A che età inizia a crescere il seno nelle donne?

Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Flebologo Ecografia Vascolare Articolare STORIA SENO EMBRIONE MENOPAUSA Nei Medicina Estetica Luce Pulsata Depilazione Macchie Capillari Mappatura Rughe Dietologo Roma  Radiofrequenza Cavitazione Cellulite

Solitamente il seno comincia a crescere all’inizio della pubertà, quindi tra i 10 e i 13 anni, tuttavia questo dato è molto variabile. Ricordiamo che lo sviluppo puberale è considerato nella norma quando inizia dopo gli otto anni (nelle femmine, nove nei maschi), mentre prima di questa età è definito precoce, circostanza che però si verifica con una frequenza di un caso ogni 5-10 mila. Detto questo quindi, si capisce che non è così raro vedere nella bambina già dagli otto anni i primi segni di una certa maturazione sessuale, fenomeno tra l’altro in aumento negli ultimi decenni. Se accade, però, non ci sarebbe di che preoccuparsi perché nella maggior parte dei casi si tratta di una variante comunque normale della crescita. Il bottone mammario, che corrisponde all’inizio dello sviluppo della ghiandola mammaria, rappresenta nella maggior parte dei casi il primo segno di pubertà nel sesso femminile e precede generalmente di circa due anni – due anni e mezzo il menarca (la prima mestruazione).

Pubertà precoce?

Le ghiandole surrenali iniziano a produrre molto presto debolmente ormoni maschili e questo dà il via alla crescita dei primi peli pubici e ascellari e al cambiamento dell’odore emanato dalla pelle: sono trasformazioni di natura benigna, che non devono preoccupare i genitori, a meno che non siano accompagnate da un ingrossamento dei genitali e da un’importante crescita in altezza del bambino. Sarebbero infatti questi ultimi i veri segni di un’effettiva pubertà precoce alla cui base ci possono essere squilibri ormonali o patologie neurologiche più serie a carico di ipotalamo e ipofisi, anche di origine neoplastica. In questi casi sì, occorre consultare uno specialista per valutare la vera natura di uno sviluppo così anticipato. Dosaggi degli ormoni sessuali nel sangue, radiografia ossea ed ecografia degli organi genitali sono tutti esami che possono confermare una reale pubertà precoce, ed a questo punto gli endocrinologi potrebbero anche decidere di intervenire con una terapia farmacologica, per regolamentare una crescita che brucia le tappe e che potrebbe, per esempio, limitare la statura futura del ragazzo. Senza contare poi il supporto psicologico di cui chi entra troppo presto nella pubertà potrebbe aver bisogno, trovandosi bambino con un corpo che diventa adulto prima di quando accada ai suoi compagni di gioco.

 

 

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ormoni ed endocrinologia, Pediatria e malattie dell'infanzia, Senologia e prevenzione del tumore alla mammella e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.