avanzata.
L’espettorazione striata di sangue rientra tra i sintomi della bronchite cronica, condizione nella quale la tosse produttiva dura almeno 3 mesi e può associarsi a dispnea, torace a botte, cianosi ed ippocratismo digitale.  Un espettorato mucopurulento, talvolta striato di sangue, può presentarsi anche in presenza di broncopolmonite, edema polmonare, bronchiectasie, embolia con infarto polmonare e tubercolosi. L’emoftoe può rappresentare uno dei segni precoci del carcinoma polmonare. Il sangue nel catarro compare, infine, in caso di lesione polmonare, frattura costale, insufficienza cardiaca congestizia, cancro della laringe e della tiroide, aspergillosi ed ebola.
Le principali patologie associate al problema sono, schematicamente, le seguenti:

  • polmonite;
  • traumi, lesioni ed infezioni delle alte vie aeree;
  • edema polmonare;
  • embolia polmonare;
  • enfisema polmonare;
  • ebola;
  • fibrosi cistica;
  • infarto polmonare;
  • aspergillosi;
  • bronchiectasie;
  • bronchite;
  • broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO);
  • cancro della laringe;
  • cancro della tiroide;
  • insufficienza cardiaca congestizia;
  • frattura costale;
  • legionella;
  • lesione arteria polmonare;
  • lesione polmonare;
  • lupus eritematoso sistemico;
  • mal di gola;
  • malformazione cardiaca;
  • infezione da MRSA;
  • sindrome di Goodpasture;
  • sarcoma di Kaposi;
  • tubercolosi (TBC);
  • tumore polmonare.

Sintomi associati

Insieme all’emoftoe, sono molti i sintomi che possono presentarsi contemporaneamente ed è anche grazie a questi che il medico può essere facilitato nella diagnosi differenziale. Tra i più diffusi, ricordiamo:

  • emottisi (emissione di sangue senza muco);
  • febbre;
  • perdite di sangue nelle urine o nelle feci;
  • dolore al petto;
  • anemia;
  • vertigini;
  • dispnea (difficoltà respiratorie)
  • astenia (mancanza di forze);
  • facile affaticabilità;
  • calo della voce;
  • difficoltà a parlare;
  • tachipnea (aumento della frequenza respiratoria);
  • perdita di peso inspiegabile;
  • infezioni ricorrenti;
  • tosse frequente.

Leggi anche:

Diagnosi

La patologia alla base di una emoftoe, viene solitamente diagnosticata in base a:

  • anamnesi ed esame obiettivo;
  • radiografia del torace;
  • TAC;
  • risonanza magnetica;
  • broncoscopia, con o senza biopsia;
  • indagini di laboratorio (emocromo, colture microbiologiche, ricerca di sangue occulto nelle feci…).

Altri esami potrebbero prescritti in base all’ipotesi diagnostica.

Terapia

La terapia di una emoftoe è subordinata alla causa specifica a monte che l’ha determinata: curata la causa primaria, l’emoftoe dovrebbe cessare. In ogni caso, per tutti i pazienti, è del tutto consigliato lo smettere di fumare.

Quando rivolgersi al proprio medico?

Un singolo episodio di emoftoe, con quantità esigua di sangue e non associato ad altri sintomi, generalmente non indica patologia grave e spesso si risolve senza terapie specifiche. Episodi ripetuti di emoftoe, con elevate quantità di sangue ed associato ad altri sintomi come emottisi, febbre, perdite di sangue nelle urine o nelle feci, dolore al petto, vertigini e/o mancanza di respiro, potrebbero essere la spia di una patologia importante. In ogni caso è sempre importante interpellare il proprio medico.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Anatomia, fisiologia e fisiopatologia, Polmoni ed apparato respiratorio e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.